Lady Gaga - Born This Way (Deluxe Edition)



Io sono del 1979, Lady GaGa è dell'86 e insomma; non siamo proprio coetanei, ma non siamo neanche così distanti di età probabilmente siamo cresciuti con la stessa musica e siamo andati entrambi in giro per casa con il walkman in mano e le cuffiette nelle orecchie canticchiando i 4 Non Blondes o Cher o Whitney o Madonna. Per quale motivo vi dico questo? Perché questo Born This Way è un concentrato di suoni che quelli della mia età hanno di sicuro già sentito e vissuto. Troviamo ritmi degli anni ottanta e novanta e però la signorina Germanotta non si è limitata solo a prendere spunto dalle atmosfere di quel periodo, ma è andata oltre copiando e tagliando e incollando nel suo disco, alcune strofe o ritornelli o motivetti del passato e in alcuni casi il risultato non è neanche male e alcuni pezzi sono veramente potenti; ma per uno come me che negli anni ottanta ci è cresciuto, rimane impossibile non riconoscere quei brani e oltretutto io non sono neanche un grande intenditore musicale e riconosco solo i pezzi più commerciali e popolari e chi sa quanti altri copia e incolla non colgo.
Born This Way è per certi versi un disco coinvolgente e originale e per altri invece un'insopportabile cagata che prende in giro l'ascoltatore sfruttando la sua ignoranza o la giovane età dei suoi fan e non dico che Stefani abbia palesemente plagiato alcune canzoni... nossignore, dico solo che ci sono molte tracce che ricordano qualcosa di già sentito e a tratti sembra l'esercizio di uno studente che non sapendo in che modo partire, riprende i vecchi successi del passato rivisitandoli e questo si fa nella moda attualizzando bozzetti del passato e si fa nell'arte ricalcando alcune pose dei grandi artisti e si fa nell'architettura riprendendo soluzioni vincenti e rivisitandole con le esigenze moderne.
Lady GaGa ha fatto lo stesso. Alcuni brani sono innovativi, ma altri guardano palesemente al passato e quando però ti tornano in mente per filo e per segno le parole dei brani originali, bhe allora forse c'è qualcosa che non va.

Marry The Night
4:24
Traccia apripista che parte lenta e dopo pochi secondi esplode in tutta la sua potenza rivelandosi un ottimo pezzo dance. Diciamo che è un po' il brano simbolo di questo album, nel senso che se vi piace questo, allora probabilmente vi piacerà anche il resto del disco.
voto: ★★★★

Born This Way
4:20
L'avevano presentata come la canzone inno dei tempi moderni; avevano detto che ascoltandola alla radio milioni di colombe con un ramoscello di ulivo nel becco si sarebbero sprigionate in aria e la comunità omosessuale avrebbe finalmente gioito e saremmo vissuti per sempre felici e contenti. Poi quando il brano è uscito, si è rivelato solo una pezzo orecchiabile e che strizzava palesemente l'occhio alla Madonna di Express Yourself. Ecco spiegato il successo di Lady GaGa e ecco riassunto in un solo pezzo tutto l'album Born This Way; qualcosa di già sentito, magistralmente riproposto ad un pubblico di ragazzini che non conoscono le canzoni del passato. 
voto: ★★★★★

Government Hooker
4:14
Terzo brano e ancora siamo nella parte bella del disco, nel senso che il beat è potente il testo interessante, per un pezzo che fa ballare, ma anche riflettere sul rapporto tra sesso e potere. Bello l'intro quasi lirico e i bassi che pompano forti. A mio avviso il pezzo migliore del disco, anche se quel "As long as I'm your hooker, Back up and turn around" ricorda un po' troppo Groove is in the Heart dei Deee Lite [ASCOLTA GROOVE IS IN THE HEART].
voto: ★★★★

Judas
4:10
Secondo singolo nonché pezzo assai brutto di cui ho già parlato [QUI]. Fastidioso l'urletto lamentoso, fastidioso il ritornello che sembra uno scarto di The Fame Monster. Sinceramente non c'era proprio bisogno di questo ponte con il vecchio disco.
voto: ★★★★★

Americano
4:06
Pezzo che son sicuro dividerà il pubblico. Io per esempio lo odio, ma potrebbe diventare facilmente un tormentone estivo anche perché se ha avuto successo We No Speak Americano allora c'è speranza per tutti. Immaginate un misto tra qualcosa di gitano alla Ain't it Funny di J.Lo, remixato però da un vostro amico aspirante dj e con qualche sfumatura da festa di paese sagra della porchetta.
voto: ★★★★★

Hair
5:08
Hair è un pezzo che per certi versi fa tanto Lady GaGa, ma non la GaGa commerciale di Bad Romance, quanto piuttosto quella un po' più sofisticata di Speechless o Teeth e son sicuro che sarà uno di quei pezzi che danno il massimo cantati live e a mio avviso è un pizzico troppo danzereccio e l'avrei preferito più rock, ma dopo Americano mi sarebbe andato bene anche un remix di Là sui moneti con Annette [MOMENTO AMARCORD].
voto: ★★★★★

Scheiße
3:45
Il pezzo inizia con una GaGa che dice parlando - Non parlo tedesco ma posso se vuoi - e la base parte subito aggressiva e lei inizia a dire cose in tedesco che avrei bisogno del traduttore di google per capirle e il pezzo spacca di brutto con un beat super techno e il brano sarebbe super fico se non ci fosse quel ritornello che invece fa tanto canzone dance polacca. Se togliete il ritornello però è una figata pazzesca. Ah e per la cronaca, Scheiße significa "merda". Sì sì, avete capito bene; proprio la cosa marrone che esce dal sederino...
voto: ★★★★★

Bloody Mary
4:04
Momento più pacato con un ritornello che è palesemente quello di Paparazzi fatto girare più lentamente e una strofa che si ispira a Happy Nation degli Ace Of Base e era il 1993 quando ascoltavo questa canzone e cazzo quanto mi piacevano gli Ace Of Base. Vediamo se anche voi sentite qualche similitudine [ASCOLTA HAPPY NATION].
voto: ★★★★★

Black Jesus + Amen Fashion
3:36
Ancora una volta Express Yourself di Madonna tagliata, frammentata e incollata in modo casuale, per un pezzo che non dice nulla e che sembra anche Madonna nel timbro di voce.
voto: ★★★★★

Bad Kids
3:50
Altra traccia che non dice nulla di interessante, con un beat già sentito mille volte negli anni novanta e già era noioso all'epoca. 
voto: ★★★★★

Fashion Of His Love
3:39
Altro pezzo che ricorda Madonna in ogni momento e praticamente copiando Express Yourself GaGa s'è fatta tre canzoni; come se noi fossimo tutti deficienti da non accorgercene. La chicca perè, è quando si scopre che ci sono anche dei pezzi di I Wanna Dance With Somebody buttati dentro. Cioè, ma si credeva che Whitney Houston l'ascoltava solo lei? Avrei voglia di prenderla a randellate sulla nuca...
voto: ★★★★

Highway Unicorn (Road To Love)
4:15
Con questa Autostrada Unicorno non capisco da che parte stiamo andando perché inizia benissimo e poi però sembra tre canzoni differenti tutte messe nello stesso brano. Un po' dance, un po' rock un po' bho. E poi dura troppo.
voto: ★★★★★

Heavy Metal Lovers
4:12
Finalmente si ricomincia a ragionare con questo brano che fa un po' Goldfrapp, ma che comunque non è male anche se è forse più elettronico e meno dance, più colto e meno commerciale.
voto: ★★★★★

Electric Chapel
4:12
E eccolo il secondo pezzo meraviglia dell'album; un mistone tra rock, elettronica e pop che poteva essere un capolavoro e invece si senta sotto lo zampino di Kylie Minogue e la sua Cupid Boy e ancora una volta GaGa non riesce a farcela da sola, ma ha bisogno di scopiazzare qualcuno e ok, le note sono sette e prima o poi si incappa in qualcosa di già sentito e però cazzo, possibile che la metà dei brani contenuti in questo disco ricordino qualche pezzo del passato? [ASCOLTA CUPID BOY]
voto: ★★★★

The Queen
5:17
Bel pezzo con un testo potente che ci aiuta a credere in noi stessi e cercare la regina che abbiamo dentro e però peccato che il ritornello sia Song For The Lonley di Cher [ASCOLTA SONG FOR THE LONLEY]. A metà canzone il registro cambia e entra una schitarrata che bho, sembra quasi che la canzone durasse troppo poco e allora ci hanno aggiunto questo pezzo anche se non c'entra nulla.
voto: ★★★★★

Yoü And I
5:07
We Will Rock You che incontra Brian Adams che incontra la sua vecchia Speechless. Non è male, ma messa al fianco di Americano ci si domanda come sia possibile che due canzoni così diverse tra loro per contenuti e forma, facciano parte dello stesso album. Il finale è palesemente copiato da What's Up! dei 4 Non Blondes e ancora una volta GaGa dimostra di avere un buon gusto musicale... voglio dire, poteva copiare gli Eiffel 65 e invece ha scelto una canzone cult degli anni '90, mica scema. [ASCOLTA WHAT'S UP!]
voto: ★★★★★

The Edge Of Glory
5:20
È uno dei miei pezzi preferiti e sarà pure commerciale e sarà anche scopiazzato da Cher e sarà quello che volete, però mi piace e lo trovo potente e orecchiabile. A quanto pare diventerà il terzo singolo ufficiale dell'album.
voto: ★★★★
Share on Google Plus

About Lord79

Se Lord79 non vi piace, sappiate che mi chiamo Emilio.
    Blogger Comment

10 commenti:

  1. arà che anche io come la Germanotta sono dell'86 e quindi rientro nella categoria dei "ragazzini" ignoranti riguardo la musica del passato ma che te devo dì Lord.. Quest'album MI PIACE... e neanche poco! Le mie preferite sono senza dubbio MARRY THE NIGHT, BORN THIS WAY, JUDAS (ebbene si ahahaha), "QUELLA TEDESCA" (di cui non ho voglia di copiare e incollare il titolo :P), ELECTRIC CHAPEL e YOU&I!!! Per me son tutte qualcosa di nuovo. :D

    RispondiElimina
  2. devo ancora ascoltarmelo meglio ma la tua recensione è decismaente utile ;-) Corro a sentire Scheiße! :-P In tedesco magari suona più sexy

    RispondiElimina
  3. il successo di lady GaGa e' fondamentalmente dovuto alle nuove generazioni. ai ventenni di oggi che della musica degli anni 80/90 conoscono poco o niente a meno che non abbiano qualche fratello/sorella o amico piu grande.

    La Germanotta e' furba e sa che nel panorama musicale sono sempre meno i ragazzi e ragazze della new generation che ascoltano i vecchi brani.

    Poi le basta farsi portatrice di messaggi di amore e uguaglianza sopratutto per quanto riguarda i gay che, specie i gay, impazziscono e considerano capolavoro qualsiasi cosa lei dica o faccia.

    Onestamente ho scoltato solo 3 brani... born this Way, Judas, e the edge of glory...

    Considero molto piu bella Express Yourself anche come video (decisamente molto avanti per l'epoca) che non Born This way; di judas mi piace solo il balletto legato al ritornello. The edge of glory e' Ok, senza lode e senza macchia. Gli altri brani non li ho ascoltati ma onestamente ne faccio a meno.

    RispondiElimina
  4. >>>awkward
    Ok, l'album ti piace e più o meno hai anche elencato le stesse canzoni che piaciucchiano a me, ma concordi con il fatto che alcuni motivi ricordano un po' troppo altre canzoni? Vi ho messo i link apposta per fare il paragone e giudicare da voi stessi.
    Ovvio che nessuno nasce imparato, ma chiudersi e non voler imparare mi sembra veramente perdere un'occasione... e io vi sto dando l'occasione di conoscere canzoni simbolo dei miei anni.

    >>>Il Porno Gay
    Ma io e te non ci conosciamo ancora o sbaglio? E allora ecco il mio ben venuto ufficiale sul blog.
    Corri ad ascoltare l'album e poi fammi sapere!

    >>>SkraM
    Condivido la tua riflessione e aggiungo che ok prendere spunto dal passato, ma in questo disco ci sono veramente troppe sonorità già sentite. Comincio a pensare di essere stato troppo generoso con i voti...

    RispondiElimina
  5. Oggi ero in un negozio di dischi con una mia amica di 50 anni.
    La tentazione di comprarmelo è stata forte perchè volenti o nolenti è uno dei fenomeni mediatici/sociali più importanti degli ultimi anni e comunque è un frullatone di tutto quello che mi è sempre piaciuto musicalmente anche se è pur sempre vero che ingrediente gustosi e di pregio mescolati in dosi e quantità non ben bilanciate possono dar luogo a piatti porcata.
    Dalle casse dello stereo del negozio stavano suonando BTW.
    Ad un certo punto inizia Yoü And I e dopo un pò la mia amica mi dice:
    "ma come sono antichi in questo negozio ma che è un GH delle canzoni che andavano quando ero ragazzetta?"
    "No, è l'ultimo disco di Lady Gaga"
    "Ah ecco..."
    Ti sembra ci sia da aggiungere altro?
    Mi riserverò in futuro di scriverti una mia impressione sul fenomeno Lady Gaga in parallelo al fenomeno Glee con i dovuti distinguo.


    NB: la mia amica di cui sopra è una che è stata sempre nel giro delle discoteche negli anni 80/90 e che ha una discreta cultura musicale a differenza di me che giusto quelle 4 sgallettate del pop ho sempre ascoltato.
    G.

    RispondiElimina
  6. Sono d'accordo con te, "Fashion of his love" è proprio uguale uguale a "I Wanna Dance With Somebody", che anche io dopo due-secondi-due che l'ascoltavo per la prima volta l'ho realizzato subito.

    Alla fine è un album ben fatto e mi piace e si lascia ascoltare con piacere... Ma, cara Lady Gaga, anche meno!!

    Crea tutta questa aspettativa intorno alle canzoni, ai video, alle esibizioni, a tutto... E poi? Se ti va bene, la sua nuova canzone assomiglia alla sua vecchia dell'anno precedente (vedi Judas-Bad Romance ed altre), altrimenti ad una canzone vecchia di 25 anni fatta da altri artisti...

    In fin dei conti è solo pop, fly down Stefani!

    RispondiElimina
  7. Lord: grazie per il benvenuto! Sono capitato su questo blog cliccando in giro a caso per chissà quali siti e non ho potuto fare a meno di curiosare in giro :P

    RispondiElimina
  8. >>>Gianguido
    Ecco, insomma. Forse io e la tua amica dovremmo uscire insieme e diventare migliori amici.

    >>Enrico*
    Ma tipo che io non riesco a cantarla senza fare: "IIIIIIIIwannaaadance with somebody!"
    Identiche.
    L'album è caruccio e lo hai visto dai miei voti, però dio santissimo,un pochino preso in giro mi ci sento, ecco.

    >>>Il Porno Gay
    E io ho dato uno sguardo al tuo blog e ti ho inserito di diritto nella mia lista di blog che consiglio!

    RispondiElimina
  9. Per la cronaca la parte iniziale di "Scheibe" è stata usata per la sfilata di Mugler. =)

    RispondiElimina
  10. >>>Anonimo 02 giugno 2011 12:47
    Sì, sì, lo sapevo, però con tutto rispetto parlando, ci aggiungerei anche un bel chi se ne frega, ecco.

    RispondiElimina