14.2.11

Il discorso del Re


Avete presente quando dico che il 3D non può essere il futuro del cinema e che sicuramente è solo una moda temporanea destinata ad assopirsi? Ecco, se ancora non vi è chiaro questo concetto, andate a vedere Il discorso del Re e capirete quello che intendo e vi basterà paragonare questa pellicola con uno qualsiasi dei film tridimensionali usciti in questi ultimi anni e vi accorgerete che quelli non hanno neanche il diritto di essere chiamati film.
Intendiamoci, non voglio fare la parte dello spocchioso che guarda solo film impegnati e tanto per capirci, la scelta era tra questo e Burlesque che di impegnato non ha proprio nulla e però avevo voglia di un film bello di quelli che quando le luci si accendono in sala, sei senza parole e sei proprio soddisfatto e questa volta ci ho visto giusto, perché questo Il discorso del Re è proprio bello e le undici candidature ai premi Oscar (quante sono non mi ricordo) sono più che meritate.
Che poi, fare un film su uno che deve leggere un discorso in pubblico... andiamo, ma a chi può interessare? Bhè, forse in linea di principio è così, ma la questione cambia se il discorso è quello di "Bertie", Re Giorgio VI, balbuziente fin dall'età di quattro anni.
Quello che viene fuori è un film drammatico e malinconico, ma capace di far ridere con le sue battute intelligenti e intendiamoci, ovvio che qui non si ride a crepapelle, ma si ride e si sorride in molte occasioni e volendo si piange anche, ma non per la drammaticità delle immagini confezionate magistralmente e accompagnate da colonne sonore ad hoc, ma si piange perché c'è un empatia così forte con il personaggio di Bertie e il suo problema, che rimanere distaccati e non emozionarsi insieme alla sua emozione, è veramente complicato.
Ecco. Il discorso del Re è un film fatto di attori, di parole e di silenzi e che grazie al cielo non ha bisogno di occhiali 3D per essere apprezzato.

E comunque voglio dire... il biglietto del cinema che è aumentato di 1 euro grazie al buon Bondi, è proprio una piacevole sorpresa... sì, sì. Però lui ha detto che era l'unico modo possibile e quindi non gli possiamo dire nulla e se serve anche a finanziare il cinema italiano allora insomma... basta che non vada nella tasche dei vari film natalizi che tanto non guardo mai. Ecco. E poi magari, questo piccolo aumento che porta il prezzo del biglietto più o meno a 8 euro (a seconda del cinema, perché qui a Roma in alcuni posti arriva anche a 9), magari ci aiuterà a fare un po' più di selezione e ci terrà alla larga da qualche stupida vaccata...

13 commenti:

  1. Prezzo del cinema aumentato di un euro TRANNE NELLE SALE PARROCCHIALI. Non dimentichiamocelo.

    RispondiElimina
  2. Ottimo film...anche guardarlo sul pc renderà benissimo!!
    Per la precisione: l'aumento di 1 euro è nel milleproroghe che si vota domani, sarà in vigore dal 1 luglio, e non vale per le sale parrocchiali perchè queste sale hanno generalmente i film non in prima settimana di uscita...ma aspettiamo il decreto!
    Ciao

    RispondiElimina
  3. Concordo sul giudizio di un ottimo film e sul futuro del 3D.
    Io sono stato sempre a sfavore, per tante ragioni, ma la più ovvia è, proprio come dici tu, che un film davvero bello, non ha bisogno di effetti speciali.

    Per la cronaca, purtroppo anche quelle vaccate dei filmacci di natale, non so come, e in merito a quele titolo finiscono per ricevere i contributi statali. Roba che io nonostante non paghi l'ingresso, mi sono sempre rifiutato di vedere... Evitateli per favore, anche se avete voglia di un film leggero e poco impegnativo.

    RispondiElimina
  4. Uffi, voglio andarlo a veder coi miei amici, ma nessuno mi ha detto si... :(

    RispondiElimina
  5. Tutti quelli che l'hanno visto me ne stanno parlando MOLTO bene. Penso che questa settimana andrò a vederlo.

    RispondiElimina
  6. Vado a vederlo perché lo ha detto Lord. ecco

    RispondiElimina
  7. >>>Watkin
    Sale parrocchiali?!?
    Quali sarebbero le sale parrocchiali a Roma? E soprattutto... per quale motivo dovrei andare in una sala parrocchiale?

    >>>Anonimo 14 febbraio 2011 10:27
    Ah, sinceramente credevo che l'aumento fosse già stato adottato dato che il cinema mi ha scucito 8 euro anziché i 7.00/7.50 soliti.

    >>>Alfiere111
    Sì, che poi con questo non voglio dire che i film di fantascienza o d'azione, siano necessariamente di serie B, dico solo che puntualmente la tecnologia 3d è stata è stata applicata a film con uno spessore impalpabile.

    >>>Miky
    Ah guarda, non te lo perde. Veramente consigliato da me.

    >>>Piccololord.84
    Bravo, e poi se avrai tempo, torna qui a dirmi la tua.

    >>>Teo
    Mi sembra un motivo molto sensato... ehehehe.

    RispondiElimina
  8. La stringata ed esaustiva recensione del mio ragazzo dopo aver visto il film è stata:" Il film è bello ed Helena Bonham Carten non sembra una pazza".

    RispondiElimina
  9. Uffa Lord, lo immaginavo che era un bel film. Vorrà dire che andrò da solo, come un cagnolino bagnato sotto un temporale, a fan**lo la compagnia... :(

    RispondiElimina
  10. Ciao Lord, come al solito mi trovo perfettamente in sintonìa con i tuoi gusti ed elucubrazioni in fatto di cinema. Mi sono emozionato guardando "Il Discorso Del Re".

    Ah, aborro con tutte le mie forse il 3D :-)

    Lorenzo, TV

    RispondiElimina
  11. ForSe = forze... Oops!

    L

    RispondiElimina
  12. >>>P.Brown
    Si, direi che forse questa è la vera novità del film...

    >>>Miky
    E dai, prenditi una serata per te e vai da solo. Non è così triste come sembra. Io lo ho fatto un paio di volte...

    >>>Lorenzo TV
    Sono felice quando trovo persone che la pensano come me. Mi fanno sentire meno spocchioso.

    RispondiElimina
  13. Lord, forse hai ragione, magari mi va pure bene col vicino di poltrona... ;)

    RispondiElimina