Django Unchained


Io con Quentin Tarantino non sono mai andato d'accordo. Nel senso che riconosco la sua bravura nell'aver creato qualcosa di "nuovo" e aver girato un paio di titoli veramente interessanti, ma quando vedo i suoi film, mi sembra sempre di stare con quegli amici geek che continuano a sbrodolarsi addosso tutto quello che sanno e non ti lasciano intervenire, perché tanto le cose le sanno meglio di te. E anzi; ho come l'impressione che il genio creativo e popolare di Tarantino, in questi ultimi anni si sia un bel po' imborghesito, puntando a per far breccia nei cuori dei critici hollywoodiani e dimenticandosi delle sue origini.
Django Unchained riprende i vecchi spaghetti western solo a parole, perché poi nei fatti non c'entra proprio nulla con i vecchi film alla Sergio Leone e la storia è praticamente questa: c'è Jamie Foxx che è bono anche quando gli fanno fare la parte di uno schiavo negro deperito e arriva un cacciatore di taglie tedesco che lo libera e insieme si mettono a catturare spietati fuorilegge e la loro amicizia li porterà a liberare la moglie di Django che lavora come schiava nella casa di Leonardo Di Caprio. Titoli di coda.
Praticamente una versione rivista e corretta di Kill Bill, misto a Bastardi senza Gloria. Il tutto raccontato con la solita ironia da B movie che contraddistingue quasi tutti i film di Tarantino e però con un brodo talmente allungato, da far gridare "noia!" in più momenti.
Ok, la scena del simil Ku Klux Klan che va a cavallo con i cappucci sulla testa è divertente e fa sorridere, ma era proprio necessario farla durare dieci minuti? E stesso discorso per molte altre parti del film, così fine a se stesse da farti dire troppo spesso: "Vabbè, ma quindi?". Anche perché il sommarsi di queste scene inutili, alla fine fanno sì che il film arrivi a durare quasi tre ore e intendiamoci, io non sono contro i film troppo lunghi, ma la durata deve essere anche giustificata da momenti e racconti significative e non da inutili sequenze, messe dentro solo per l'egocentrismo del regista che continua a fare autocitazioni su autocitazioni.
Se il tutto si regge in piedi senza essere soporifero, è grazie all'attentissima e impeccabile colonna sonora, che spazia dal tema musicale Django tratto dal film del 1966, ai 2Pac a Ennio Morricone e ci buttano in mezzo perfino la nostra Elisa. Insomma, un mischione di suoni che detta in questo modo possono sembrare stravaganti, ma che invece sono amalgamati alla perfezione e leggo anche che l'astro nascente Frank Ocean aveva scritto una canzone per il film, ma poi Tarantino l'ha dovuta tagliare perché non riusciva a trovare una scena adatta a quella musica e, considerato il numero di sequenze inutili che ha messo dentro, poteva anche creare una scena per il giovane Frank, che io amo molto.
Insomma, la regia è ottima, come anche i paesaggi e i dialoghi sempre brillanti e gli attori perfetti e senza dubbio è lodevole la tematica della schiavitù e l'accoppiata bianco-nero fa riflettere e subito rimanda a temi politici e discorsi rivolti al razzismo. Ma una volta accese le luci in sala, la sensazione è quella di aver bevuto un litro di tè, fatto utilizzando solo una bustina.
Share on Google Plus

About Lord79

Se Lord79 non vi piace, sappiate che mi chiamo Emilio.
    Blogger Comment

0 commenti:

Posta un commento