Il grande e potente Oz


Tutti conosciamo il film "Il Mago di Oz" e se per caso qualcuno non lo conoscesse, si dia fuoco con la benzina, ché è talmente un cult movie, che è impossibile non averlo visto almeno una manciata di volte. Quello che forse non tutti sanno, è che nel 1985 fecero anche un seguito dal titolo "Nel fantastico mondo di Oz" e diciamo che non fu proprio un seguito ufficiale, nel senso che il film riprendeva alcuni elementi della storia precedente (come ad esempio le scarpette di rubino) e però furono abbastanza furbi da creare una trama totalmente nuova e con nuovi personaggi e che si ispiravano liberamente ai romanzi di L. Frank Baum. Il risultato fu un film dignitoso, che non ebbe successo al botteghino, ma che divenne presto un classico degli home video. Questo giusto per dire che la storia del Mago di Oz era già stata profanata in passato. Adesso qualcuno deve aver pensato fosse giunta l'ora di rispolverare le atmosfere magiche del Regno di Smeraldo ed ecco arrivare nelle sale cinematografiche "Il grande e potente Oz", che poi sarebbe un prequel del film con Judy Garland.
Ora, c'è un cavillo legale molto divertente e sarebbe che la Disney detiene i diritti sul libro di Baum, ma il film del 1939 aveva apportato sostanziali modifiche al romanzo originale e tutte queste modifiche, come ad esempio le famosissime scarpette di rubino (quelle originali erano in argento), sono sotto copyright e appartenenti alla Warner e non si possono toccare. Immaginate quindi la difficoltà di fare un prequel cercando di salvare capra e cavoli e Sam Raimi ha fatto i salti mortali per riuscire a confezionare un film credibile e però l'occasione è completamente andata a fare in culo e per 127 minuti è un po' come se ci debba convincere che questo è veramente il prequel de Il Mago di Oz e lo fa inserendo nella trama una marea di citazioni, anche dove non ce ne è bisogno.
Probabilmente la parte peggiore del film, arriva quando sentono il bisogno di spiegare come l'amorevole strega dell'Ovest, interpretata da una sempre gnocca Mila Kunis, si è trasformata nella perfida strega dalla pelle verde e vogliono trovare a tutti i costi giustificazioni e cercare di farcela stare simpatica per motivare il suo improvviso cambio di comportamento e però questo non è Star Wars e lei non è Darth Vader e non ce ne frega nulla di sapere in che modo è passata al lato oscuro. E poi, possibile che nessuno si sia accorto che quel trucco verde l'ha resa molto più simile ad una versione femminile The Mask, piuttosto che alla strega di Dorothy?
Insomma, disastro totale. La sceneggiatura de Il Grande e Potente Oz fa acqua da tutte le parti, tutto il film è un mistone di diplomazia e buonismo senza un minimo di coraggio e i riferimenti al film del 1939 si susseguono fastidiosi, dimostrando che senza di essi la pellicola non avrebbe motivo di esistere. Eppure, è ugualmente un successo clamoroso al botteghino e per giunta Sam Raimi ne esce pulito; sottolineando che aveva le mani legate e che ha dovuto fare un film accontentando le major sopra di lui.
E come se non bastasse, quella tortellona di Mila Kunis si è lasciata sfuggire in un'intervista, che tutti gli attori hanno già firmato per un secondo capitolo, ambientato ancora una volta nel Regno di Smeraldo, vent'anni prima dell'arrivo di Dorothy.
Qualcuno è veramente intenzionato a distruggere per sempre un film capolavoro e Judy Garland si starà rotolando nella tomba.
Share on Google Plus

About Lord79

Se Lord79 non vi piace, sappiate che mi chiamo Emilio.
    Blogger Comment

15 commenti:

  1. io mi ritengo già fortunatissimo ad essere uscito dalla sala con la mascella ancora perfettamente in asseto, che a forza di sbadigli ero sicuro mi cascasse nel cesto dei popcor.
    E una volta fuori la domanda è stata: "ma perchè? ma ce n'era bisogno?". Domanda che più retorica non si può.

    Ma invece che fica era la strega con le teste nelle teche? altro che futurama

    RispondiElimina
  2. Ehmmm io non lo conoscevo. Arrivo a sapere della casa volante, delle scarpette rubino e dei tre amici che incontra nel tragitto ma per il resto buio totale. Posso salvarmi dicendo che ho solo 26 anni? :D

    RispondiElimina
  3. Lord ma il fattore James Franco non lo consideriamo? Un sorriso di James salva baracca e burattini?

    RispondiElimina
  4. >>>Max
    Stesso sentimento provato da me, una noia che levati proprio.
    Aridateme la strega con le teste nelle teche. Ma quanto faceva paura?

    >>>Sono Romeo
    No, non sei giustificato. Vai a comprare una scatola di fiammiferi o rimedia immediatamente.

    >>>i-Psoas
    Se il film passa è solo grazie a lui e alle facce di Michelle Williams. Il resto è noia.

    RispondiElimina
  5. limortacci sui ke stracagata....fa rimpiangere persino i nanetti del film originale del 39.....almeno quello aveva la piccola Judy Garland e over the raimbow....vera icona gay....sorry sempre piu convinto che i capolavori del passato non DEVONO essere toccati

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma più che altro non ce ne era proprio bisogno di sta cagata cosmica. Proprio per niente.

      Elimina
  6. La noia di un film....per di piú ho avuto anche il dispiacere di vederlo in 3D quindi non solo il sonno, ma anche un fastidio agli occhi a fine film.
    Un seguito di questo scempio? Anche no grazie.
    Ah, per favore, schiacciate quella bambolinna di porcellana...uno dei personaggi piú irritanti nella storia del cinema!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io visto in 3D. Ho cercato un cinema a Roma che lo facesse senza occhialetti, ma è stato impossibile. Di sicuro con il seguito non mi fregano.

      Elimina
  7. D'accordo con te.. film pessimo..
    James Franco in quel ruolo da viscido mi dava la nausea..
    Molto meglio come hobgoblin...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vabbe comunque sempre caruccio lui...

      Elimina
  8. Io odio Judie Garland
    e la sua Doroty troppo cresciuta
    e le canzoni tutte in inglese
    compresa la più famosa di tutte
    E i suoi amici che non ci provano neanche a essere diversi da degli umani
    e che sono degli (sconosciuti) lavoranti piovuti dal suo mondo

    Insomma, non sopporto proprio questo film cheha 70 anni e che tutti continuano a trovare emblematico del mago di oz, ma che con il libro del mago di oz c'entra poco.

    Ma davvero non si puo' andare oltre?
    Davvero non si riesce più a creare un film da grande schermo sul primo libro di Oz?

    Onestamente, speravo che questo prequel aprisse almeno uno spiraglio
    E il film (nonostante i riferimenti al precedente) mi e' piaciuto.
    Un bel bocconcino lui, con le facce giuste al momento giusto, e una storia per bambini che e' quello che io mi aspetto da un film su Oz.

    Purtoppo invece sembra che uscirà un altro sequel del prequel
    Come dicevo, confronto del cavolo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi dispiace che non ti ti piaccia il film originale, però accetta il fatto che se tutti lo hanno additato come un semi-capolavoro, forse quella con i gusti un po' strani sei tu. Anche perché se dici che invece Il grande e potente Oz ti è piaciuto...

      Elimina
  9. Ma poi la storia della strega dell'Ovest che da buona diventa perfida è già il tema di un libro di G. Maguire, "Strega", pubblicato anni fa e da cui è stato tratto il musical Wicked. Applausi agli sceneggiatori per l'ottima trovata...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sai che non ci avevo proprio pensato a Wicked e hai proprio ragione!

      Elimina
  10. a me è piaciuto... fottetevi U.U

    RispondiElimina