Il Coming Out con papà


Il mio ragazzo viene spesso a cena a casa mia e io vivo con mio padre e i miei due fratelli e... ok, probabilmente nessuno sa che lui è il mio ragazzo, perché io non ho mai fatto le presentazioni ufficiali del tipo "Papà, ti presento il Sir, lui è il mio nuovo fidanzato...", però neanche mio fratello ha mai specificato che quella stronzetta con la puzza sotto il naso che porta a casa ogni tanto, è la sua ragazza. Eppure noi non siamo deficienti e lo abbiamo capito. Quindi ritengo non sia necessario fare annunci tipo discorso alla nazione del presidente della Repubblica. Ecco.
In questi giorni siamo soli a casa e i piatti nel lavello si sono ammonticchiati e la tovaglia è sul tavolo da cinque giorni e domani (con calma) sistemeremo tutto in modo che al suo arrivo, mio padre troverà la casa linda e profumata.
Mio fratello grande è chi sa dove, probabilmente a casa della ragazza. Mio fratello piccolo è in soggiorno o forse in terrazza e sta aspettando un suo amichetto e sono sicuro si metteranno a fumare e bere di nascosto del Whisky. Io sono qui, in camera con il mio ragazzo e stiamo riguardando un vecchio film e la cosa bella dei vecchi film, è che puoi anche non seguirli con attenzione, perché tanto sai già come vanno a finire e fa così caldo che ci togliamo la maglietta e poi fa troppo caldo e gli dico di togliersi anche i jeans
- ...ma no dai, c'è tuo fratello di là... - Mi dice lui.
- Ma figurati. Mica entra in camera, sta tranquillo. Togliti 'sti cosi che starai a fà la schiuma lì dentro!"
Rimaniamo entrambi in mutande. La porta socchiusa e noi abbracciati sul letto e il mio letto è uno di quelli stretti ad una piazza e se non rimaniamo abbracciati, l'altro rischia di rotolare giù per terra. Il vecchio film scorre in sottofondo e mio fratello è nella stanza di fianco e io accarezzo il petto al mio ragazzo e le nostre mutande premono l'una contro l'altra e il citofono suona in lontananza, ma io lo ignoro.
Non vai ad aprire? - Mi domanda Sir.
- No, c'è mio fratello, tanto è per lui.
Continuo ad accarezzargli il petto e poi la pancia e ogni tanto arrivo giù fino a toccarli le mutande e nessuno dei due ha intenzioni "bellicose", però a stare così appiccicati... bhè, abbiamo entrambi il coso nelle mutande duro e il vecchio film scorre prevedibile davanti ai nostri occhi e mio fratello probabilmente è sul terrazzo ad accendersi una sigaretta di nascosto con il suo amichetto e... sbarabam! d'improvviso la porta della camera si spalanca e la figura di mio padre si materializza sull'uscio gridando - Sorpresaaaaaa! -
Cioè, capito, non è che è entrato dicendo "ciao" o "sono tornato" o qualsiasi altra cosa, no. Ha detto proprio "sorpresa!" e effettivamente sì, è stata proprio una vera sorpresa. Per tutti.

Con un balzo vado verso mio padre cercando goffamente di nascondere il rigonfiamento nelle mutande e con un sorriso paralizzato gli do una bacio sulla guancia e non ho il coraggio di girarmi per vedere la faccia del Sir che secondo me, è tipo sbiancato più del lenzuolo.
- Ehemmm... ciao! - dico io - Ma... ma... non avevi detto che tornavi domani? - gli domando cercando di sembrare naturale e lui mi dice qualcosa riguardante il traffico e le partenze intelligenti e sinceramente non lo sto ascoltando e tutto quello che riesco a pensare, è che ha spalanca la porta gridando - Sorpresaaaaaa! -. 
Cioè, mi sembra di stare all'interno di un episodio di Friends; solo che qui non ci sono le risate finte.
Mio padre ci saluta e ci da la buonanotte e appena esce dalla camera istintivamente mi guardo lì sotto, ma ovviamente ormai qualsiasi erezione è sparita e il Sir si è vestito a tempo di record e si sta mettendo le scarpe e
- Ma dove vai? - Gli domando io.
- Me ne vado, scappo, sparisco, mi dileguo, addio, cambierò nome, non chiamarmi, non cercarmi...
- Oh. Oh! Oh? Ma do' vai? Rimani qui!! Sta tranquillo.
- Ma che sei matto? ...no, mi sto vergognando troppo, me ne vado.
- Ma lascia stare, ma dove vai!? Tanto ormai ci ha visto, dove cazzo te ne vai adesso. Che poi se te ne vai è pure peggio che sembra che stavamo facendo qualcosa di strano...
Che in effetti è vero, non stavamo facendo nulla di strano. Magari fosse entrato venti minuti più tardi, ci avrebbe trovato come nel film "Up My Ass & Down My Throat", però cavolo, non stavamo facendo nulla di male! Rimaniamo a fissarci in silenzio per qualche secondo e poi diciamo entrambi sottovoce "Sorpresaaaa!" e scoppiamo a ridere.
Quella sera vado a letto con un unico pensiero in testa; forse non ci ha visti. Forse non ha notato nulla di strano. Forse non si è reso conto di nulla. Ma forse questa notte non riuscirà a dormire. Proprio come me.

- Posso farti una domanda?
Siamo a pranzo e i miei fratelli sono spariti lasciandomi solo con mio padre e cercare di sfuggire è inutile e devo rispondere alle domande e dargli una spiegazione di quello che ha visto ieri sera e appena ci mettiamo seduti, neanche faccio in tempo a dare una forchettata alla pasta che subito mio padre parte con la prima domanda.
- Che rapporto c'è tra te e il Sir? - Mi chiede. Silenzio.
- Eh. Bhé... siamo un po' più che amici. Insomma. Ecco. Siamo fidanzati...
In certe occasioni è inutile stare lì a inventare scuse e fare giri di parole. E poi era da molto tempo che volevo dirglielo e questa è la mia occasione, servita su un piatto d'argento. C'è anche da dire che la ragazza di mio fratello ha il brevetto da stronza e che ogni volta che viene a casa nostra, si butta sul divano con la sua Vuitton al fianco e l'unica cosa che sa fare è cambiare canale e che invece il mio Sir è sempre un continuo di - Posso aiutare? Aspetti che faccio io...- e che la ragazza di mio fratello spende tutto in scarpe e che il mio Sir parla con mio padre di economia domestica e eccolo lì, che lui vince a tavolino la gara di fidanzata perfetta. Quindi non sono troppo, spaventato perché so che il mio ragazzo è una persona valida e mio padre lo conosce bene.
- Ma chi è che fa la donna dei due?
Gli spaghetti mi vanno per traverso e... cioè, ma mi ha fatto veramente una domanda del genere? Appena mi riprendo dallo shock, mi rendo conto che probabilmente non mi ha chiesto quella cosa per sapere realmente chi lo prende e chi lo dà, ma che quasi sicuramente è un modo per avvicinarsi a questo mondo che conosce solo per sentito dire e quindi faccio un respiro profondo e gli spiego che la questione è un po' più complessa di così e che l'essere effeminati è una sfumatura del carattere e non un marchio distintivo degli omosessuali; un po' come l'essere delle prefette stronze. Una coppia gay non è necessariamente formata da uno con la personalità maschile e da uno che è una finocchiona persa. Non esiste l'uomo e la donna.  E poi gli dico che a me il Sir piace perché è un ragazzo intelligente e gli dico che mi ci trovo bene e la butto sul romantico e il sentimentale, cercando lentamente di svicolare dal discorso rapporto anale, incularella e cose del genere.

Sapete, mio padre è una persona abbastanza semplice, è nato in un paese sperduto tra le montagne, direttamente dentro casa, non ci sono stati ospedali e primari per lui, ma solo una levatrice, qualche pezza calda, una bacinella d'acqua ed è venuto al mondo. Quindi non sapevo bene come avrebbe reagito. Non lo sappiamo mai fin quando non ci troviamo a vivere la situazione e possiamo aver vissuto quella scena nella nostra testa un milione di volte, ma esserci realmente dentro, è completamente differente.
Quel giorno continuammo a mangiare e mio padre volle sapere il quando e il come e io risposi a tutte le sue domande.
Il Sir per qualche tempo non si fece vedere a casa nostra e... non che qualcuno mi avesse detto di tenerlo alla larga, figuriamoci, però ritenemmo giusto dare a mio padre un periodo di rodaggio, per farlo abituare all'idea che quel ragazzo che aveva sempre visto, non era un semplice amico.
Probabilmente mio padre deve aver placcato i miei fratelli e deve avergli chiesto se loro lo sapevano già e deve avergli fatto molte altre domande delle quali non sono a conoscenza e sicuramente ha telefonato a mia madre, la quale poi è corsa a chiamarmi e sicuramente deve aver chiamato il suo amico, quello che qualche mese prima gli aveva confidato di avere un figlio finocchio e non so in che modo possono essersi confrontati a vicenda perché fondamentalmente non so cosa significhi avere un figlio che ti dice - Papà, sono gay. -, però so cosa significa avere un padre che quando glie lo dici, lui non batte ciglio.
E per questo lo ringrazio.
Share on Google Plus

About Lord79

Se Lord79 non vi piace, sappiate che mi chiamo Emilio.
    Blogger Comment

35 commenti:

  1. Mi sono sganasciato dalle risate e
    "sorpresaaaa!" sarà il mio motto per oggi :)

    grande il babbo

    RispondiElimina
  2. A parte che è chiaro e lampante che il Sir la schiuma nelle mutande si sarà trovato a farla ben dopo essersi tolto i pantaloni, mica prima.

    Direi che tuo padre si è rivelato tutt'altro che semplice. E si, ho capito perfettamente cosa intendessi, ma considerando che non mi pare "sospettasse", ha dimostrato un temperamento non comune. Soprassedendo lì per l', quando vi ha pizzicato. E affrontando con tutta calmo l'argomento nei modi e nei tempi migliori per entrambi.

    O forse non è questione di temperamento, ma semplicemente di amore incondizionato.

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Sorpresaaaaa!!!!!,

    ecco il mio primo commento sul tuo nuovo blog.

    Se mia figlia mi dicesse che è omosessuale non so come reagirei.

    Ma spero con maturità . . . e quando dovrò parlarle del sesso e dell'amore (chissà il perché tocca sempre al papà prendere le redini di quest'argomento sigh sigh) sarà allora che parlerò anche del mondo omosex . . . così subito per evitare intepretrazioni amibgue come appunto "Chi fa la donna fra voi due?"

    Un saluto Lord.

    Pimpulu79

    RispondiElimina
  5. "Ma chi è che fa la donna dei due?"

    Credo intendesse anche e soprattutto chi lo prende e chi lo dà.
    È tipo una domanda standard che ti fanno, per capire se sei virile oppure no, insomma. Retaggi vecchi, ma fallo a spiegare che non funziona propriamente in questo modo.

    Vabbè.

    Ci sono passato pure io la scorsa estate. Certo non mi hanno beccato mentre ero a letto con qualcuno.
    Ma ci sono passato anche io.

    Alla fine, un po' ti stupisci pure di come reagiscono. Alla lunga.

    RispondiElimina
  6. Grande Lord inizio la giornata con un sorriso, grazie !
    Comunque, seriamente , Chi fa la donna ? ;-)

    RispondiElimina
  7. >>Shakespeare
    ...emmenomalevà!

    >>larvotto
    No, vabbè... mo' ci rido, ma lì per lì mi era partito un embolo.

    >>Max
    Ma? Io non lo so, sono cose da dirsi queste?!

    >>Pimpulu79
    Stai pure tranquillo, molto probabilmente quando deciderai di spiegarle come funziona il sesso, lei lo avrà già capito da sola...

    >>Gatto Nero
    Si, ma ti pare che mi mettevo a spiegargli quello che facciamo a letto?! Cioè... probabilmente gli avrei detto "Papà, ti ricordi l'ape e il fiore? Ecco, noi abbiamo due pungiglioni..."

    >>Teo
    Ovviamente la donna la fai tu...

    RispondiElimina
  8. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  9. Il tuo racconto esilarante, come sempre, mi ha molto colpito, ma immagino veramente troppo bene anche il lato brutto della cosa: quanta tensione, ansia in quel momento e nei gioni del confronto aperto.

    Io non l'ho mai potuto dire a mio padre

    Certo la questione dei ruoli ancora mi fa ridere, ma ovviamente per gli etero è una questione morbosa... per loro deve essere così...

    RispondiElimina
  10. Grande! A questo punto manca il racconto del coming out con i fratelli.

    RispondiElimina
  11. Eheheh un bel racconto, mi hai fatto sorridere.
    Mi sarebbe piaciuto un rapporto così diretto con mio padre al mio coming out, purtroppo così non è stato e dopo un silenzio tra noi di mesi, si è arrivati di botto a un rapporto sicuramente più amichevole e stretto, ma dove l'argomento è accuratamente evitato.

    Ebbravo papàLord :)

    RispondiElimina
  12. bravo tuo padre e anche bravo per la calma... da me finirebbe con doppi infarti

    RispondiElimina
  13. Ahahahah.. che figata di post! :D

    Anche con i miei è andata giù dritta senza battito di ciglia o quasi.

    Mia madre dopo una reazione da respiro ansioso mi ha detto, calmandosi subito: "guarda, io non ho pregiudizi ma mi dispiace perché avrai una vita un po' complicata. La gente è stupida".

    E poi mi ha spiazzato quando gli ho chiesto cos'avrebbe pensato il nonno (pace all'anima sua) e lei mi fa: "Ehhh! Perché pensi ai tempi suoi non ce n'erano? Si sapeva ma ci si faceva gli affari propri e si andava avanti. Non avrebbe avuto problemi solo che non avrebbe voluto che fosse una cosa socialmente esplicita" (ovviamente mia madre mica parla così, ma è la traduzione dal dialetto!!).

    Comunque sarà la gente di montagna che è così, boh! Mio padre mi ha detto che non è finita qua e che ci sono molte altre cose di me che scoprirò solo più avanti.. '_'

    Aion

    RispondiElimina
  14. Dopo una giornata intensa son venuto qua per "rilassarmi" e sbadabaaamm il super post personale...
    Sono contento per voi perchè ora avrete la possibilità di essere piu' sereni.. se ci scappa una occhiata "d'intesa", non avrete il timore "oddio ci avranno visti?!?!?"...Se penso che il mio ragazzo, a casa mia, non ci viene nemmeno se siamo soli perchè ha paura che rientri tutta la "Sacra Famiglia"...
    La domanda di tuo padre era una conferma che ha trovato una sincera risposta. Secondo me, non ne è nato un drammone solo per questo... Sincero interesse per l'amato figlio e l'amato figlio che sinceramente risponde al proprio padre.
    Qua, invece, si combatte ancora con i racconti del matrimonio di mio cugino che si è sposato con il suo ragazzo.. racconti conditi di risatine... mah...
    Grazie per averci resi partecipi dell'accaduto, partecipi di un mondo nel quale la normalità è per tutti.
    ;)

    RispondiElimina
  15. Avere un padre così sensibile, pronto a capire tutto e in fretta per amore del figlio, non è una cosa comune. Quanto sarebbe stato umano se si fosse messo a urlare, a strillare, a chiedere spiegazioni, a puntare l'indice?

    Tu dici che tuo padre è nato in una terra semplice, ma questo gli deve avere insegnato quelle che sono le cose importanti.

    Io credo molto nel fatto che i nostri inconsci si parlino e si capiscano ben prima di quanto noi comprendiamo poi con la ragione, per cui quel grido di sorpresa non posso pensarlo, almeno per una parte, per un modo di dirselo innanzitutto a sé stesso, che dietro quella porta ci sarebbe stata una sorpresa.

    Ma, tornando al punto, avere un padre così è certamente una fortuna. Ma ci vuole una altrettanto grande sensibilità e direi amore verso il mondo, per voler condividere questo ricordo, con una delicatezza per cui anche le manifestazioni più fisiche dell'amore e della passione sono al loro posto, senza sbavature e senza pruderie.

    Penso a quanto possa fare, questo tuo racconto, a un giovane ragazzo confuso ed impaurito, quando legge di tutto ciò e vede la foto di questo marcantonio pieno di muscoli che sul suo blog racconta di come il padre gli abbia proprio fatto una bella sorpresa.

    E' stato scritto "siate il cambiamento che volete nel mondo".

    Con la mia stima e la mia gratitudine.

    RispondiElimina
  16. Lord, è uscito il nuovo singolo di Duffy se può interessare http://www.youtube.com/watch?v=EIC5BnopUgM

    RispondiElimina
  17. Grande Emi, mi hai strappato un bel sorriso ma mi hai fatto al tempo stesso riflettere su ciò che significa amare un figlio aldilà delle diversità.sono d'accordo con Paolo, il
    modo in cui racconti le cose può solo
    aiutare chi ancora non trova la forza di affrontare i propri problemi, qualunque essi siano. E chiudo dicendo che tu e il Sir siete veramente una bella coppia, lui un po' più simpatico ma anche tu hai il tuo perché!:) ps: ancora devo digerire il tiramisu' finale, sabato notte sono stato
    malissimo... Cristiano

    RispondiElimina
  18. che bel post!!!
    molto tenero...

    io lo devo ancora dire ai miei... mia sorella invece pensavo che avesse reagito bene.. ma a distanza di mesi è sbottata dicendo che le avevo dato un peso... boh... le passerà! :)

    RispondiElimina
  19. Sembra la puntata di un telefilm comico alla will e grace così come hai narrato la vicenda anche se sono convinto che al momento dell'accaduto ci sara' stata molta tensione. Di certo avrei voluto assistere al momento in cui tu e il Tuo Sir x sdrammatizzare il tutto vi siete guardati e vi siete detti.......,s o r p r e s a.....scoppiando poi a ridere. Secondo me e' uno di quei momenti in cui capisci veramente cosa voglia dire la parola amore, cosa sia il feeling in un rapporto di coppia. In altra occasione avevo detto che a mio avviso Te e i Tuoi amici siete sicuramente una bella combriccola e colgo l'occasione per ribadirlo aggiungendo che sono anche convinto che Te e Sir siete altrettanto sicuramente una bellissima coppia. ..... Ti sto annoiando vero? Hai ragione, scusa, a volte mi dilungo un tantino e divago. Buona notte
    Wonderful

    RispondiElimina
  20. Ciao Lord, è da tanto che leggo il tuo blog, ma per svariati motivi non ho mail lasciato un commento. Penso che queste due storie siano esilaranti e, come per la mia, ripensandoci ci si ride sopra. Peccato che non sia per tutti così. Ti e vi segnalo questa pagina Youtube http://www.youtube.com/ItGetsBetterProject
    a sostegno di chi non è stato così fortunato come noi. saluti, Werth

    RispondiElimina
  21. "- Ma chi è che fa la donna dei due?"

    buahahahahah.
    Sono morto dal ridere.

    RispondiElimina
  22. Fra quello con mamma e l'altro con papà non saprei cosa scegliere tra quelli che mi hanno divertito di più! Certe scene andrebbero portate a teatro, o quantomeno bisognerebbe girarci su un "corto"!
    Grazie Lord!

    RispondiElimina
  23. sto cercando di recuperare visto che sono stata assente qualche giorno e poi il computer era in assistenza... i due coming out sono fantastici e come dice il prode ballestrero molto "teatrali"!

    RispondiElimina
  24. hahahahahahahha Tuo padre è un mito!
    Devo consigliare ad un mio amico gay di venire da queste parti, chissà che magari inizi a vivere meglio la sua omosessualità senza farsene una colpa... dato che i consigli degli amici e amiche non servono con lui!

    RispondiElimina
  25. Caspita Lord sei davvero esilarante (MOLTO meglio di Volo!!). mi hai fatto rivivere un 'fattacio' accadutomi un bel po' di anni fa...colta in fragrante dal quasi suocero...oddio divento ancora rossa!
    Ora corro a leggere tutto quello che hai scritto...sei troppo forte!

    Camilla (anobii)

    RispondiElimina
  26. Intanto complimenti per la nuova casetta su Blogspot. Davvero bello il tuo post, la reazione di tuo padre è simile a quella dei miei genitori e ciò testimonia il fatto che tutto sommato i nostri genitori sono molto meglio di ciò che pensavamo da ragazzini... ahò, come so' moderni!

    RispondiElimina
  27. >>>Alfiere111
    Bhè, la questione dei ruoli mi pare morbosa anche per i gay, basta buttare un occhio sui vari siti da rimorchio per scoprire che una delle voci più importanti è Attivo o Passivo. E guardacaso sono tutti con un cazzo XL e attivi. Bha... ma questo è un'altro argomento...

    >>>itboy_76
    Uh, a dire il vero il coming out con i fratelli non c'è mai stato. Cioè, con loro non ho mai dovuto dire nulla... se non un, "vi presento il Sir."

    >>>Matt
    Ah ma noi non è che parliamo tutti i giorni di ceppa, sta pure tranquillo...

    >>>Gene
    Allora ti consiglio di chiamare preventivamente un'ambulanza... comunque secondo me spesso siamo noi a farci problemi e non diamo fiducia alla gente...

    >>>Aion
    ...oh quasi paura a chiederti se hai capito cosa intendeva dire tuo padre...

    >>>Tittis
    Tuo cugino si è sposato con il ragazzo...? Vabbè, ma voi siete più avanti di quanto credi, te lo dico io.

    >>>Paolo
    Comunque, non credere che io e mio padre abbiamo questo splendido rapporto di confidenze. Cioè, ecco... vabbè, questo magari ve lo racconto un'altra volta.

    >>>Shakespeare
    Sentito, ma ancora non sono proprio convinto che mi piaccia. Mi pare una canzone del cd scorso, bho, non vedo innovazione.

    >>>Cristiano
    Mi piacerebbe dire la stessa cosa di te e Marta, ma purtroppo sai benissimo che Marta è favolosa e tu invece... bhe, tu sei tu. Ecco.

    >>>Supertramp
    Avrà avuto la giornata di traverso quando te lo ha detto, le passerà, son convinto anche io.

    >>>Wonderful
    Io e i miei amici siamo una bella combriccola, forse hai ragione, del resto mica mi vado a scegliere degli amici noiosi... no?

    RispondiElimina
  28. >>>Werth
    Grazie per la segnalazione, non conoscevo quel canale e vedo che ci sono anche molti personaggi dello spettacolo a raccontare la loro storia o anche solo per dare il loro sostegno. Bello.

    >>>Filo
    Secondo te dovevo rispondergli che ci scambiamo di posto?

    >>>Ballestro
    Eheheheh! Grazie caro.

    >>>Il cinefilante
    E' il modo in cui sono raccontati che li rende teatrali, sono sicuro che in tantissimi hanno vissuto le mie stesse storie...

    >>>Po
    Bhe, allora digli di venire a leggere qui! Siamo molto aperti da queste parti...

    >>>Camilla
    Corri a leggere, ma non abbuffarti!

    >>>neroinchiostro
    Concordo con te. Spesso siamo noi stessi che ci facciamo troppi problemi...

    RispondiElimina
  29. Va be' che non leggevo il blog fin da molto prima che traslocassi, ma me lo sono sognato che eri andato a vivere con Sir?
    E poi da certi post del passato mi sembrava che la relazione fosse nota in famiglia da anni... Insomma sembra un racconto preso dalla scatola dei ricordi ;-)
    Ma allora 'sto CO quando è successo?

    RispondiElimina
  30. >>>>*Jack*
    Sì, si, ma infatti è un racconto preso dalla scatola dei ricordi.
    Effettivamente forse dovevo specificare all'inizio che il tutto è successo tipo quattro anni fa.
    Però mi sembrava proprio brutto dargli una collocazione spazio-temporale... non mi piaceva di dargli un'atmosfera da libro Cuore. Ecco.

    RispondiElimina
  31. romantico ricordo allora (vista la collocazione a 4 anni fa). A casa mia il rapporto con mio padre è abbastanza superficiale. Sa che sono più pratico di lui su molte cose (come ogni giovane spesso lo è del più vecchio) e quindi mi chiede spiegazioni sulle cose che gli arrivano dalla banca, su fgli da compilare e su mille altre cose. Ma parlare di quello. No, in assoluto. Si evita con molta accuratezza il discorso. Mia mamma mi chiede Carlo come sta, ecc. ma con un piglio più da "amico" che da compagno. Ormai son 3 anni che stiamo insieme e in vita mia non ho mai dato motivi di preoccupazione ai miei (litigate, scappate di casa, alcool, droga o quant'altro). In verità non so bene cosa ne pensi mio papà, la cosa strana è che i parenti da molto non mi chiedono di fidanzate o altro, che sappiano già tutto? In un paesino di 1500 anime dici che sia possibile?

    Ecco, post soporifero e nemmeno mi presento: Piacere, Gabriele, 31 anni, gay e pieno di freddo perchè in casa non si decidono ad accendere il termo. aiutoooo! carlo altro che 5 giorni, da te vengo a convivere!!!

    RispondiElimina
  32. (Lord, ma dove sono i commenti ai tuoi LMQ? non li trovo?)

    RispondiElimina
  33. >>>Java
    Ma non ti credere che noi a cena parliamo di chi sa cosa.
    E poi non essere severo con tua madre, il fatto che ti chieda come sta Carlo, già lo differenzia dai semplici amici.

    Comunque piacere di fare la tua conoscenza Gabriele che hai 31 anni come me.

    (I commenti ai LMQ li trovi nei singoli post. Clicca nella voce LMQ che trovi nella colonnina a sinistra ETICHETTE e ti si aprono tutti i LMQ con relativi commenti...)

    RispondiElimina
  34. ...e ammappa che sorpresa!!!
    In tutta sincerità sei stato davvero fortunato... io ho provato a dar modo di arrivare all'argomento ai miei, ma quando mia mamma ha fatto a fatidica domanda ha fatto due errori:
    ho posto male la domanda... "tu e Mario non sarete mica finocchi"
    1° - Mario è etero
    2° - sono omosessuale, non finocchio!
    E il secondo errore fu quello di tenere in mano un coltello e patate sbucciate.
    Mio padre ha mollato in passato commenti tali da far arrossire sia la Binetti che la Santanchè!
    Quindi se mi vogliono davvero bene... lo capiranno da soli!

    RispondiElimina