Diverso Da Chi?

 

Si accendono le luci in sala e io ho uno strano sguardo interdetto. Si, perché non ho capito bene dove vuole andare a parare questo film. La morale è forse che l'amore non ha ha né limiti, né convenzioni e che non dobbiamo precluderci nulla? Magari sarà pure vero, ma io hai gay che hanno delle sbandate per le donne non ci ho mai creduto. 
Ma partiamo dall'inizio. 
Diverso Da Chi? parla di due ragazzi che sono fidanzati da anni e vivono insieme e sembra andare tutto bene fin quando uno conosce Claudia Gerini e finiscono a letto insieme; non una, non due, non tre volte, ma ci danno giù come conigli. Sì, anche Rupert Everett e Madonna in Sai che C'è Di Nuovo? andavano a letto insieme e lei rimaneva incinta, ma lui era ubriaco come una zucca e succede solo una volta e non si accoppiavano ogni momento neanche fossero in Basic Instinct. E invece in questo Diverso Da Chi? succede proprio questo. Io un gay che ha una sbandata per una donna, non l'ho mai conosciuto. Però come ci sono gli uomini sposati che vanno con i maschi... magari nel mondo finocchio ci sono anche i gay che vanno con le donne... ok, suona un po' fantascienza.
E quindi questo film va preso come una semplice storia, come può essere quella di Jack Lo Squartatore e non significa che se a Londra c'è stato un folle serial killer, allora tutti i londinesi siano degli assassini squarta persone.
Certo, la cosa assurda del film, è che questo Piero/Luca Argentero che è il protagonista, dice di non essere diventato magicamente etero e che non vuole stare con lei, ma ribadisce che lui è assolutamente gay e allora mi domando, ma se è veramente ricchione, che cavolo di attrazione può trovare per questa Adele/Claudia Gerini, oltre ad invidiarle la Birkin di Hermes? Insomma il film è un po' na cazzatona, diciamocelo pure.
Tra gag comiche e battute più o meno divertenti (una delle migliori è quella che dice che il 70% dei gay possiede un cane, perché con un cane si rimorchia più facilmente e detta così non fa troppo ridere, ma nel film è confezionata meglio e ora che ci penso anche io ai primi appuntamenti con il mio ragazzo mi son fatto prestare il cane da mia madre... ma questa è decisamente un'altra storia...), insomma, dicevo, tra gag comiche e battute divertenti, si sviluppa questa commedia degli equivoci che fa un po' fatica a reggere.
Share on Google Plus

About Lord79

Se Lord79 non vi piace, sappiate che mi chiamo Emilio.
    Blogger Comment

7 commenti:

  1. utente anonimo23 marzo 2009 15:26

    Perfetto. E sei riuscito, con abile maestria, a non nominare Povia nemmeno per sottintensi...


    Mi incuriosisce parecchio questo film, ma lo fa di più l'aneddoto col cane per i tuoi primi appuntamenti col Sir.

    Ehmmò volgio sapere tutto, eh! Sia chiaro!


    Matt

    RispondiElimina
  2. AtenaGlaukopis:

    Veramnte non era nella lista dei film da vedere... però se proprio non riesci a dormire senza sapere che ne pesno, lo metto in programma.


    Matt:

    Io lo capisco che il mio commento era piuttosto lungo, ma se lo avessi finito di leggere, ti sareti accorto che Povia c'è eccome. Ma se conta qualcosa, l'ho nominato solo per dire che aveva scritto una canzone stupida.

    RispondiElimina
  3. anche io l'ho trovato un pò fantascientifico, però leggero, divertente, surreale in alcuni punti.


    la mimica degli attori è eccezionale secondo, e aver scoperto che argentero ha più di un'espressione è stata una bella sorpresa

    RispondiElimina
  4. utente anonimo24 marzo 2009 03:25

    io non l'ho trovato così fantascientifico avendo conosciuto due ragazzi gay che frequentano anche ragazze. cmq a parte questo la cosa che ho apprezzato è stato proprio quello di essere finalmente un film che non ha la pretesa di dare morali e come dici tu non vuole convertire nessuno o stabilire la superiorità di qualcuno su qualcun altro.

    insomma è onesto e divertente.


    al contrario mi è piaciuta la parte critica su gay. spesso ci proclamiamo i paladini della libertà e della tolleranza mentre il più delle volte siamo i primi ad essere bigotti e a seguire determinati cliché. credo che sia una cosa su cui riflettere.


    baciotti

    den

    RispondiElimina
  5. AHahah l'ho riletto e in effetti Povia l'hai nominato! Allora sono io che proprio ho saltato quelle righe, per rifiuto mentale nei confronti di quell'elemento! XD


    HAhaha che fai, mi rimproveri pure tu come ha fatto un altro blogger perchè io leggerei con poca attenzione i post? ;)

    RispondiElimina
  6. beh...ma il tipo forse si è reso conto di essere bisessuale...


    ...capita anche ai migliori, no?


    Commedia caruccia, simpatica e con un maschio da sturbo come Argentero. La Gerini è bravissima e da sola vale il prezzo del biglietto

    RispondiElimina
  7. utente anonimo30 luglio 2009 13:03

    Ecco, io l'ho conosciuto il ricchione che si prende la sbandata per una donna.


    Ci stavo pure assieme.....


    Max

    RispondiElimina