Qualunquemente


Cetto La Qualunque è un personaggio nato nel 2003 all'interno di una trasmissione RAI e diventato poi molto più noto grazie a Mai dire domenica.
Cioè, io veramente non lo sapevo che fosse un personaggio televisivo; lo ho scoperto solamente ora e però c'è da dire che da quando ho Sky, guardo solo cose colte tipo Ristrutturo e ci Guadagno o Project Runway e i canali di RAI e Mediaset praticamente ...cosa essere RAI e Mediaset? Capite bene che quando ho sentito parlare per la prima volta di questo Cetto La Qualunque, credevo fosse un film come un altro e il trailer mi aveva incuriosito (anche se Albanese non è che mi sia mai stato particolarmente simpatico) e i posti per Immaturi erano finiti e quindi abbiamo deciso di riversare su questo Qualunquemente.
Il film è leggerino, intendiamoci, ma non è affatto sciocco.
I riferimenti agli scandali attuali tipo Ruby e compagnia bella sono evidenti, ma involontari e frutto di tristi coincidenze (la sceneggiatura è stata scritta 3 anni fa); anche perché il film non è una critica nei confronti del berlusconismo, ma un attacco a 360° alla corruzione politica senza puntare il dito né sulla destra, né sulla sinistra.
Quello di Albanese è semplicemente un mondo che somiglia in modo inquietante al nostro e dove gente gretta e disonesta vive alle spalle delle persone per bene che fanno la figura dei tonti e dei fessi (quindi nulla di nuovo).
È da manuale (e mi ha fatto proprio ridere), la scena in cui viene richiesta la ricevuta fiscale; un gesto fastidioso, ma che ancora troppo spesso va fatto per colpa di commercianti che si credono troppo furbi per pagare le tasse.
Portare sul grande schermo un personaggio nato in televisione e cresciuto mediante singoli skatch è un'impresa complicata e pericolosa, ma in questo caso credo sia riuscita abbastanza bene grazie ad un mondo completo che viene costruito attorno al personaggio comico di Albanese e se vogliamo ho trovato un po' fiacco il ruolo del barese travestito da milanese, interpretato da Sergio Rubini, ma adesso non voglio mettermi a fare il critico cinematografico da quattro soldi, insomma.
Albanese fa ridere, ma rimane anche un po' di amaro in bocca per il suo attingere continuamente al nostro mondo reale ridicolizzandolo e rendendolo una barzelletta e insomma, senza stare troppo a girarci attorno: il film è carino, ma non eccezionale. Ecco.
Share on Google Plus

About Lord79

Se Lord79 non vi piace, sappiate che mi chiamo Emilio.
    Blogger Comment

8 commenti:

  1. A me Albanese piace molto, ho amato moltissimo un paio di suoi film non comici, mentre quelli comici con personaggi derivanti da sketches televisivi di solito mi stancano un po', perchè è difficile reggere per due ore ciò che invece solitamente si regge su pochi minuti televisivi. Condivido il tuo giudizio sul film, carino, abbastanza divertente, ma nulla di eccezionale: eh... sì, la sensazione più forte è proprio il sottile fondo di amarezza che lascia. Pensa che sentivo un'intervista di Albanese in cui diceva che è talmente involontario l'accostamento con gli accadimenti di questi giorni, che la sceneggiatura del film è stata interamente scritta tre (diconsi TRE) anni fa... quando la realtà supera - tristemente - la fantasia!

    RispondiElimina
  2. A me Albanese proprio non piace. Ma è la prima volta che leggo un tuo giudizio su un film che non è una stroncatura quindi mi sa che vale la pena andarci :)

    RispondiElimina
  3. >>>Barone
    Io Albanese non è che lo sopporto molto, come non sopporto tutti i comici che fondano la loro comicità su un dialetto troppo forzato e poi in generale ho un problema con i comici che mi fanno tristezza al pari dei pagliacci. Però questo film non è una serie di battute cucite assieme e quindi direi che è venuto fuori abbastanza bene.

    >>>Roccia
    Non è vero che è il primo giudizio positivo dai! Mi fai fare la figura dello spoccioso con la puzza sotto il naso.
    Degli ultimi 5 film che ho visto al cinema, il mio giudizio è stato:
    Qualunquemente: carino
    Tron Legacy: caruccetto, ma nulla di nuovo.
    We Want Sex: bello (e stiamo già a 3 film di fila che non ho stroncato).
    Precious: inutile
    Harry Potter e i doni della morte: orrendo.
    (ok, questi ultimi due li ho stroncati).

    RispondiElimina
  4. L'ho visto domenica, a me è piaciuto molto. Ho fatto fatica a ridere però, non perché non fosse divertente ma perché riconoscevo la realtà nelle sue battute, non c'è niente da ridere. Mi ha fatto morire la caricatura del figlio di Boss, era a dir poco geniale.

    PS: Anche io dovevo andare a vedere Immaturi ma era tutto pieno :P

    RispondiElimina
  5. anch'io ho visto e recensito quel film - sapessi che gastrite... - e ti posso assicurare che quello di Cetto Laqualunque, non è un mondo, è una regione e si chiama calabria,la conosco molto bene e la tratto come l'aids: se la conosci, la eviti!
    Ho visto il film per vedere come veniva rappresentata e devo dire che obbiettivamente è davvero grezza. Purtroppo però, rispecchia moltissimo la realtà!
    E quella realtà, che ho vissuto sulla mia pelle, non la dimenticherò mai!

    RispondiElimina
  6. Lord, Roccia: avete mai visto "La Seconda Notte di Nozze"?

    RispondiElimina
  7. onestamente non mi piace Albanese ne il genere di film :(

    Domenica sono andato a vedere Immaturi, film davvero molto carino e con ottime battute :)

    RispondiElimina
  8. Ho paura che Albanese possa andare bene per sketch televisivi di qualche minuto, ma con la durata di un film possa risultare noioso... Volevo andare a vederlo, ma degli amici mi hanno un pò smontato, sicché...

    RispondiElimina