Noi siamo infinito


La frase sulla locandina dice: "Diventerà il vostro film preferito dell'anno" e vabbè, è normale che scrivano una cose del genere, ché quelli devono vendere e non possono mica dire "Noiosetto, andate a vedere il film nella sala accanto" però, per una volta hanno avuto ragione e probabilmente Noi siamo infinito diventerà il mio film preferito dell'anno. Che poi vabbè il titolo originale The perks of Being a Wallflower (che potremmo tradurre come: i vantaggi di essere tappezzeria) era molto hipster, tuttavia a noi piacciono i titoli dozzinali e anche un po' alla Federico Moccia e quindi ecco arrivare nelle sale italiane Noi siamo infinito.
Visto il trailer, mi aspettavo una commediola mezza drammatica per teenager intellettualoidi e con la puzza sotto il naso e invece mi son trovato a guardare un film che arriva al cuore entrando sotto pelle, infilandosi sotto le unghie e facendo vibrare tutti gli organi interni. Che tradotto significa lacrime e sorrisi dall'inizio alla fine. Però non sono le lacrime di quei film drammatici dove muoiono tutti e tu ti senti straziato, ma sono lacrime di chi è stato capace di raccontare una storia toccando le giuste corde.
Che poi, il film è tratto da un libro uscito quattordici anni fa e divenuto caso editoriale negli Stati Uniti (io non lo avevo mai sentito) e la storia è quella di un ragazzino confuso e impacciato, che arriva al suo primo giorno di scuola e si ritrova a guardare le vite degli altri come fosse carta da parati e praticamente è la storia di ogni adolescente che si rispetti; perché non so voi, ma io a quattordici anni ero complicato esattamente allo stesso modo e forse proprio per questo motivo, questo film mi è entrato dentro.
Noi siamo infinito ha un trailer che probabilmente punta a conquistare un pubblico di adolescenti, ma che a conti fatti risulta più appetibile per un pubblico di grandicelli, che si ritroveranno a guardare le avventure dei tre protagonisti, tornando indietro con la memoria e rivivendo un bel po' di momenti "amarcord", perché anche se lì sono negli Stati Uniti e certe dinamiche sono proprio tipiche dei college americani, certi sentimenti non hanno confini geografici e li abbiamo vissuti tutti quanti.
La regia è ineccepibile (il regista è anche l'autore del libro) ed Emma Watson, al suo primo vero ruolo da protagonista dopo la noiosissima saga di Harry Potter, dimostra di essere cresciuta e perfettamente in grado di lasciarsi alle spalle lo scomodo personaggio di Hermione.
Insomma il mio consiglio è quello di correre al cinema a guardare Noi siamo infinito, perché molto probabilmente diventerà anche il vostro film preferito dell'anno.
Share on Google Plus

About Lord79

Se Lord79 non vi piace, sappiate che mi chiamo Emilio.
    Blogger Comment

8 commenti:

  1. Mi hai convinto... Credo sia proprio un film per le mie corde!

    RispondiElimina
  2. Hai convinto anche me, ci vado.

    RispondiElimina
  3. sicuramente mi ha scossa...
    ma l'anno è ancora lungo!

    RispondiElimina
  4. Non mi uccidere, ma fai un errore frequente XD.
    "E" e "PERO'" non puoi metterli vicini perché sono congiunzioni opposte, usa "TUTTAVIA".
    Ciao Emi :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma figurati, da te ho tutto da imparare. Ho corretto e prometto di starci attento da ora in poi.

      Elimina
  5. M'hai incuriosito. Bene, minaccerò qualcuno per andare a vederlo dato che mi diranno tutti di no! :D

    RispondiElimina
  6. A me è piaciuto :)
    Ecco chi era la fighetta hipster! Ermione Grenger!!
    Mi sembrava di conoscerla!! E' stata bravissima!

    RispondiElimina
  7. Ti do una scusa per rivederlo: guardalo sottotitolato in inglese - gli attori seppur giovani sono proprio bravi. E così ti perdi anche il titolo alla Moccia :) - e ti consiglio anche la bellissima colonna sonora anni 80 della quale non v'è traccia nella tua rece... male, male, male :) - JJ

    RispondiElimina