The Amazing Spider-Man


Impossibile parlare di questo nuovo Spider-Man senza prima chiedersi: - Ce ne era veramente bisogno? -. La risposta la conosciamo tutti ed è ovviamente no.
Eppure è divertente vedere come tutta questa smania per i cine-comics (nata proprio grazie allo Spider-Man di Sam Raimi), dopo aver inghiottito qualunque personaggio uscito dalla penna Marvel e averci sbomballato i coglioni con pilot su pilot per poi sfociare nel noiosissimi The Avengers, sia tornata al punto di partenza e abbia riportato sul grande schermo un nuovo uomo ragno, ricominciando la storia da zero. A soli cinque anni dall'ultimo episodio. Da pazzi.
Che poi, avrei capito la rivisitazione moderna se i precedenti film fossero stati un flop tremendo, ma invece la trilogia di Sam Raimi è stata più che apprezzata e come dimenticare gli sguardi persi nel vuoto del nerd Tobey Maguire o le smorfiette di Kirsten Dunst o la frase "Da grandi poteri derivano grandi responsabilita"?
Il pazzo che si è cimentato nell'assurda impresa di resuscitare le vicende di Spider-Man, è il semi esordiente Marc Webb che, dopo aver passato una vita a girare video musicali più o meno inutili, decide di confezionare un blockbuster milionario da primo posto in classifica e la cosa più assurda, è che ci è riuscito alla grande.
Intento a far dimenticare il supereroe di Raimi, questo nuovo Spider-Man parte da presupposti completamente diversi e per la prima volta si analizzano aspetti inediti, come ad esempio il rapporto tra Peter Parker e i suoi genitori e poi c'è una bella evoluzione che porta questo ragazzetto mezzo sfigato e con la faccia da nerd a diventare il supereroe e si dà ampio spazio a quei personaggi secondari, come per esempio gli zii di Peter. E proprio riguardo a questo argomento, scopriamo che la nuova Zia Mary è la Sally Field di Brothers & Sisters ed è subito cazziatoni e facce stupite e abbracci amorevoli e mi aspetto di vedere da un momento all'altro Kevin e Scotty (...che poi Brothers & Sisters per tre stagioni è stato una figata colossale, ma verso la fine era diventato peggio di Beautiful).
Supera l'esame a pieni voti anche Emma Stone, che nei panni di Gwen Stacy ha il compito di far innamorare il giovane Spider-Men e gettare nel film quel tocco di teen-movie con un pizzico di Twilight che tanto piacerà agli adolescenti e dici: - Ok, tutto bello e tutto molto romantico, ma l'azione vera, quando si scatena? -.
Ecco, questa è probabilmente l'unica pecca della pellicola. Infatti, forse a causa del basso budget messo a disposizione dalla Sony o forse per distanziarsi quanto più possibile dal capitolo precedente, qui i combattimenti tardano ad arrivare e gli amanti dell'azione ne rimarranno forse delusi.
Il film è come spezzato in due parti e mentre la prima è divertente ed emotiva come una commedia di Jennifer Aniston, la seconda è ricca di azione e a tratti anche spaventosa e per vedere un po' di scene che Uhaoh! dobbiamo aspettare oltre la metà del film e vi assicuro che il film dura veramente una cifra (quasi due ore e mezza).
Insomma, questo nuovo The Amazing-Spiderman è un film al quale non avrei dato una lira e invece è proprio ben fatto e tiene testa in modo egregio al lavoro di Raimi, superandolo anche per certi versi. Intendiamoci, l'effetto deja-vu qualche volta è si fa sentire e il villain di turno è leggermente sottotono e passa dall'essere super buono a super cattivo in troppo poco tempo per essere credibile e c'è anche da dire che il lucertolone è francamente realizzato peggio di quanto non lo fosse l'Hulk degli Avengers (e quello era veramente brutto eh), ma direi che viste le premesse iniziali, questo nuovo Spider-Man può iniziare alla grande una nuova saga dedicata all'uomo ragno.
Share on Google Plus

About Lord79

Se Lord79 non vi piace, sappiate che mi chiamo Emilio.
    Blogger Comment

7 commenti:

  1. Magari adesso ricominciano da capo e fanno il reboot di tutti i supereroi...
    Cmq se ti è piaciuta Emma Stone ti consiglio (se non l'hai visto) the Help, dove lei è la protagonista e dà una prova decisamente migliore che in Spider-man.

    RispondiElimina
  2. emma stone SUPERLATIVA in "easy a", ovviamente da vedere in lingua.

    spider-man visto ieri: alti e bassi... ma non gli stessi che consideri tu.

    p

    RispondiElimina
  3. beh dai, Marc Webb ha fatto anche quel capolavoro di 500 days of Summer! immaginavo quindi che ci fosse un po' l'elemento teen-drama alla twilight..

    comunque lo vedrò sicuramente..

    ps: il tuo blog è bellissimo!! l'ho scoperto solo ora! :D

    RispondiElimina
  4. Non mi toccare the avengers XD

    RispondiElimina
  5. >>>XieZhi
    Il primo ad arrivare sarà quello di Superman....
    E sì, The Help visto e piaciuto molto.

    >>>pepito
    Easy A mi manca; pensavo fosse una mezza minchiata da teenager.
    Riguardo a Spider-man, condivido gli alti e bassi, anche se non ce li abbiamo in comune.

    >>>Riccardo Kaiser
    Lo sai che 500 days of summer mi manca! Vedrò di recuperarlo.

    >>>Narciso.
    Ma per favore! Lo ho trovato noiosissimo. Se sei curioso di sapere il mio parere leggi qui:
    http://lord79.blogspot.it/2012/04/avengers.html
    ma immagino non condividerai nulla.

    RispondiElimina
  6. recupera immediatamente Easy A e 500 Days OF Summer perché sono FAVOLA SUPERTOP TREMILA...

    RispondiElimina
  7. 500 days of summer (500 giorni insieme) è una delle commedie preferite del mio ragazzo, infatti è per questo che lui è venuto a vedere Spider-man, perché il regista è lo stesso...

    RispondiElimina