Take That - Progress


Tutti conosciamo la storia dei Take That e sappiamo che si sono formati nel 1990 grazie al manager Nigel Martin Smith che voleva emulare le band americane come i New Kids on the Block. Il successo è inaspettato e i Take That fanno il botto di vendite; ma dopo cinque anni, Robbie viene cacciato come fosse Brenda Walsh, stufi del suo comportamento ribelle e arrogante. Il resto è storia e Robbie inizia un'eccezionale carriera solista mentre gli altri Take That si arrangiano un po' come possono e Howard e Jason tornano a fare marchette tra le strade di Soho come hanno sempre fatto e Gary e Mark provano a lanciare una carriera solista senza che nessuno se ne accorga e poi nel 2005 il lampo di genio: - Facciamo i Take That senza Robbie! - e l'idea sembra folle e fa venire da ridere anche a quelli nel braccio della morte e invece il primo disco non è male e vende pure parecchio e poi esce un secondo disco che è moto ben fatto e le vendite impazzano e i nuovi Take That dimostrano di saper camminare con le loro gambe anche senza Robbie che nel frattempo vive una parabola discendente e si mette alla ricerca di Atlantide vestito da orso e giura di parlare con gli elfi del bosco. Vabbè, fatte n'altra striscia...
L'occasione è ghiotta perché Robbie ormai trasferitosi a Los Angeles entra e esce dalle cliniche e nonostante abbia tentato in tutti i modi di sfondare, negli Stati Uniti non se lo è mai inculato nessuno che può uscire di casa e portare a spasso il cane senza che la gente lo riconosca o gli chieda un autografo e i Take That invece sono reduci da due album pluripremiati e quindi hanno le spalle coperte e posso azzardare un passo pericoloso. I fan impazziscono all'idea della reunion e Progress vende 235 mila copie solo nel primo giorno, diventando in questo modo l'album più venduto del secolo in Gran Bretagna e i biglietti per le loro 14 date inglesi, finiscono nel giro di 3 ore.
Ok, tutto fighissimo, adesso però come minimo devono fare 3 album insieme, ché se Robbie tra due mesi scapoccia di nuovo e decide di andare a cercare gli Alieni insieme a Fox Mulder allora non ci siamo proprio e lo so che il vero successo di un blogger è quando parla male in modo ironico di tutto quello che lo circonda e più riesce ad essere spietato e più la gente riderà delle sue battute e lo osannerà e in questo periodo ne ho lette di tutti i colori sui Take That e il più gentile li ha definiti degli uomini di mezza età che saltellano ammiccando alle telecamere come quando avevano 18 anni e qualcun'altro invece li ha apostrofati dicendo - Imparate a suonare uno strumento, sfigati! -. Con il successo che stanno avendo però, io ci penserei due volte prima di criticarli anche perché deriderli per il loro aspetto è quanto di più stupido si possa fare dato che ormai hanno quarant'anni per gamba e mi pare anche giusto che sfoggino rughe e capelli bianchi e non una faccia da 25enne. E poi diciamolo, questo album è una figata pazzesca e lo dico senza avere il timore di passare per nerd... sticazzi di quello che pensate, a me piace.
Progress è il titolo scelto per il nuovo lavoro, dà subito l'idea di una band che vuole guardare avanti e il concetto è evidente fin dalla cover ispirata alla teoria dell'evoluzione di Darwin dove ovviamente Gary fa la parte del primate, non c'era neanche bisogno di specificarlo.
Voci di corridoio dicono che per questo nuovo progetto sono state investite 100 milioni di sterline e le 10 nuove tracce sono state prodotte da Stuart Price, guru dell'electro/pop che ha lavorato nell'album Confessions on a Dance Floor di Madonna, ma anche insieme ai Pet Shop Boys, i The Killers e gli Scissors Sisters. Il risultato finale è un disco con sonorità adulte e originali e l'elettronica è una novità per i Take That, mentre invece ci aveva già provato Robbie nel suo Rudebox, ma con risultati che furono un disastro totale.
Insomma, basta con le chiacchiere, Gary Barlow, Howard Donald, Jason Orange, Mark Owen e Robbie Williams sono di nuovo insieme e quello che posso dire, è che hanno realizzato il loro miglior disco; un album che per certi versi torna all'origine e riprende la voglia di divertimento che c'era nel loro disco di debutto.

The Flood
4.51
È il brano ponte, che traghetta il gruppo da The Circus a questo nuovo disco Progress. E ah! ovviamente vede il ritorno del redivivo Robbie che posiamo bistrattarlo quanto vogliamo e possiamo prenderlo in giro perché parla con gli UFO o perché è ingrassato come una foca e però non possiamo negare che  il suo ritorno nel gruppo è un evento tale che in confronto il matrimonio del principino William... ma chi se ne frega di William! The Flood è un brano ponte, ma che non rispecchia le sonorità elettroniche dell'album; diciamo che è un pezzo furbetto che non delude i tantissimi fan che hanno comprato The Circus (7 volte disco di platino in Inghilterra, non so se mi spiego), ma che non lascia intendere quale sia il vero progetto elettronico di Progress, pur rimanendo un ottimo pezzo.
****

SOS
3.44
SOS ci fionda nel vero spirito di questo disco, che oscilla tra il pop, il rock e la musica elettronica. Questa SOS è una bella rottura con i precedenti lavori più tradizionali e il suo ritmo incalzante e l'uso del falsetto ricorda non poco i nuovi Scissors Sisters e ci butta di prepotenza all'interno di questo nuovo disco.
****

Wait
4.15
Ancora electro/pop che strizza in un certo senso l'occhio a Rudebox, ma forse me lo ricorda solamente perché canta solo Robbie, mentre gli altri TT si limitano a fargli da coristi. Diciamo poi che pure il testo non ho capito cosa volesse dire che per quanto è senza senso potrebbe averla scritta Tiziano Ferro.
***

Kidz
4.42
È uno dei brani più potenti, trionfo di elettronica che ricorda vagamente gli ultimi Depeche Mode. Cioè, anche qui mi sfugge il significato del testo che non ho capito se parla della guerra ... bho! Mi limito a muovere la testa a ritmo di musica e sono contento così.
*****

Pretty Things
4.03
Forse il brano più fesso dell'album che suona quasi come una filastrocca o una ninna nanna da cantare ai bambini, piuttosto che come una canzone da dedicare alle donne come invece vorrebbe essere.
***

Happy Now
4.03
Altro brano che spacca con il suo ritornello che rimane in testa e si canta facilmente anche al primo ascolto e anche qui il pensiero va un po' verso gli Scissors Sisters.
****

Underground Machine
4.15
Melodia corposa e particolarmente matura che unisce l'elettronica al rock in un connubio perfetto per un barano che se diventasse il secondo singolo, segnerebbe un bel cambiamento nell'immaginario comune dei Take That e io ci trovo un pizzico di Depeche Mode anche in questo brano, ma magari sono io che non capisco un cazzo di musica e mi piacerebbe che il video glie lo curasse Steven Klein che lui è esperto di atmosfere cupe.
*****

What Do You Want From Me?
4.47
I toni si distendono e dopo la martellante Underground Machine, parte questa What Do You Wont From Me? che è un brano molto Take That style; ma arricchito da questa nuova spolverata di elettronica che trovo particolarmente convincente e moderna e poi le canzoni d'amore mi piacciono sempre e quando dicono frasi come "Because I, I still wanna get old with you, I still want us to grow..." io mi sciolgono come un ghiacciolo al sole. E comunque Scissors Sisters a go go pure qui.
*****

Affirmation
3.54
È un'altro di quei brani ritmati che trascina e mi piace il modo in cui il canto sfocia nel falsetto, però nella mia testa sto ancora canticchiando What Do You Want From Me?... vabbè, comunque molto caruccio pure questo.
*****

Eight Letters
4.25
Il brano più malinconico dell'album e anche un po' invernale nell'arrangiamento che se proprio vogliamo essere cattivi, ricorda il sintetizzatore di Enya, che diciamoci la verità... c'è qualcosa di peggio di Enya?
***

Flowerbed (Hidden Track)
3.48 
Ultimo pezzo dell'album, che parte dopo qualche secondo dalla fine di Eight Letters e ne segue il filone invernale-malinconico, per un pezzo che poteva tranquillamente rimanere nascosto.
***
Share on Google Plus

About Lord79

Se Lord79 non vi piace, sappiate che mi chiamo Emilio.
    Blogger Comment

17 commenti:

  1. ora bisognerà vedere come riescono a sostene un concerto, con l'artrite che avanza.

    ovvio, la mia è solo invidia, soprattutto verso le mie amiche groupie che hanno i biglietti per andarli a vedere a San Siro....

    RispondiElimina
  2. Oddio . . . ha ha ha ha . .

    "Fatte n'altra striscia".

    Ora si che posso iniziare la giornata.

    Grazie Lord.

    Pasquale --> Pimpulu79

    RispondiElimina
  3. Lord mi sei cascato su Stuart Price.. Non ha collaborato con Madonna su Music, ma su Confessions on a dancefloor!!

    Ora continuo la lettura. :-)

    RispondiElimina
  4. Ecco, ora che ho finito la lettura... Mi hai messo una curiosità boia di sentire quest'album!!

    RispondiElimina
  5. Bellissimo blog.L'ho scoperto solo ora per caso, ed è stato impossibile non fermarsi a leggere alcuni post. Mi hai fatto morire dal ridere. Tra l'altro avrò perso almeno un paio d'ore di lavoro ah ah mananggia a te.

    RispondiElimina
  6. >>>Max
    Bhe, io invece spero bene che Jason e Howard ballino come due spogliarelliste di Las Vegas che tanto loro non cantano, quindi facciamogli fare qualcosa no?

    >>>Pimpulu79
    :)
    Buona giornata allora!

    >>>Enrico*
    Faccio mea culpa; non sono mai stato un grande fan di Madonna. Correggo subito...

    >>>Sasà
    Eh, ben arrivato da queste parti allora! Cioè, sta tranquillo, tanto lo sanno tutti che uno a lavorare veramente comincia verso le dieci che prima deve guardare la posta, leggere le ultime notizie su Repubblica, fare un salto su FaceBook e buttare un occhio ai blog. Son sicuro che anche il tuo capo fa così... ehehehe!

    RispondiElimina
  7. Preso dalla curiosità ho ascoltato qualcosa su YouTube... Oh mi sa che devo correre a comprare quest'album, non sembra niente male!!

    Guardate voi se a 27 anni mi devo mettere ad ascoltare i Take That!!

    RispondiElimina
  8. E si, ormai è impossibile iniziare senza avere prima una panoramica di ciò che ci sta intorno.

    Nell'ordine:

    Facebook per essere informato su tutto quanto è successo ad amici o presunti tali (il cane di vania è tornato a casa, il mio collega è tornato single, mia cugina chiarisce al mondo, che la porzione di lasagna ieri sera, non era uguale per tutti, in quanto si pensava , vi fosse anche un altra teglia, in realtà rivelatasi in seguito di parmigiana)

    hotmail: 2 indirizzi di posta da controllare

    alice: 1 indirizzo di posta da controllare.

    Ansa: per le notizie dal mondo

    La nuova: per le notizie dalla terra natìa

    leggo: per notizie assurde e/o gossipare

    Tvblog e davide maggio blog: per notizie della tv

    Daveblog

    Kblog

    Commessa frustrata (ora non più aggiornato)

    Si fanno le 10,30 e neppure te ne accorgi!!!!

    RispondiElimina
  9. Confesso...non ho l'album ma mi fido... ho comprato il biglietto per il concerto a Milano. In fondo fanno parte della storia dei trentenni..

    RispondiElimina
  10. Mi incuriosisce molto il nuovo album e un'ascoltata gliela darò di sicuro, come faccio per qualsiasi album che anche solo vagamente mi interessi.
    Anche se devo dire che il singolo che hanno cantato a XFactor non mi ha entusiasmato.
    Buona giornata e buona settimana.

    RispondiElimina
  11. take that.. stavo con le ragazze ma aspettavo che trasmettessero il video di Relight my fire su videomusic per sbavare. quanti ricordi.. pure in carrozzella e polmoni artificiali mi faranno sesso.

    RispondiElimina
  12. Ho visto lo speciale "Look back,don't stare" su SKY e ti dico che riunirsi per loro non e' stato semplice, Jason e Howard erano parecchio incazzati con Robbie e ci hanno messo un po' per accettare il fatto... Che poi sono loro due i primi ad ammettere di non avere un grande ruolo nella band e i primi a scherzarci sopra...comunque Robbie dopo 4 mesi li aveva già mollati di nuovo, salvo poi concludere lo special con l'idea di non poter tornare più a far parte della "RW band" ( se lo dice lui...). Il disco l'ho comprato ma ancora non l'ho ben ascoltato, per il concerto dico solo che ho preso i biglietti il primo giorno e non li vendo nemmeno in cambio della tredicesima di nessuno!!!
    Cristiano

    RispondiElimina
  13. >>>Cristiano
    Cazzo, sto rosicando, io lo speciale ancora non lo ho visto.
    Però ti dico una cosa... i biglietti li ho presi anche io. :)
    Dimmi che hai anche tu il prato e sono pronto a disegnarmi due TT sulle guance e cantare a squarciagola insieme a te Relight My Fire!!!

    RispondiElimina
  14. Primo anello blu purtroppo, il mio e' stato un regalo per Marta e dunque ho preso i posti more expensive rimasti... Non volevo fare la figura del pulciaro...:)
    Comunque bene, se salite in treno magari facciamo il viaggio insieme e ripassiamo tutto il repertorio da " Do what you like" ad oggi!!!
    Ma a Massi piacciono o lo hai minacciato di morte?( o magari non viene proprio...)
    Cristiano

    RispondiElimina
  15. >>>Cristiano
    Aaahhhh!!!
    Sei troppo scarso! I concerti si vivono sul prato!
    Però accetto sicuramente l'invito a ripassare tutte le canzoni sul treno.
    Massi ha deciso di sua spontanea volontà di venire... mettendo la clausola che però forse si vende il biglietto e mi lascia da solo all'ultimo minuto.

    RispondiElimina
  16. Ho capito, Massi dalla vendita incassa 500 euro e si sputtana tutto all' Hollywood tra tronisti e veline...:) vabbe' dai, se resti solo io e Marta ti faremo compagnia sul prato, tanto per scavalcare c'e 'sempre tempo e a lei basta sfoggiare un sorriso magico per avere accesso al parterre!!!

    RispondiElimina
  17. Ma tranquillo che non resto solo... ovvio che viene anche Sabri!!! Te pare che si perde il suo amato Robbie/palladilardo/Williams?!!!

    RispondiElimina