Lost - Impressioni sul finale di stagione

Lost è finito.
Non svelerò il finale e non vi dirò che Kate muore tra le braccia di Jack... ma no, dai, non sono così bastardo, scherzavo. Non voglio rovinare a nessuno questo ultimo emozionante doppio episodio intitolato semplicemente The End.
Per chi lo ha seguito fin dall'inizio e per chi sei anni fa ha deciso di appassionarsi a quel disastro aereo domandandosi cosa sarebbe successo ai nostri eroi, questo è un vero e proprio momento cult e probabilmente avrà passato queste ultime ore a leggere forum o facendosi domande su questo finale che, sinceramente, è un po' un volemose bene e si presta a varie interpretazioni. Per chi invece non lo ha mai seguito o aveva iniziato, però poi ha cambiato canale al secondo orso polare che è spuntato, allora questi sono giorni di ordinaria follia, nel senso che vi sembrerà assurdo tutto questo impazzimento appresso a quello che detta tra noi, è solo uno stupido telefilm.
Eppure...

Eppure Lost ha segnato un periodo e, come fece anzitempo Twin Peaks, ha preso le regole dei telefilm e le ha stravolte disorientando il telespettatore. Cioè, ma veramente non mi spieghi nulla? No, non te lo spiego... embè?!? Attori sconosciuti che improvvisamente diventano mito. Da oggi in poi Evangeline Lilly sarà per sempre Kate di Lost, come Jannifer Aniston sarà per sempre Rachel di Friends e non ci saranno scandali o film a tenergli testa, perché per chi li ha amati, loro avranno un solo volto e un solo nome. E' successa la stessa cosa al mio Kyle MacLachlan, che hanno provato a riabilitare in quel nuovo telefilm, ma io appena l'ho visto ho gridato: "Cosa ci fa l'agente speciale Dale Cooper tra le casalinghe disperate?" e da quel giorno ho smesso di guardarlo. Alcuni volti rimangono associati al loro personaggio per lungo tempo, come spesso per lungo tempo, continuiamo ad associare ad un nome, il ricordo che abbiamo di una persona. E così son passati quindici anni, ma io continuo a dubitare di tutti quelli che si chiamano Maurizio... ma questa è un'altra storia. Jack, Sawyer, Hugo, Locke, Sun... per sei anni sono entrati in casa mia e qualche volta gli ho voluto bene e qualche volta gli avrei menato e devo dire che c'è voluta la pazienza mia per proseguire a vedere un telefilm che ormai si reggeva in piedi con il nastro adesivo e pensavo: "Ora ci spiegheranno! Ora qualcuno risponderà a tutte queste domande...!" e poi è arrivata l'ultima stagione e poi è arrivato l'ultimo episodio e poi è arrivato adesso e le domande non hanno ancora avuto risposta e francamente neanche ha più senso farsi domande. Questo finale è... geniale? Inutile? Furbetto? E' il finale che hanno scelto e va bene così e non mi interessa più nulla delle botole e delle statue e di orsi polari o del fumo nero e del pulsante e non mi interessa nulla di 4 8 15 16 23 42.

Lost è finito. Punto. Fine. Bye-bye. Au revoir. Da domani non ci vedremo più. Adesso capisco che di questo Lost avrebbero potuto fare due stagioni, magari tre se proprio volevano tirarlo per le lunghe e invece hanno deciso di ricamarci sopra e di inventarsi trame assurde e intrecci macchinosi e sono arrivati a sei anni di programmazione. Eppure questi sei anni, son serviti a farlo diventare legenda. Io stesso forse non avrei scritto nulla se fossero state solamente poche puntate. E mentre scorrono ancora i titoli di coda e ognuno è pronto a dare la propria interpretazione: "Secondo me era tutto un sogno!", "Secondo me invece è una rivisitazione della Genesi" e "Secondo me invece è impossibile che Hugo sia stato su un'isola deserta senza dimagrire neanche di un etto!", io di questo Lost ho capito una cosa importante: che mi commuovono le scene a rallentatore montate su quella colonna sonora al pianoforte... maledetto Michael Giacchino! ci son caduto con tutte le scarpe e tu ci godi a vedere le lacrime scorrere sulle mie guance e questo Lost ha una delle colonne sonore più belle dai tempi di Angelo Badalamenti.

E perdonate ancora i miei rimandi a Twin Peaks (ma io con quel telefilm ci son rimasto veramente sotto). Son passati vent'anni, ma ho l'impressione che la domanda di base sia sempre la stessa e poco importa se sarà all'interno di una chiesa o se sarà in una stanza con le tende rosse; son passati vent'anni eppure il quesito rimane sempre lo stesso: ci si incontrerà di nuovo dopo la morte?

E adesso scusate, ma devo andare a bagnare con le lacrime, la lettera che sto scrivendo a J.J. Abrams... perché scene struggenti a parte, qualche risposta dovrà pure darmela perdio!
Share on Google Plus

About Lord79

Se Lord79 non vi piace, sappiate che mi chiamo Emilio.
    Blogger Comment

26 commenti:

  1. utente anonimo25 maggio 2010 10:35

    Certo che.....boh!
    Carlo

    RispondiElimina
  2. utente anonimo25 maggio 2010 11:10

    Io a Lost mi ci sono avvicinato per puro caso. Facevano, su Sky, le repliche della prima stagione, era estate ed ero a casa, al mare, da solo. E ne fui subito travolto. Poi a Lost si sono intrecciati eventi tutti tutti personali. Fu su un post di lost che l'allora non ancora mio fidanzato mi disse di tenere a portata di mano il cellulare, che da li a breve mi avrebbe chiamato. 

    E poi le ultime stagioni non le ho mai viste da solo, ma IP scarica, e ha il divieto assoluto di vederselo da solo. Perchè Lost lo si guarda assieme. E in fondo ha scandito alcuni momenti della nostra vita di coppia.

    Quindi ora devo assolutamente trovare un sostituto, qualcosa che gli piaccia da morire, ma che appena scaricato resta un'iconcina sul Mc che ha il divieto assoluto di vedere da solo....

    Max (che ringrazia per la mancanza di spoiler, visto che l'ultimo episodio deve ancora guardarlo)

    RispondiElimina

  3. Ok, è finito. Meno male.
    Non mi dovrò più sorbire amici isterici che parlano in auto di Lost mentre io guido escluso dai discorsi ad minchiam che questo film genera.

    Ah, e JJ Abrams mi sta sul cazzo....come dite? Anche FRINGE, il telefilm che io adoro, è di Abrams?
    Ah, ehm.... quindi... ecco... è un GENIO quest'uomo... :)

    e sicuramente ha trovato il modo di fare un pacco di soldi! :D

    Matt

    RispondiElimina

  4. Quando non si possono dare risposte concrete, spiegazioni razionali una serie può andare avanti all'infinito.

    E' facile spararle grosse, mescolare generi, inventarsi intrighi impossibili e poi sgonfiare tutto come una bolla di sapone, senza come e perchè...

    Quoto Matt !!
      

    RispondiElimina
  5. utente anonimo25 maggio 2010 12:31

    .. senti i stavolta nn so di cosa parli.. nn l ho mai seguito.. e visto i racconti ho fatto bene... e se sto telefilm fara' la fine di 90210 che dopo 20 anni ancora qualche volta te lo tirano fuori durante un caldo pomeriggio estivo.. andandomi a sostituire CALA CORVINO.. vediamo chi se lo ricorda! HIHIH.. allora ho fatto proprio bene a nn vederlo...

    in tutto cio' che hai scritto l unica cosa che mi incuriosisce e'... MAURIZIO... ho dedotto che nn fa parte di nessun telefilm.. e sinceramente e' questa la cosa che mi intriga di piu'!!....

    CMQ SICCOME COME AL SOLITO NN RIESCO A PARLARE DI COSE UN PO' PIU FINOCCHIE... TRA GLI ESEMPI DI STAR CHE RIMANGANO LEGATI A LUNGO AL LORO PERSONAGGIO TI CITO SAMANTHA! cosi so piu contento e credo di aver detto la mia anche questa volta...

    Biagina!

    RispondiElimina
  6. utente anonimo25 maggio 2010 13:17

    ...volevo solo ricordarti, visto che viviamo insieme, che delle stagioni 4 e 5, avrai visto al massimo 8 puntate...:)....e ti hanno fatto schifo....
    e comunque voglio qualcuno che mi spieghi sto cazzo di finale di Lost.!!!
    Sir

    RispondiElimina
  7. utente anonimo25 maggio 2010 13:59

    ...Lord falla finita....non ti ricordavi un cazzo, ho passato tutta questa 6a stagione a spiegarti cosa era successo nelle precedenti e a dirti chi erano i personaggi e non provare a dire che non è vero che stasera ti chiudo fuori....:)).

    E comunque il finale così come interpretato da te, se davvero hanno pensato a questo, è una cazzata col botto, che più cazzata sarebbe stata impossibile.
    Sir

    RispondiElimina
  8. utente anonimo25 maggio 2010 14:04

    @Sir: guarda, il mio di fidanzato l'ha pure guardato tutto, episodio per episodio, serie dopo serie. Ma niente: ogni volta gli dovevo fare il riassunto delle puntate presedenti. Sono passato ai disegnini, per cercar di aiutarlo....una fatica.....

    Max

    RispondiElimina
  9. utente anonimo25 maggio 2010 14:12

    Bah io ne ho visto alcune puntate ma devo che mi sono annoiato molto e poi non riuscivo a capire nulla (ho chiesto al fidanza di spiegarmi ma era tutto un sciiiiii che non capisco e poi ti spiego) preferisco il genere Sex in the city...........alla sera non me va de penzà!!!!!

    LEONIGLIO

    RispondiElimina
  10. utente anonimo25 maggio 2010 14:53

    Ho passato sei anni a guardare una serie (alcune stagioni l'ho anche riviste più di una volta) e alla fine??? non c'ho capito niente!!!!!! Ma proprio niente!
    Se ti va, Lord, dicci come hai inteso tu il finale, così giusto per farmi un'idea!
    Se l'intento degli autori era quello non solo di non rispondere a nessun interrogativo, ma anzi farne nascere molti molti altri, bhe, ci sono riusciti perfettamente! Non mi meraviglierei se fra qualche anno, se ne uscissero con un film "espicativo", come già successo per X-files!
    Avrei tante domande, ma credo che rovinerei il finale agli "others" che ancora non l'ha ancora visto!

    London

    RispondiElimina
  11. utente anonimo25 maggio 2010 16:57

    Io ho pianto e adesso senza lost come faro'?! mi sento perduto!
    Hugo non è dimagrito perche' avra' trovato nuovamente  qualche deposito  dharma nascosto.
    daniele

    RispondiElimina
  12. utente anonimo25 maggio 2010 16:58

    La risposta al tuo domandone finale è la seguente: non ci è concesso saperlo prima.

    daniele

    RispondiElimina

  13. Le lacrime scendevano ininterrotte, anche alla seconda visione dell'episodio finale.

    RispondiElimina
  14. utente anonimo25 maggio 2010 20:02

    Io invece sono rimasto molto soddisfatto dal finale, anche perchè si sapeva da oltre un anno che molte cose non le avrebbero spiegate.
    Un finale banale non lo avrei accettato. Questo è stato meraviglioso, in pienio stile Lost.

    DavideBoh

    RispondiElimina
  15. utente anonimo25 maggio 2010 20:09

    senti e quand e' che parli dei costumi da bagno e di quelle orrende scarpe viola??? io mi sento escluso!!!!...

    e poi chi e' che si firma London... VA BEH CHE IO SO BIAGINA.. ma credevo di avere l esclusa sulla citta'!!!

    RispondiElimina
  16. Non leggo niente Lord, sono rimasta terribilmente indietro. Colpa tua che tempo fa hai sponsorizzato i diari dei vampiri e mi sono ossessionata a tal punto che aggiunto pure Edward/Stephan alla lista lunghissima di telefilm fra cui gray's, Gossip Girl, Glee e States oF Tara, sto diventando matta. L'isola è un'esperienza devastante, appena mi rimetto in sesto, la riacchiappo dalla puntata 13 di questa serie. AIUTO!

    RispondiElimina
  17. utente anonimo25 maggio 2010 22:23

    Volevo sottolineare il tuffo a pesce da primato olimpionico di sawyer.
    Noncurante dell'altezza l'ha eseguito senza pensarci due volte quando 3 minuti prima la sua preoccupazione era di portare le chiappe in salvo.

    Daniele

    RispondiElimina
  18. utente anonimo26 maggio 2010 02:39


    Ad essere sinceri a me il finale non è piaciuto!

    L'ipotesi del limbo mi sembra la più sensata, forse una sorta di "rivincita" sul "Live Together, Die Alone" che veniva fuori spesso durante la serie, specialmente dalla bocca di Jack che quindi alla fine è costretto in un certo qual modo a ricredersi!

    Tu dici "Tutto il resto è contorno; orsi, pulsanti botole e luci, non sono altro che sfondo". Però sto sfondo è durato per ben sei stagioni!!! Avrebbero potuto trovare un modo per spiegare dettaglitamente tutti gli incastri, senza lasciare interrogativi! Si è capito solo che un gruppo di persone precipita su di un'isola deserta, "attirato" da Jacobs, che insieme agli others cerca di proteggere l'isola dal fumo nero, che per lasciarla deve distruggerla, e da tutti i curiosi che sono attratti dalle sue caratteristiche elettromagnetiche, vedi Charles Widmore! I candidati alla fine riescono ad uccidere il fumo nero e a salvare l'isola, con Hugo che prende il posto di Jacobs! E tutto il resto??? Anche gli ultimi due episodi sono pieni di interrogativi, tra i quali per esempio:

    - Se Desmond è l'unico con la capacità di resistere alla forza elettromagnetica che si sprigiona dalla fonte di luce, come mai Jack non muore una volta che ha riposizionato il "tappo"? Ed, invece, riesce ad arrivare alla foresta di bamboo dove tutto era iniziato?? Come fa a risvegliarsi sullo stesso tronco dove Jacob aveva trovato il fratello morto???

    - Perchè John Locke dopo l'operazione dice a jack che non ha un figlio???

    - Perchè nella chiesa, alla fine, non ci sono tutti i naufraghi morti? Dove sono, per esempio, Nikki e Paulo (quelli che erano stati sepolti vivi insieme ai diamanti)??? E Michael??

    - Linus non entra in chiesa perchè ancora non è morto???

    - E perchè nella "sacrestia" della chiesa ci sono simboli di tante religioni??? I Budda e i vari simboli sulla vetrata??? Forse gli autori sono stati mossi da uno spirito ecumenico, dopo aver inquadrato più volte la statua stile Cristo redentore di rio nel giardino antestante la chiesa???

    - Forse è meglio se non mi faccio tutte queste domande??? :D

    London

    P.S.: il tuo nick è Biagina e vivi a Londra!
    Il mio nick è London e vivo a Brindisi!
    non credo che ci sia conflitto di interessi, anche se dici di avere l'esclusa sulla città... :D

    RispondiElimina
  19. utente anonimo26 maggio 2010 02:44

    ah verooooooooooooooo
    hihihihihihih

    danielee

    RispondiElimina
  20. utente anonimo26 maggio 2010 02:45

    Scommetto che josh ha chiesto espressamennte agli autori di emulare la scena dello spot.
    mica scemo!
    daniele

    RispondiElimina
  21. utente anonimo26 maggio 2010 02:48

    Tra l'altro io uso lo stesso profumo. Mi sa che faccio una parodia dello spot appena il tempo si sistema e scendo al mare. :-)))

    daniele

    RispondiElimina
  22. utente anonimo26 maggio 2010 13:05

    Ho trovato la location per lo spot! :-))))

    http://img138.imageshack.us/img138/2980/dsc01088out2.jpg


    daniele

    RispondiElimina
  23. utente anonimo #30
    Io credo che le linee generali del telefilm siano chiare a tutti e su questo non ci piove, però secondo me i dettagli sono importanti, perché stai facendo un telefilm che dura sei anni e non un film per il cinema dove ovviamente si guarda alla trama principale e basta.
    In un telefilm ci sono le sottotrame e le storie parallele che diventano importanti tanto quanto il tema principale e invece questo finale, è un finale che potevano fare indistintamente anche cinque anni fa perché non tiene conto di nient'altro se non la storia iniziale.
    Ti faccio un esempio come hai fatto tu: hai presente lo zucchero filato? C'è il bastoncino che regge tutta quella nuvola di zucchero. Ecco, la trama principale di Lost è il bastoncino e nel corso degli anni gli hanno cucito addosso lo zucchero. Se togli lo zucchero, il bastoncino è sempre lì solido, ma non puoi far finta di non vederlo e quando lo mordi te lo chiedi che sapore ha. Mi sono spiegato?
    Per il resto, sei libero di andare in giro con le magliette I Love Lost e comprarti tutti i dvd della serie come io sono libero di dire che è stato un telefilm che è partito alla grandissima, e che nel corso degli anni si è spento.

    RispondiElimina
  24. Ok J.J.Abrams, vedo che non hai capito nulla nel mio discorso sulla storia principale e quelle secondarie. Direi che l'argomento si può chiudere qui, tanto non ci prendiamo e mi da noia parlare con quelli che pensano di avere ragione senza ascoltare gli altri.
    Grazie comunque di aver espresso la tua opinione.

    RispondiElimina
  25. ...io sono uno di quelli che avrebbe ascoltato e visto la soluzione di molti misteri che sono stati lasciati inspiegati in LOST. 
    Ho trovato inutile arrivare fino ad una sesta stagione, senza aggiungere quasi nulla di nuovo alle precedenti e mettendo sempre più carne al fuoco che male si legava con tutto quello che già c'era.
    Per non parlare del finale che ho trovato davvero brutto.
    Ma questi sono solo gusti e opinioni personali.
    SIR

    RispondiElimina

  26. SIR,
    hai pensato che Lost è un telefilm in prima persona (si apre con la visuale dal punto di vista di Jack e finisce con la visuale dal punto di vista di Jack, ogni singolo personaggio ha un suo flashbak, ci sono campi lunghi nella foresta dove vediamo quello che vede il personaggio di turno) e che quindi per essere fedele a questo non può far conoscere agli spettatore qualcosa che i personaggi stessi non conoscono?

    Prendi anche l'esempio della botola o delle porte. In alcuni film o telefilm, lo spettatore vede cose che il personaggio non vede. Ad esempio una carrellata di quello che si trova dietro una porta chiusa. In Lost non è mai successo. Il contenuto di un posto lo vediamo solo quando un personaggio riesce ad entrarci e vediamo quelle che vede con i suoi occhi.

    Quindi prendiamo il mistero dei simboli egiziani. Avete mai pensato che non possiamo sapere cosa sono quei simboli perché nessuno lo sa.
    Nemmeno nella memoria di Jacob o di Nemesis c'è un ricordo legato a quei simboli, perché c'erano gia prima. E le morti delle donne in cinta? Loro non lo sanno perché mioiono, ne prendono atto come i medici che prendono atto di malattia delle quali dopo decenni ancora non si conosce la causa. E i poteri di Walt, Hurley, Jacob? Ma che ne sanno loro perché ce li hanno. Non lo sapeva nemmeno Cole nel Sesto Senso o Bruce Willis in Unbrekeable. E infatti in quei film accettavamo che non conta da dove vengono i poteri, ma come i protagonisti li usano per far andare avanti la trama della storia.

    A me sembra, a parte qualche eccezzione, che tutti i misteri non spiegati sono quelle cose che non potevano sapere nemmeno o protagonisti e che non potevano essere rivelate agli spettatori senza tradire lo stile narrativo di Lost.

    RispondiElimina