Sanremo 2011 - Prima serata


Sanremo è quella manifestazione canora che va avanti da 61 anni e che nel corso della sua vita ha conosciuto alti e bassi e però è sempre rimasta fedele a se stessa, rifiutando ogni tipo di innovazione. Poche sono state le edizioni che si sono distinte per la loro originalità e il risultato è che ormai ha perso il suo prestigio e siamo rimasti a guardarlo solo io, una manciata di finocchi, dei vecchi rincoglioniti con il salvalavita Beghelli al collo e le massaie che si piazzano davanti alla televisione con la tavola da stiro e una montagna di panni tra le mani. 
Per la prima volta da quando seguo Sanremo, la manifestazione è iniziata senza polemiche e sì, va bhè, c'è stata quella storia di Gianni Morandi che mangia la merda, ma è stata una cosa alla quale non ha dato peso nessuno e tutti gli occhi son stati puntati fin da subito su Elisabetta Canalis e Belen Rodriguez e in giro non si sentiva parlare d'altro e probabilmente mai come questa volta, due vallette sono state così pubblicizzate e mai come questa volta hanno attirato tanto interesse.
Anche quest'anno la scenografia è stata affidata a Gaetano Castelli e del resto sono solo diciotto anni che è lui a firmare l'allestimento, mica si può cambiare, no!?
Che poi, non mi piace criticare questa manifestazione in modo gratuito, ché sembra sempre che lo sport preferito dei blogger, sia quello di parlare male e ovviamente essere cattivi e sarcastici fa più ridere e però io non voglio rientrare in questa categoria. Ma dovete ammettere che quella scenografia con quel nastro che si srotola come una spirale, sembra la scala mobile di un centro commerciale. Ecco. 
La sessantunesima edizione inizia con il passaggio del testimone e troviamo Antonella Clerici seduta sui gradini della scenografia insieme alla figlia e sinceramente a me di lei che dice quanto è importante la sua bambina... proprio non frega un cazzo.
Il Festival di Sanremo, può cominciare.
L'apertura della puntata è affidata alle coreografie di Daniel Ezralow è devo dire che è uno spettacolo molto bello e ci sono anche le ragazze della nazionale italiana di ginnastica ritmica e i loro cerchi volano in aria e questa fusione tra sport e spettacolo è molto azzeccata, ché è un vero peccato vedere certe cose solo una volta ogni quattro anni durante le Olimpiadi e quindi bravo all'ideatore della sigla.

Giusi Ferreri - Il mare immenso
Di G. Ferreri - Bungaro - M. Calò
Apprezzo il fatto che si inizi subito con le canzoni, senza perder tempo con inutili siparietti di dubbio gusto. La Giuseppa si presenta con un vestito completamente aperto sul davanti che non ho capito se le è saltato un bottone cinque minuti prima di salire sul palco, o se invece è proprio stato pensato in questo modo brutto, ma comunque non le dona affatto. Parte la canzone e la base è troppo alta o comunque c'è qualcosa che non va e forse la canzone non è neanche brutta, ma veramente non si capisce nulla; ma mi è sembrato di sentire qualcosa tipo "Andiamo a fare l'amore dentro il fiume e dentro il mare, in tutti i luoghi e in tutti i laghi". Una cosa simile.

Arrivano sul palco Luca e Paolo e lo so che è una cosa scontata da dire, ma non ho idea di chi sia Luca e chi Paolo. Segue momento telepromozione Eni e a questo proposito, il mio fidanzato consiglia di guardare questo video.

Luca Barbarossa e Raquel Del Rosario - Fino in fondo
Di L. Barbarossa
Punto uno, non so chi sia questa Raquel, punto due, Luca è invecchiato proprio tanto rispetto all'ultima volta che lo ho visto, punto tre, la canzone è così antica che anche Tony Dallara si sarebbe rifiutato di cantarla.

Roberto Vecchioni - Chiamami ancora amore
Di R. Vecchioni - C. Guidetti - R. Vecchioni
Dirige l'orchestra Beppe Vessicchio. Ecco, io questa cosa che Vessicchio abbia venduto l'anima a Maria De Filippi, proprio non l'ho mai capita, che secondo me lei gli ha fatto firmare un contratto centennale senza che lui se ne accorgesse e non ci sono altre spiegazioni, ché io non capisco come possa prestarsi tutte le settimane a quella pagliacciata e capisco che il mutuo da pagare ce lo abbiamo tutti, ma quante cazzo di rate gli mancano? La canzone di Vecchioni è inutile è ripete in modo fastidioso per tutti e quattro i minuti la frase del titolo.

Anna Tatangelo - Bastardo
Di A. Tatangelo - V. D'Agostino - A. D'Alessio
E niente, pure quest'anno non ce l'ha fatta a non presentare una canzone scritta insieme al marituccio Gigi e però devo dire che stiamo lentamente sollevando il livello e dopo la donna con la minigonna e dopo l'amico gay, arriva con questo pezzo che non è neanche malaccio (sempre considerando gli standard Tantangeli) e però, la prossima volta che vuole cantare una canzone come Vasco Rossi, si facesse scrivere il pezzo da Vasco Rossi e non da Gigi. Ah e menzione d'onore al completo da uomo con le spalline a punta stile Balmain di due anni fa e con la schiena completamente scoperta.

La Crus - Io confesso
Di Giovanardi - Curallo
Bell'arrangiamento, forse il migliore fino ad ora, è il più corposo e quello che che riesce a sfruttare al meglio gli elementi dell'orchestra; ma canzone 'de merda.

Ed eccolo il momento tanto atteso, entrano Belen e Elisabetta e scendono le scale del Teatro Ariston, e Elisabetta trascina Belen in evidente difficoltà per il vestito troppo lungo e dico io, ma aspettala no? No, Elisabetta le tiene la mano e la tira giù dalla scalinata arrivando per prima al centro dello studio. Brava, hai vinto. E comunque, dato che ce l'hanno fatto a fettine con questa storia di Rodiriguez e Canalis rivali sul palco allora faccio il loro gioco e stabilisco chi è la più bella tra le due.
Belen è in abito turchese Alberta Ferretti e Elisabetta in abito rosso Versace. La giuria da me composta, decide che la sfida è vinta da Belen, anche se non mi piace il colore del vestito e la stoffa è troppo pesante e però ha decisamente una bella silhouette e invece l'abito di Elisabetta ha il potere di farle sparire il punto vita e farle le tette piccole, roba che per mortificare la Canalis in quel modo, neanche un saio di iuta. Un appunto per Belen invece, gonfiatele quei capelli che sono troppo piattella sul viso e mettetele due bigodini, pettinatela con il rullo elettronico, infilatele un chilo di extension, fate quello che vi pare, ma gonfiatele quei capelli e schiaritele i baffi.

Max Pezzali - Il mio secondo tempo
di M. Pezzali
Dopo sedici anni, torna al Festival di Sanremo e stiamo tutti qui a domandarci se ci fosse realmente bisogno; che poi posso capire il momento di crisi, ma quei vestiti rubati ad un barbone della Caritas? E poi baaaasta con queste canzoni... ormai hai ottant'anni e stai ancora a cantare come fossi un pischello! Nord Sud Oves Est!

Davide Van De Sfroos - Yanez
Di D. Bernasconi
Ma chi è? Ma che lingua è? Ma cosa vuole da noi?

Siparietto di Luca e Paolo che perderanno il lavoro per aver preso in giro il Presidente del Consiglio e la situazione politica attuale, mediante con una canzone che rifà il verso al pezzo di Gianni Morandi e Barbara Cola e dallo sfottò non si salva nessuno e questo è di gran lunga il momento migliore della serata.

Di L.Imerico - A. Oxa - R. Pacco
Allora da dove partiamo? In testa le hanno poggiato un pellicano appena tirato fuori dalla marea nera. Le magliette a strati di cipolla le avevamo già viste quando andò da Maria. La canzone... dio mio..., la canzone... possibile che non riesca più a scrivere qualcosa di decente? Possibile che Un'emozione da poco sia ormai un ricordo sbiadito come il suo trucco?

Tricarico - Tre colori
Di F. Mesolella
Dammi tre colori, soli cuori e amori...! No, vabbè, il pezzo non fa così, ma se pure Tricarico si presenta con una canzone di merda... allora significa che non abbiamo veramente più speranze...

Modà e Emma - Arriverà
Di F.Silvestre - E. Zapparoli - E.Palmosi - F. Silvestre
Operazione commerciale studiata a tavolino che vede da un lato il gruppo rivelazione di quest'anno (e mai gruppo fu più sopravvalutato dei Modà) e dall'altro l'ex Maria De Filippi, Emma. Le premesse potevano anche essere qualcosa di interessante e poteva essere l'occasione giusta per avvicinare i giovani a questa manifestazione vecchia come le piramidi, e invece la canzone è una noia terribile in perfetto stile Sanremo.

Cambio d'abito per le due vallette tuttofare e Belen con un abito nero, lungo, gnocca da pippa. Elisabetta in un tubino color grigio perla e swarowsky sul seno (o altre robe sbrilluccicose) e finalmente con questo abito, è tornata padrona del suo punto vita. Le due scendono da un'ascensore in cristallo e quella simpaticona della Canalis calpesta di proposito il vestito di Belen per farla inciampare, cioè... praticamente 'na stronza. Fino ad ora si sono comportate come due celebro-lese che mi hanno fatto rimpiangere le vallette mute. La sfida della gnocca, secondo la giuria da me composta, è vinta ancora una volta da Belen che nonostante il vestito importante, sembra sempre sciolta e a proprio agio, cosa che invece non riesce ad Elisabetta che non sa dove mettere le mani e sembra sempre impacciata e per ostentare sicurezza, spara una cazzata dopo l'altra e continua ad avere un'espressione che dice - Non vedo l'ora di finire 'sta puttanata e mettermi in tuta ajò! - 

Luca Madonia - L'alieno
Di L. Madonia
Ovviamente siamo tutti qui per ascoltare Franco Battiato, ma dov'è Battiato? Mortificato dietro un pianoforte come una comparsa. Canzone di merda.

Patty Pravo - Il Vento e le Rose
Di D.Calvetti - M. Ciappelli - D. Calvetti
Vestita come Samara in The Ring, ha una cofana in testa che potrebbe essere il nido di un condor e comunque... possibile che non si senta nulla? Cioè, ma è la televisione mia o effettivamente l'audio è di merdissima? Bho, sentite io non riesco a giudicare le canzoni in questo modo, non ho capito neanche una parola... fortuna che lei ha una mimica pazzesca.

Momento tango argentino e Belen balla con un pezzo grosso del tango che non mi ricordo come si chiama e il siparietto è abbastanza inutile, ma sullo sfondo ci sono due coppie di maschi che ballano insieme il tango e voglio dire... quanto stanno avanti questi della RAI, che fa fare un ballo così sensuale a due maschi!?

Nathalie - Vivo Sospesa
Di N. B. Giannitrapani
Sentite, le canzoni sono tutte di merda, che non ho mai assistito ad un'edizione del Festival di Sanremo così ciofega, che veramente... per me possiamo chiudere baracca e burattini subito, non mi piace nessuno e di conseguenza non ho neanche interesse a conoscere il nome del vincitore. Forse e dico forse, questa di Nathalie è la canzone migliore, ma ci vuole un bel fegato a scegliere in mezzo a questo mare di canzoni inutili e che dureranno il tempo di tre serate.

Di F. Berlincioni - A. Carrisi - A. Paoletti
Semplicemente mi rifiuto. Sono stupido, lo so.

Dunque la puntata volge al termine e volete che ve lo dico proprio sinceramente? La conduzione è stata lentissima, i presentatori spaesati, Luca e Paolo da soli non riescono a divertire se non per il tempo di un battito di ciglia e in cinque conduttori, non sono riusciti a piazzare una gag che sia una. Le canzoni sono quanto di più brutto abbia mai partorito questo Festival di Sanremo in 61 anni di vita e l'unica cosa interessante, è vedere Belen e Elisabetta camminare dal fondo dello studio, al centro del palco. Roba che c'è da sperare che arrivi il blocco pubblicitario per risollevarsi un po' il morale.
Fuori le due Anne; Anna Tatangelo e Anna Oxa e via con il ripeschaggio perché una di queste due canzoni potrà tornare in gara giovedì sera mediante un ballottaggio.
Share on Google Plus

About Lord79

Se Lord79 non vi piace, sappiate che mi chiamo Emilio.
    Blogger Comment

12 commenti:

  1. Ho riso a più non posso... hai sempre ragione, comunque o anche il mio televisore non funzionava bene... oppure questi dal vivo non hanno voce...

    RispondiElimina
  2. senti.... so che ti può suonare offensivo ma non vorrebbe esserlo. Però... insomma, è vero che che il blog non è letteratura; che il suo bello è l'immediatezza, che alla fine ci si esprime in modo assai aderente a come si è, ma, ecco,... dal blog sembra che tu abbia 15 anni. Ho voluto dirtelo solo perché ho notato un involuzione. Non ti sei sempre espresso così, ma da ormai abbastanza a questa parte la osa si nota proprio, e prescinde dagli argomenti - sempre leggeri - di cui scrivi.

    RispondiElimina
  3. Io potrò sembrare uno di quelli che si son fatti lobotomizzare dalla DE FILIPPI assieme a VESSICCHIO ma... per me meritano indubbiamente EMMA & I MODA' assieme alla TATANGELO. Sarà che al primo ascolto mi concentro molto su melodia, arrangiamento e voce... ma per me erano le migliori, forse perchè le più radiofoniche!? Probabile! :D
    Per quanto concerne lo show (o pseudo tale) condivido.. conduzione lenta e priva di contenuto praticamente per quasi tutta la serata!

    RispondiElimina
  4. Meno male che mi hai fatto una sintesi in commedia, xche da ques'anno quella manciata di finocchi che ha guardato la prima puntata del festival ne ha uno in meno; nonostante il campanilismo appena ho visto la faccia di morandi e sentite le prime due parole ho cambiato proprio stanza ;-P

    Ma ciò non è bastato e i latrati di giusi ferreri mi sono giunti lo stesso, poi non ho sentito più nessuno, si vede che l'audio si è andato a fare fottere anche nella mia tv!

    Le vallette non le ho viste, non me dispiaccio, ma poi sempre femmine, e sempre acefale? Mah

    P.S.
    Ha ragione da vendere il tuo ragazzo a farti postare il video, anche io odio quella pubblicità, è come coprire la merda con la seta.;-)

    RispondiElimina
  5. >>>Alfiere111
    Secondo me non è neanche colpa della loro voce, ma dei tecnici del suono. Però bho... sticazzi, tanto erano canzoni brutti e quindi forse meglio non averle sentite bene.

    >>>Anonimo 16 febbraio 2011 10:48
    Accetto il consiglio e cercherò si stare più attento in futuro; però come hai detto tu, il blog esprime la mia personalità del momento e non potrei mai parlare in un altro modo. Non sarei più io. Farò più attenzione a non usare espressioni troppo da ritardato... ma non assicuro nulla.

    >>>awkward
    Guarda, la Tatangelo secondo me era una delle migliori e se verrà ripescata giovedì secondo me vince.

    >>>>vittorio
    Guarda, qui lo dico e qui lo nego, ma dopo la premessa di ieri credo che questo Sanremo abbia perso un ulteriore finocchio. Eppure se guardi i dati, ha fatto una marea di ascolti. Bha... italiani dementi. Secondo me era solo l'effetto Belen/Canalis; finita questa curiosità, finito lo show.

    RispondiElimina
  6. fai bene ad esprimerti per come ti senti. E non sono comunque "espressioni da ritardato". Un 15enne non è ritardato, semmai immaturo. Io l'ho fatto notare perché c'è proprio distonia tra come scrivevi fino a qualche tempo fa ed ora. Ecco, eri più maturo. Sempre bono comunque, pure zitto.

    RispondiElimina
  7. >>>Anonimo 16 febbraio 2011 17:31
    Accetto di buon grado questa critica. Mi fa rosicare da matti, ma l'accetto e ammetto di essere molto stanco in questo periodo. Magari la digressione dipende da questo. O forse vi ho solo illuso di saper scrivere e questo è il vero me che viene fuori e reclama il suo essere 15enne dentro.

    Ma tu un nome ce lo hai o devo continuare a chiamarti anonimo?

    RispondiElimina
  8. Eppure a me il pezzo della Tatangelo non è piaciuto granchè.
    Più per una questione di testo.
    L'ho già scritto anche da Larvotto. Nel nuovo album c'è "Sensi" che è – a mio parere – molto più coinvolgente. E avrebbe dato un senso alla sua voglia di rinnovamento/ringiovanimento.

    RispondiElimina
  9. Bah, forse fai pure bene ad usare il blog per rilassarti e cazzeggiare senza troppi schemi. E magari sono io che non avendo uccelli in vista da parecchio tempo sono ipercritico. Vai a sapere.
    Rocco

    RispondiElimina
  10. a me piace come scrive il nostro ospite,riesco sempre ad avere una lettura fluida,è come essere in ascolto di un suo pensiero che non ha subito il filtro del "ok ora trovo la forma e le parole giuste" il tono è amichevole e non formale per cui anche se fa qualche erroruccio lo apprezzo molto.
    per quanto riguarda i contenuti il lord ha ampiamente dimostrato di averne tanti e saperli affrontare anche seriamente, se ora fa discorsi da quindicenne,mi viene solo da pensare che dopo una giornata pesante in ufficio ha solo voglia di rilassarsi e cazzeggiare, e lo fa anche qui che è casa sua.
    per me è un si :)

    mcD

    RispondiElimina
  11. @mcD - e però poi la chiudiamo qui - non ho criticato (che poi non volevo proprio criticare nulla) la qualità degli argomenti. Ho sottolineato il modo in cui vengono proposti. Cazzeggiare è piacevolissimo, come quasi tutto quello che abbia quella radice etimologica, ma lo si fa rimanendo sui binari della propria maturità, che c'è, perché ce ne sta prova in molti post precedenti. Siccome la differenza tra il primo Lord e questo è evidente, l'ho fatta notare al nostro ospite. Mi ha detto che è stanco e questo mi basta. La cosa si chiude qui, se si è sentito offeso me ne dispiaccio e gli confermo che non c'è proprio critica ma semmai una curiosità amichevole. Ed ora scambiamoci un segno di pace, come direbbe quello.
    Rocco

    RispondiElimina
  12. Questa cosa del Tango argentino ballato da due uomini, mi ha fatto accendere una lampadina ma non mi ricordavo bene...

    Meno male che c'è Wikipedia!! Cito...

    "Molti credono che all'inizio il tango fosse ballato dai soli uomini, e citano fotografie che lo documentano. La realtà era molto differente. Per imparare a ballare il tango gli uomini si esercitavano tra loro (lontano dalla milonga) e solo dopo aver appreso la tecnica gli era permesso di invitare le donne. Era un sorta di gavetta necessaria per meglio rispettare le poche ballerine di allora."

    Forse è una citazione a questa cosa, una specie di scenografia/coreografia storica...

    RispondiElimina