Quello che non sopporto al cinema


E con l'arrivo dell'inverno, andare al cinema è proprio una goduria che fuori magari piove e fa freddo, ma entrando nel dolce tepore di quella sala buia, è come lasciarsi alle spalle tutto il mondo e crearsi un microcosmo su misura. Si, questo nella teoria, perché poi nella realtà si becca sempre qualche coglione che rovina tutto l'idillio svelando ad alta voce che in realtà, la Mamma di Psycho è lui con la parrucca. E dunque, ecco la mia classifica delle cose che più odio al cinema. Ah, e comunque sabato scorso che sono andato al cinema, mi hanno chiesto otto euro per un biglietto. No dico... otto euros per un biglietto! Cioè, è praticamente una rapina che la settimana prima era sette e cinquanta e ora otto e non era neanche un film di quelli in 3D dove ti danno quegli occhialetti terribili che per fortuna che nella sala poi è tutto buio perché io con quei cosi in faccia non mi faccio vedere proprio da nessuno.

E ecco la classifica delle cose che odio, in ordine decrescente:

12. Le luci delle uscite di emergenza che certe volte capiti in delle posizioni proprio sfigate che ce le hai tipo a un metro e non notarle è impossibile e poi quando ci inizi a fare caso allora è la fine che almeno io, poi posso stare a guardare il film più bello del mondo, ma l'occhio mi continuerà a cadere sempre sull'immagine dell'omino bianco che scappa.

11. Chi arriva in ritardo e attraversa tutta la fila per raggiungere i posti e intanto sul grande schermo scorrono le prime immagini del film e loro, mica si siedono rapidi e zitti no, stanno lì cinque minuti in piedi a sistemare la giacca e piegare il cappotto.

10. Quelli che mentre ti scendono le lacrime a fiotti e stringi tra le mani nervosamente un fazzoletto di carta, loro son lì che sbadigliano rumorosamente e dicono sottovoce che questo film è una palla micidiale.

09. Quelli che ancora non sono partiti i titoli di coda, ma loro già si sono alzati con il pacchetto di sigarette in mano e stanno frugando in tasca per cercare l'accendino che io dico, se non riesci a stare due ore senza fumare allora affittati un film da Blockbuster e non rompere le palle a chi si vuole leggere i nomi dei truccatori e dell'aiuto parrucchiere.

08. Quando il tizio seduto al tuo fianco inizia a far traballare la gamba e dato che i posti sono tutti uniti, è la fila intera a vibrare senza sosta effetto tagadà.

07. I cinema con i posti così stretti che sembra di stare sugli aerei della Ryanair e non dico che debbano avere tutti gli schienali reclinabili o il bracciolo removibile come i cinema della WB, però il posto per mettere le gambe che cavolo, almeno quello è compreso nel prezzo!

06. Quelli che quando la luce in sala si spegne e iniziano a scorrere i titoli di testa con la musica in sottofondo, loro continuano a parlare perché si devono finire di raccontare un sacco di cose.

05. Quelli che si siedono con un cesto di popcorn in una mano e una botte di CocaCola nell'altra e per tutto il film non fanno che sgranocchiare come scoiattolo.

04. Quelli che hanno già visto il film e due secondo prima di una scena interessante dicono all'amico di fianco "Zitto, zitto, mo' guarda che succede...!"

E sul podio abbiamo:

03. Chi durante la scena più interessante del film, apre il cellulare per vedere che ore sono proiettando nei tuoi occhi un fascio di luce azzurrina.

02. Quelli che quando arrivi li trovi seduti al tuo posto e quando glie lo fai notare ti guardano scocciati e rispondono cadendo dalle nuvole "A ma perché so' numerati 'sti sposti?!". Si, sono tipo dieci anni che i cinema hanno messo i posti numerati.

01. Quelli che passano tutto il film a chiacchierare che io dico, se è tanto che non vi sentite, fatevi una telefonata che almeno risparmiate pure questi sette euro e cinquanta e soprattutto non rompete il cazzo a chi come me, sta cercando di seguire la trama. E poi quando gli dici di stare zitti, fanno pure gli scocciati e ti fanno passare per il rompipalle bacchettone che li hai interrotti.

Update:

untifosodiverso: Quelli che occupano uno o due posti con i loro cappotti e se gli chiedi, scusa, posso sedermi lì, ti rispondono NO. la faccia come il culo. 

Gentucco Grovacca: Quando davanti a te capita una con la cofana (stile afro o Tata Francesca) che tu ti puoi spostare quanto vuoi fino a fratturarti il collo che tanto la cofana ti raggiunge ovunque e alla fine riesci a vedere sempre e solo mezzo film.

Trillo: Quelli che mettono i piedi sopra i sedili o sopra gli schienali delle file davanti... a me e' capitato durante il film di girarmi e veder a 20 cm dalla mi testa la scarpa di quello dietro... fate vobis.

Luca: Quelli che alla fine del film fanno partire l'applauso... ma mica stamo al teatro!
Share on Google Plus

About Lord79

Se Lord79 non vi piace, sappiate che mi chiamo Emilio.
    Blogger Comment

14 commenti:

  1. Sei il compagno di cinema ideale :-)
    lascar

    RispondiElimina
  2. É vero! Il prezzo del biglietto è un ladrocinio, si dovrebbe andare al Ciné Cité di Porta di Roma dove se entri prima delle 4 paghi 4 Euro ( praticamente un'offerta inesistente, perché mi devi spiegare chi va al cinema prima delle 4, neanche se fosse un film sui Teletubbies o "Amore 14"!)
    Hai dimenticato di scrivere:
    - quando capiti accanto all'altoparlante e l'audio è così alto che alla fine , per assurdo, non riesci più a sentire ciò che dicono ed esci dalla sala con un orecchio sanguinante!
    _ quelli che ti appoggiano i piedi sullo schienale del sedile e, presi da un attacco improvviso del morbo di Parkinson, ti fanno tremare così forte che a te sembra di essere ad una simulazione di guida rallistica!
    - quelli che ti "rubano" i braccioli del sedile che tu preferiresti spezzartele le braccia pur di non lasciarle appese!
    - quando capiti in un sedile così appiccicaticcio che quando ti alzi ti si strappano pure i pantaloni e tu ti chiedi che cazzo di introccata c'avrà gettato quello per creare una tale colla!!
    - quando davanti a te capita una con la cofana ( stile afro o Tata Francesca) che tu ti puoi spostare quanto vuoi fino a fratturarti il collo che tanto la cofana ti raggiunge ovunque e alla fine riesci a vedere sempre e solo mezzo film!!
    Gentucco Grovacca
    P.S. grazie x avermi aggiunto ai tuoi lInks, me ne sono accorto  ora!
     

    RispondiElimina
  3. l'ultimo film che ho visto al cinema, la sala è stata invasa da un paio di gruppi di bimbiminchia truzzi e cellulari muniti. erano gruppi di una ventina di persone, e passavano il tempo a urlarsi da un lato all'altro del gruppo le ultime novità. e a farsi le foto col cellulare, nel buio della sala.

    RispondiElimina
  4. quelli che occupano uno o due posti con i loro cappotti e se gli chiedi, scusa, posso sedermi lì, ti rispondono NO. la faccia come il culo.

    RispondiElimina
  5. Una volta a un rumoroso individuo sub-umano, seduto al cinema pochi posti più in là del mio, è squillato il cellulare, ha risposto e, come se si trovasse in una piazza affollata, ha esclamato: "No, no. Non mi disturbi, tranquillo".
    Insurrezione (inutile) in sala ma lui ha continuato. Disgraziatamente anche ad esistere.

    RispondiElimina
  6. Sottoscrivo in pieno Tonline:
    è inquietante accorgersi di esser circondati da persone che tengono il cellulare acceso senza vibrazione e se squilla rispondono seraficamente con un tono da mercato del pesce.

    ps: confessa... quelli del punto 10 siete tu e Sir...

    RispondiElimina
  7. utente anonimo16 ottobre 2009 16:59

    bhe oltre agli otto euro che possono starci se il film merita io odio i 20 minuti e rotti che ti fan sorbire nelle sale della uci cinema... gia' costa un fottio il biglietto in piu' mi rendi gia' stufo con gli spot azzz
    fossero almeno quelli di quando ero piccolo ... spot fatti solo x il cinema un poco piu' lunghi di quelli televisisi e piu' simpatici e divertenti.

    per quanto riguarda i personaggi in sala  hai dimenticato quelli che mettono i piedi sopra i sedili o sopra gli schienali delle file davanti...
    a me e' capitatodurante il film di girarmi e veder a 20 cm dalla mi testa la scarpa di quello dietro... fate vobis


    trillo

    RispondiElimina
  8. io non sopporto quelli che dicono che un film è bello, quando è obbiettivamente una cagata! :D no scherzo, la bellezza è soggettiva! ;)

    claudio

    RispondiElimina
  9. Io faccio parte dei disturbatori della posizione n°6, in effetti durante la pubblicità e i titoli di testa parlo spesso coi miei vicini.

    E comuqnue...gran bella cosa lo sconto per universitari, peccato che ai Medusa multicinema siano valide solo al martedì. Ma adesso hanno aperto un altro multisala vicino a casa mia che li mantiene validi sempre!Ecco spiegato il motivo del perchè sono fuoricorso di xxx anni!

    Matt

    RispondiElimina
  10. utente anonimo18 ottobre 2009 01:51

    Io ho rinunciato ad andare al cinema per il momento.
    Filmone in hd at home e commento con gli astanti in piena liberta' e gare di rutto libero.
    Le volte che sono andato mi ha sempre dato fastidi quando durante l'intervallo che acceondo le luci,tutti si girano a guardare chi c'è,come, perche', quando, manco fossero alla scala quando io invece resto con lo sguardo fisso  da duro proiettato in avanti.



    Daniele

    ah dimenticavo, adesso il cinema lo faccio pure, giro corti.
    Ho rivisitato anche qualche vecchio classico anni 80', tipo i goonies.

    RispondiElimina
  11. utente anonimo18 ottobre 2009 01:52

    rettifico : mi ha sempre dato fastidio e accendono le luci.
    Ma non si puo' mettere l'edit nel messaggio, forse cosi' risolvo.
    HIhihih

    daniele

    RispondiElimina
  12. utente anonimo19 ottobre 2009 00:30

    Io aggiungerei anche quelli che alla fine del film fanno partire l'applauso... ma mica stamo al teatro!!

    Luca

    RispondiElimina
  13. Luca:
    quanto hai ragione! Lo inserisco in coda insieme hai miei.

    Ballestrero:
    Vabbè, c'è pure da dire che scritte così tutte insieme fanno più paura di come siano realmente...

    Daniele:
    Dai, il cinema non è sostituibile con i dvd, son due cose completamente distinte!
    E comunque grazie al cielo, molti cinema romani hanno tolto l'intervallo, il che è un pregio che neanche io ho mai sopportato la gente che si gira a guardare quanta gente c'è in sala... ma anche un difetto se stai guardando l'intera saga de Il Signore degli Anelli che se devi par pipì fai prima a farla nel bicchiere della coca cola.

    Matt:
    Ormai sono quasi più vicino agli sconti per gli over 65 che a quelli per gli studenti...

    claudio:
    Revolutionary Road era un capolavoro se è questo che intendi. Ecco!

    trillo:
    Che poi, facessero le pubblicità dei film in prossima uscita... invece no, son venti minuti delle pubblictà più disparate, dalla taverna della Sora Lucia che fa la pagliata più buona di Roma, alla spot del centro massaggi in viale Giulio Cesare.
    Comunque quelli con i piedi sopra i sedili, hai troppo ragione.

    AtenaGlaukopis:

    Confesso che durante Revolutionary Road lo stavo per lasciare.

    Max:
    Io la cosa che temo di più al cinema, sono le M&M's. La confezione formato famiglia costa più del biglietto e a me dura meno di uno starnuto che poi mi ritrovo con le guance piene di palline colorate che non posso neanche più respirare...
    Gesù mio, amo le m&m's nella confezione gialla...

    tonline:
    che poi dico, ma che ci vengono a fare certi individui al cinema...

    untifosodiverso:
    quanto è vero... ma ormai i cinema qui a roma senza numero del posto son proprio pochi quindi di quetsi inconvenienti se ne vedono sempre meno...

    byb1980:
    io odio quei genitori che hanno i bambini piccoli che se li portano perché non li possono lasciare soli a casa e quisti piangono in continuazione.

    ilgentuccogrovacca:
    quello con la cofana di capelli stile afro mi ha fatto morire perché è troppo vera.
    (ps. certo che ti ho aggiunto e ti tengo pure d'occhio... quindi riga dritto riga!)

    lascar:
    Si, sono veramente da sposare...

    RispondiElimina
  14. utente anonimo19 ottobre 2009 16:02

    Blu ray is the future. Cmq concordo, l'atmosfera che si respira al cinema non è paragonabile. Ci tornero' anch'io.


    daniele

    RispondiElimina