NYC - vol.1

A New York ad aprile non ci sono più le mezze stagioni. Un giorno è freddo che pare inverno e il giorno dopo bisogna uscire in t-shirt per il caldo. Sarà per questo che i newyorkesi si vestono un po’ alla cazzo di cane che mentre tu sei avvolto in un piumino d'oca con la sciarpa che fa sette giri attorno al collo, ti passa di fianco una con le infradito e la gonnella di organza svolazzante che tu tiri fuori la mano dalla tasca per soffiarti il naso e ti vengono i geloni e quella invece avrà la pelle di corteccia per resistere a quel freddo. Oppure c’è la situazione inversa, di te che sei in maglietta con un sole che spacca le pietre e vedi quelli che hanno il cappotto e l’ombrello perché non si sa mai cambiasse il tempo all'improvviso. 

A New York sono in fissa con le porte girevoli che qui a Roma ce le ha solo l’Excelsior di Via Veneto e se hai la porta girevole significa che sei un fico da paura, mentre lì ce l'ha pure lo spaccio dell’indiano zozzone e a me mettono una paura che ho sempre l'ansia di rimanere preso a metà. 

Il negozio di Abercrombie sulla 5th avenue non è nulla di spettacolare e io lo immaginavo come la Disneyland della moda, ma invece quello di Londra è mille volte meglio. E poi è infestato di italiani e spagnoli e ora che ci penso, credo di non aver mai visto un americano con la scritta Abercrombie & Fitch cucita sul petto e ho l'impressione che sia una marca prettamente turistica. Un po' come comprare la palla di vetro con la statua della libertà che se le scuoti esce la neve o la maglietta con la scritta I♥NY. E dunque da bravo turista son tornato a casa con una scorta Aber a vita. 

A New York è più facile incontrare Jennifer Aniston in metropolitana piuttosto che trovare una bottiglia d’acqua naturale che lì sono tutte con aggiunta di vitamina C e zinco, orange and calcium, con solo 10 calorie, con taurina, proteine della frutta, glucosamine, ribose… ma una cazzo di Ferrarelle no? Comunque il bello di NY è che è piena di ristoranti che se ti svegli la mattina con la voglia di giapponese basta attraversare la strada e di sicuro ne becchi uno e se vuoi il fritto di KFC non devi fare troppa strada e se vuoi la pizza basta girare l’angolo e di Burger King ce ne sono a palate e poi i ristoranti messicani e quelli italiani e i cinesi e ad ogni angolo c’è un venditore di hot dog e se vuoi mangiare sano c’è il cibo macrobiotico. Ovviamente io non ho mangiato sano e sono ingrassato cento chili che il punto vita mi è sparito che ormai passo dalle spalle ai fianchi che sembro una lattina di coca cola. E comunque, per chi se lo stesse domandando, il ristorante coreano fa cagare e non fatevi fregare da quei bei tavoli di legno e l'arredamento etno-chic. Tutto ha il sapore di piedi e non ho ancora capito come dovevo mangiare quella zuppa che ho bevuto come fosse una tazza di latte... 

Il Metropolitan Museum of Art è enorme che per vederlo tutto bisogna prendere una settimana di ferie e trenta gocce di lexotan. Dentro c'è praticamente tutto quello che si studia sui libri che in confronto noi in Italia abbiamo quattro coccetti rovinati e basta, che poi gli americani, avendo una storia praticamente inesistente, si son rubati le cose un po' a destra e un po' a sinistra e così ci sono più cose egiziane che nella valle dei Re e poi le statue greche, per non parlare dei quadri che tutti quelli fotografati sui libri stanno qui. Insieme al biglietto dovrebbero dare un paio di rollerblade che alla fine della giornata, mi sono spuntate le vesciche pure sulle unghie dei piedi. 

Il Macy's dietro all'Empire State Building credo sia il negozio più grande del mondo, ma forse anche dell'universo che in confronto il Metropolitan Museum è un monolocale. Ha dieci piani e si estende per credo nove isolati che bisognerebbe girarlo con la metropolitana per fare prima. Per non lasciarci sfuggire nulla abbiamo deciso di girare un piano al giorno e ogni volta ne siamo usciti stremati, oltre che più poveri. Perché da Macy's quando scrivono la parola saldi, significa che gli sconti ci sono veramente e non come qui a Roma che prima alzano il prezzo del venti percento e poi ti fanno lo sconto del dieci. No, da Macy's le cose sono ribassate del sessanta, ma se cerchi bene anche dell'ottanta percento e allora come non prendere un paio di Levi's a soli quaranta dollari e cento paia di mutande Ralph Lauren e le magliette di DKNY che te le tirano dietro e Calvin Klein che è venduto come fosse H&M. Credo che con i nostri acquisti l'economia americana sia ripartita.
Share on Google Plus

About Lord79

Se Lord79 non vi piace, sappiate che mi chiamo Emilio.
    Blogger Comment

14 commenti:

  1. ahha mi fai pisciare e cagare addosso tutto insieme! :P

    RispondiElimina
  2. Bravo Lord, fai girare l'economia!!

    RispondiElimina
  3. Forse la ragazza con le infradito e la gonnella di organza svolazzante era una canadese in trasferta?

    RispondiElimina
  4. bellissima la nuova foto... :)

    RispondiElimina
  5. utente anonimo21 aprile 2009 14:10

    Ma non vendono anche l'acqua del rubinetto imbottigliata?

    Ho sentito di si.


    Daniele

    RispondiElimina
  6. beh per ora preferisco le tue foto a questo primo commento ....


    Pablo_VA

    RispondiElimina
  7. ecco perchè le borse stanno un pochino meglio! Grazie LRD! Lodi lodi lodi


    alebino

    RispondiElimina
  8. ma i saldi da macy's sono fissi o stagionali?

    no perché io potrei uccidere per l'intimo CK a prezzo di mercatino rionale

    RispondiElimina
  9. normalacid:

    Credo siano stagionali, o forse a rotazione fanno sempre qualche offerta, non lo so, però ti dico che Massi ha comprato tipo dieci paia di cK: Io son rimasto fedele alle Ralph Lauren che la scritta Calvin Klein sull'elastico mi fa un po' tramarrazzo.


    alebino:

    Zitto che proprio oggi stavo facendo i conti di quanto ho speso...


    Pablo_VA:

    allora nel secondo commento metterò anche qualche foto così sarai contento anche tu...


    Daniele:

    No, questa dell'acqua di rubinetto non l'ho mai sentita...


    magnolia08:

    Grazie... merito del fotografo (se, vabbè...)


    AtenaGlaukopis:

    No, ma tu ci scherzi, ma veramente la gente si veste senza prima affacciarsi alla finestra.


    zagial:

    Si, poi mi danno un premio? No, perché mi son fatto fuori quasi uno stipendio...


    yalen:

    Oddio, è una cosa bella o brutta?!

    RispondiElimina
  10. utente anonimo22 aprile 2009 03:22

    L'acqua di cui parlavo è questa:


    http://notizie.it.msn.com/curiosita/articolo.aspx?cp-documentid=9581867


    http://www.blog.designsquish.com/images/uploads/tapd_thumb.jpg


    pare sia buonissima e si trova anche nei bar.


    daniele

    RispondiElimina
  11. Splendida recensione! ad Agosto ci andrò anch'io e nn vedo l'oraaaaa :D

    Qualche altro consiglio è ben accetto!

    RispondiElimina
  12. lo sai che massi rischia la vita la prossima volta che ci vediamo vero?

    approposito sarà mooolto presto, quindi hai tempo per trovare una scusa e nasconderti

    RispondiElimina
  13. Invidia! Anche io vorrei andare a NY!

    E pure un altro mio amico ci è andato in questo periodo. Non è che eravate andati insieme!? :)

    RispondiElimina
  14. Ma le porte girevoli sono a mano, perchè "burn calories not energy" :)

    RispondiElimina