Solo Dio perdona


Diciamo la verità, questo Nicolas Winding Refn non se lo inculava di pezza nessuno; ha diretto una manciata di film tra i quali un certo Pusher che è diventato noto nel 1996, ma poi il tempo è passato e Refn è tornato nell'anonimato fin quando non è arrivata la grande produzione statunitense e l'opportunità del Festival di Cannes e il film Drive che ha vinto la Palma come miglior regia ed è diventato un piccolo cult incassando quasi ottanta milioni di dollari e aggiudicandosi anche una nomination agli Oscar.
Ok, Drive era bello, ma questo non significa che adesso Refn debba fare tutti i film uguali e invece ha preso lo stesso attore di Drive e praticamente anche lo stesso personaggio taciturno di Drive e lo ha piazzato in Thailandia a gestire un traffico di droga e poi ha presentato il film al Festival di Cannes sperando anche questa volta in un premio e però il pubblico proprio scemo non è e quindi anche se la campagna pubblicitaria ha fatto di tutto per spacciarci questo Solo Dio Perdona come l'erede spirituale di Drive, in verità ci siamo accorti tutti che questo film è una cagata colossale.
Ok le immagini sono belle come quadri e sono belli i colori fluo e i contrasti tra i rossi e i blu e però tutti questi esercizi di stile diventano privi di senso se non c'è una buona sceneggiatura dietro e la storia è di una noia mortale e la vicenda della vendetta non si regge proprio in piedi e il protagonista che si muove lento come una moviola ha rotto abbastanza le palle, perché lo abbiamo già visto in Drive, ma pure in Come un Tuono e io direi che è giunta l'ora di scrivere e delineare un nuovo personaggio.
Che poi, il riferimento al cinema orientale è più che palese e anche apprezzabile e le scene volutamente violente e che disturbano lo spettatore sono di grande effetto, ma il problema è che quando ci si prende troppo sul serio si rischia di cadere nel grottesco e purtroppo qui ci sono troppe situazioni in cui non si capisce se la comicità sia voluta o involontaria e il risultato è che quando il poliziotto tira fuori i punteruoli dai capelli della donna e dal vaso di fiori e dal secchiello del ghiaccio e tortura il povero malcapitato, tutta la sala anziché affondare le unghie nel bracciolo per la tensione, ride a crepapelle con un grane WTF stampato sul volto.
Insomma, se volessi fare quello con la puzza sotto il naso direi che il film è un capolavoro e che il pubblico mainstream non lo capirà perché è ormai abituato a vedere solo film demenziali, ma la verità è che questo Solo Dio Perdona è proprio un brutto film e Ryan Goslin con le sue facce da pesce lesso ha quasi stufato. Quasi.
Share on Google Plus

About Lord79

Se Lord79 non vi piace, sappiate che mi chiamo Emilio.
    Blogger Comment

7 commenti:

  1. Una volta lessi che bisogna sempre diffidare dei film in cui sulla locandina c'e scritto "dal regista di....." perchè è un chiaro segno che i produttori vogliono campare di rendita dalla popolarità del film precedente con un film che già sanno non essere un capolavoro.
    Poi trovo che Goslin sia come attore che come uomo sia un po' sopravvalutato.

    RispondiElimina
  2. Non ho visto il film e di certo non lo andrò a vedere. Nicolas Winding Refn mi sta sulle palle da quando ha fatta valhalla rising in cui uomini muscolosi non facevano altro che massacrarsi di botte. Il suo pregio è solo quello di aver studiato a tavolino un'estetica che fa della simmetria e del colore il suo punto focale. dietro c'è poco. Ryan Goslin poi ha le spallucce all'ingiù e di viso non se po' guarda'. Il fatto che sia sia fatto un mazzo col body bulding non cambia una faccia, che per me resta il punto di forza in un uomo. Lord come al solito i tuoi commenti sono pungenti e vanno dritti al punto! Complimenti!

    RispondiElimina
  3. un'ora e mezza di cagata pazzesca..i miei amici mi han tolto il diritto di sceglier il film x qualche giro azz

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha è bellissimo quando porti tutti gli amici a vedere un film è questo risulta una cagata colossale. Senti proprio l'imbarazzo crescere dentro di te, scena dopo scena.

      Elimina
  4. Lo so, lo so che verrò massacrata per questo ma devo dirlo..
    Per me Ryan Gosling dopo "Le pagine della nostra vita" avrebbe dovuto ritirarsi dalle scene e vivere di rendita..
    Io adoro quel film.. uccidetemi per questo.. e Lord, se vuoi chiedimi di non leggerti più.. anche se nonostante ti legga da poco mi dispiacerebbe troppo.. però è così.. ecco ho fatto coming out :-)!!
    Bacio,
    Lavinia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma lo sai che mi sa che non ho mai visto questo film? A questo punto lo devo recuperare.

      Elimina
    2. Si, devi assolutamente.. quando stai in giornata romantica.. fallo!!!

      Lavinia

      Elimina