Il senso incomprensibile del farsi fare un autografo


Non so se avete mai visto la reazione dei bambino davanti ai Teletubbies. Bhe, ve lo dico io, impazziscono come fossero improvvisamente posseduti dal demonio. Ma tipo che iniziano a urlare e correre a destra e sinistra chiamando quegli esseri strambi per nome.
Ecco, adesso moltiplicate per cento questo che vi ho detto e avrete la reazione delle fans che incontrano Justin Bieber. Cioè io giuro, non capisco come questo ragazzetto di sedici anni, riesca a suscitare simili comportamenti e ok, ti piace la sua musica e ti affascina quel suo colpetto di testa che fa quando deve spostarsi i capelli da davanti gli occhi, però suvvia... Justin Biber! Eppure c'è gente che perde completamente la testa per lui e ho visto alcuni video di fans impazzite, disposte a tutto pur di avere un suo autografo.
Che poi vabbè, la gente ha sempre subito il fascino delle persone famose e a Roma ad esempio, ci sono queste vecchie trattorie del centro (quelle che ancora non sono state contagiate dall'arredamento minimal e purista di questo periodo) che mostrano orgogliose le fotografie autografate dei VIP che son passati da quelle parti e quando capito in questi posti, mi domando che senso abbia tenere in bella vista quelle brutte foto, ma poi finisce sempre che mi metto a guardarle, una ad una ed è un tripudio di gente famosa che sorride in modo sforzato insieme al pizzettaro o il proprietario del locale.
Ma in definitiva, a me che me ne frega se Gattuso è andato a mangiare in quel posto? Dovrebbe forse convincermi che quel locale è meglio di un altro?
Eppure per molte persone, esibire quegli autografi come fossero trofei è motivo di vanto e effettivamente è capitata a tutti di incontrare per strada un VIP e pensare - Oddio non ci posso credere che sia proprio lui! Adesso vado lì e gli chiedo un autografo!! -.

Nella mia vita da medioman sfigato, vanto anche io qualche incontro fortuito con gente del mondo dello spettacolo... che poi, quando uno si trova a tre metri da queste persone, la prima cosa che passa per la testa è: - Cazzarola quanto è magra! - che effettivamente la televisione dà un'immagine distorta della realtà e comunque ho notato che le affermazioni più frequenti sono: "Oddio quanto è magra!", "La facevo più alta...", "Comunque dal vivo è più bella che in TV!" e non so per quale motivo ci scatti in testa questo meccanismo e forse abbiamo bisogno di riprendere il contatto con la realtà e "scalare" quel personaggio all'interno del nostro mondo quotidiano, dentro il quale loro ci sembrano degli ospiti graditi o forse bho, solo che non ce li aspettiamo fatti in questo modo.
Che poi, io sono un ragazzetto abbastanza alto e quindi sono sensibile al discorso altezza e quando mi è capitato di incontrare alcuni personaggio dello spettacolo, spesso mi son ritrovato a vivere l'effetto Gioconda, ché uno si immagina questi divi sempre belli, alti, grossi e statuari e invece poi ti ritrovi davanti una versione che scambieresti per un bambino di sette anni e tra gli incontri che il destino mi ha riservato, ricordo come fosse ieri e rigorosamente in ordine di altezza: Lanny Kravitz (che praticamente non arrivava neanche allo sgabello), Penelope Cruz, Francois Sagat (anche lui formato bambola e credo mi arrivi al gomito, ma muscoloso all'inverosimile... sbav!), Marco Carta, Vladimir Luxuria, Manuela Arcuri, Owen Wilson, Francesco D'Macho (lo posso catalogare come VIP?) e ultima della lista, Valeria Marini. Cioè, con questo non voglio dire che Valeria Marini sia realmente la più alta tra tutti questi che ho elencato, però io nella mia testa la ricordo come un enorme frigorifero, di quelli stile americano che distribuiscono anche il ghiaccio e ricordo perfettamente che quando me la sono trovata davanti, ho pensato - Cazzo questa è un armadio e se mi da una pizza mi stende. -.
Comunque io non mi sognerei mai di andare a chiederle un autografo.
Suvvia, gli autografi fanno così tanto anni novanta e mi fa anche un po' tristezza vedere i ragazzini all'uscita di un albergo che aspettano il loro beniamino per chiedergli un autografo e poverini... non si rendono conto di quanto sia impari la situazione, con loro che sono lì con le gambe che gli tremano e e pronti a ripetere a se stessi che non laveranno mai più la mano che li ha toccati e quegli altri invece che non glie ne frega nulla e sono costretti a sorridere per contratto e buona educazione.
Che poi io penso sempre: ma ti pare che quelli stanno lì, beatamente a farsi gli affari loro e spunto io da dietro che gli picchietto sulla spalla per farmi fare un'autografo?
Cioè, per favore... 
Ok, intendiamoci; se incontrassi Mariah Carey al supermercato... come prima cosa mi prenderebbe un infarto. Poi, dopo esser stato rianimato da un'equipe di paramedici a suon di - Carica a duecento... libera! - , magari potrebbe anche passare per la testa di andarle a chiederle: - Ciao Mimì, mi disegneresti una farfallina sulla natica, con un pennarello indelebile? -. Però ecco, queste sono le idee che vengono in quella frazione di secondo, quando perdi il contatto con la realtà e inizi a pensare che da questo vostro incontro scaturirà una bellissima amicizia e che andrete insieme a Disneyland e comprerete dello zucchero filato rosa e vi farete le foto con Minnie e Topolino e... poi ti accorgi che il pesce spada surgelato che hai comprato, ti sta gocciando sulle scarpe e allora e torni alla dura realtà e ovvero che non incontrerai mai Mariah Carey al supermercato.
E comunque, ora parlando seriamente, l'autografo non è altro che un ricordo da conservare nel cassetto o far vedere agli amici, ma fondamentalmente non ha nessun vero significato se non provare a rendere immortale, un momento di per sé straordinario e al quale ogni persona può dare un significato differente. Io non sono tipo da chiedere un autografo, perché semplicemente non mi interessa e penso che due passaggi in televisione non rendano una persona migliore di me e magari però, ci sono quelli che hanno così tanti autografi da farci una collezione e quelli che che gli danno il bacio prima di andare a dormire e quelli che lo chiedono solo per farlo vedere agli amici e quelli che lo incorniciano e lo appendono al muro.
Io un autografo non lo chiederei mai, perché semplicemente non mi emoziona vedere la gente dello spettacolo e punto.
Ma ora passiamo al momento verità; perché a parole siamo tutti bravi, ma poi quello che contano sono i fatti:
No, non ho mai chiesto l'autografo a nessuno.
Non ho chiesto un autografo neanche quando sono andato ospite a quella trasmissione e ho incontrato la prima VIP della mia vita: Sandra Milo (MOMENTO AMARCORD).
Sì, quando ancora credevo fosse una persona simpatica, ho chiesto a Fabio Volo di fare una foto insieme e c'è lui scocciato che fa una faccia da pirla e io che sorrido felice come una pasqua.
Sì, sono andato davanti allo Studio 1 del centro Palatino, per vedere le ragazze di Non è La RAI dal vivo. In quel periodo padre mio mi aveva anche comprato il quadernone di Ambra, perché sapeva che ero pazzo per lei.
Ma erano i primi anni novanta e tutto era permesso...
Share on Google Plus

About Lord79

Se Lord79 non vi piace, sappiate che mi chiamo Emilio.
    Blogger Comment

31 commenti:

  1. te l'ho già raccontato ma siccome non ti ricordi mai niente te lo scrivo. quando vado al Festival del Cinema di Venezia mi faccio almeno un red carpet in prima fila. non perché voglia gli autografi, dei quali come a te non mi interessa nulla, ma per vedere attori e registi dal punto più vicino possibile, e magari - perché no - stringere loro la mano o dire "bravo, ti stimo". l'unico autografo che ho me l'ha fatto il mio regista preferito (Aronofsky) prima della proiezione di Black Swan ed è stato uno dei momenti più memorabili della mia vita di appassionato di cinema. mi sono presentato con il dvd di uno dei suoi capolavori (ma anche il film più bistrattato, The Fountain). quando Darren si è avvicinato e ha visto cos'avevo in mano, si è illuminato. no, davvero, non è un'invenzione per abbellire il mio racconto. si è proprio sciolto. mi guarda dritto negli occhi e mi fa "a te lo firmo prima degli altri. come ti chiami?". e così mi ha fatto la dedica sul dvd, corredandola col pi grego (simbolo che richiama il suo primissimo film). credo che sarà il primo e ultimo autografo della mia vita, indimenticabile.

    RispondiElimina
  2. Tu pensa io ho incontrato Tiziano Ferro, Victoria Cabello e la Vanoni, e fino a qui nulla di male.
    Poi Nina Moric, Alessia Fabiani, Lele Mora, Cristina d'Avena, Solange, Malgioglio e D&G, in realtà solo uno dei due ma non so chi sia l'uno e l'altro....ecco se incontro pure
    Sonia Cassiani giuro che la obbligo a chiedere lei a me un autografo.
    Comunque non l'ho mai chiesto a nessuno, neanche alla Cabello che mi piace molto e con la quale stavo guardando la stessa vetrina di cazzate a Milano.

    RispondiElimina
  3. Nemmeno io ho mai chiesto autografi o foto, ma fondamentalmente perchè mi vergogno e non ho la faccia tosta necessaria. A Milano capita spesso di incontrare qualche cosiddetto VIP, vuoi perchè ci sono tutte le case discografiche, vuoi per le ospitate nella settimana della moda o per la presenza degli studi di mtv, mediaset e rai, ed in effetti sembrano sempre tutti più minuti. Quello, però, che a me fa più impressione è quanto siano evidenti dal vivo gli interventi di chirugia plastica al viso: spesso risultano persino fastidiosi da vedere!
    Comunque confermo: Valeria Marini dal vivo è un frigorifero. Un'altra gigantesca è Brigitte Nielsen, che è alta due metri ed ha due spalle enormi.
    E, tra i molti altri volti noti che ti risparmio, una volta ho persino incrociato lui, sì, il nanocoso, un essere minuscolo, quadrato, con quintali di trucco ed un sorriso di gomma ai limiti del grottesco.

    RispondiElimina
  4. >>>Charlie
    Guarda, ti sembrerà assurdo, ma ho un vago ricordo di questo racconto...

    >>>Gianguido
    Sì, si anche io ho incontrato Tiziano Ferro al Gay Village di Roma. Voglio dire, ora che ha fatto coming out si può dire tranquillamente, ecco. Comunque non vi ho fatto la lista di tutti i VIP che ho incontrato un po' perché non fregherebbe a nessuno, un po' perché neanche li ricordo.

    >>>Barone
    No ecco, nonostante abiti a Roma Lui non lo ho mai incontrato. E lo prendo come un segno del destino positivo... ehehehe!

    RispondiElimina
  5. Domnada "tecnica" ma come hai fatto il nuovo header?

    simone

    RispondiElimina
  6. >>>simone
    Il motivo floreale sulla sinistra e anche quello che decora la camicia, si trova facilmente sul Google immagini.
    Mentre per quanto riguarda la mia figura, l'ho fatta ricalcando una mia fotografia.
    Per realizzare il tutto ho usato Photoshop.
    Fidati che se si ha anche solo un minimo di dimestichezza con il programma, è molto più semplice di quanto possa sembrare.
    Ma ti piace o no?

    RispondiElimina
  7. Io mi son fatto fare una foto con Paolo Poli alla fine di uno spettacolo e sarà sempre un bellissimo ricordo di quella serata, quando alla grande considerazione che hai di una persona si aggiunge la sua grande disponibilità, ti senti piccolo piccolo ed orgoglioso di quello scatto.

    RispondiElimina
  8. Molto, complimenti!
    io ho litigato molto tempo fa con photoshop...sara' che lo dovevo usare per lavoro...quindi ora lo evito come la peste...

    RispondiElimina
  9. MMh io l'unico autografo che ho chiesto nella mia vita è datato 2002: una bigiata di classe collettiva uscimmo a farci due giri in centro (salimmo pure sul duomo a prendere il sole, ma questa è un'altra storia). Ebbene, un mio compagno che militava tra i tifosi esagitati del MIlan riconobbe un calciatore che giocò nei rossoneri negli anni 80 e dopo averlo abbracciato, mi initmò di prendere la mia smemoranda e gli fece firmare tutto il mese di agosto, strappandomi poi tutte le pagine per darle agli amici. Me ne lasciò una. Mi credi che manco so chi fosse sto tipo?

    Come ha scritto poi un altro tuo lettore a Milano se ne incontrano parecchi, sia per le serate delle fiere, del Salone del Mobile, delle settimane della moda ecc sia per la gran quantità di marchi famosi. Tra i tanti che tra feste e lavori ho conosciuto, te ne voglio citare una che mai mi sarei aspettato, incontrata a caso e a 10 cm di distanza nel centro di Milano: Victoria Beckham.
    Alta un metro e un pugno, con un cappellino sul viso, occhialoni da sole e solito trucco sugli zigomi, snella da far paura reggeva almeno 4-5 borse di Hermes, Armani e Valentino. Ti dirò... è uno dei pochi casi dove la bellezza dal vivo supera quella delle fotografie.
    E ha lasciato una scia di profumo da sturbo! :)

    RispondiElimina
  10. A parte che ti devo ringraziare per il momento amarcord, perché mi hai fatto venire in mente quando da piccolo vedevo Sandra Milo e quel programma... Comunque, sul tema del post: chiedere un autografo al supermercato, o in un locale è proprio terribile. Ne ho scritto recentemente, perché ho incontrato in un locale di Torino Alessandro Fullin, attore che a Zelig portò la professoressa di tuscolano... mai e poi mai mi sarei sognato di avvicinarlo con la scusa dell'autografo, perché penso che una persona conosciuta debba anche starsene un po' in pace. Pensa a Mariah se le chiedessi la farfallina al supermarket, penso ti tirerebbe in testa il fustino del detersivo.
    Però fuori da uno spettacolo, è diverso.
    Ricordo in particolare un episodio di quando al liceo andavo con assiduità a teatro: dopo uno spettacolo, andai a salutare Monica Guerritore in camerino, perché era stata proprio brava. Ti posso giurare che era davvero felicissima di incontrare il pubblico, rimase a parlare, non la finiva più di ringraziare. Forse però nel teatro (come dice anche P.Brown), l'autografo è un po' un modo per avvicinare l'attore o il musicista e condividere un momento, commentare la performance. Non è idolatria.

    RispondiElimina
  11. *NatoStanco*3 marzo 2011 15:53

    complimenti per la ""copertina"" vagamente japan, che adesso so chiamasi header...

    RispondiElimina
  12. io gli unici "VIP" che ho incontrato son stati Ronaldigno e Anna Laura Ribas ma lungi da me chiedergli autografo... Primo perche' non me ne fregava niente e Secondo perche anche qual'ora mi fosse importato qualcosa son troppo timido per andare li e chiedergli una firma.

    RispondiElimina
  13. Ma sai che nemmeno io ha mai capito il senso dell'autografo... un conto è la firma del pittore sul quadro, o al massimo dell'autore sul suo libro, ma quegli scarabocchi su foglietti non so che senso abbiano... :/

    RispondiElimina
  14. gli unici autografi che voglio sono sugli assegni! Detto questo te non te fai fa l'autografi......quelli no, ma se te dovessi incontrà Maialah, altro che farfallina, te magneresti tutti i glitters e te faresti pià a schiaffi dalla parte dell'anello tanto pe fatte rimanè il ricordo....

    x quanto riguarda il tuo nuovo come se chiama, la cornicetta? ma tutti sti complimenti e nessuno tranne me s è accorto del simil-Manson? ihihihih sai che ti ci prenderò x il culo per moooooolto tempo....
    ma a parte quello è caruccio :P

    Credo sia superfluo firmarmi....

    RispondiElimina
  15. il post non sarebbe quello giusto, mi riferisco a quello della gaga, ma sono un po' disordinato con certe cose, spero non ne abbia a male. adoro il modo col quale hai sistemato quel tipo, vorrei averti come ghost writer in caso di stalker. io non sono affatto diplomatico e la violenza verbale gratuita mi fa proprio incazzare. mi piacerebbe fare il superiore granitico ma, normalmente, la stupidità altrui, anche quando non diretta a me, mi offende proprio. immagina che vita d'inferno dunque ;). poi, vabbé, penso al fatto che l'invidia (perché solo di quella e non di altro può trattarsi quando qualcuno ce l'ha con me ;)) è talmente efficace nell'opera di autoeliminazione, senza che mi si richieda alcuno sforzo aggiuntivo e i miei furori si spengono.
    ero venuto appositamente per leggere la tua recensione in merito al video sebbene sapessi l'avresti conciata male. il clip è già uno dei miei preferiti (l'immaginario di knight è entusiasmante) insieme a qualcosa di gondry e cunningham. comunque tutto ciò per dire che, si, lady cessa mi piace, che non le chiederei mai un autografo e che non oserò più certi ot.

    RispondiElimina
  16. l'unico a cui chiederei un autografo saresti tu :D eheheheh di famosi me ne sono passati davanti a vagonate ... mai chiesto nemmeno un autografo. nemmeno a Gino Paoli quando era alla cassa di un Autogrill :P

    RispondiElimina
  17. Pensandoci bene una volta invece ho fermato un vip.
    Vip per modo di dire.
    Seduta a un bar a Milano ti vedo Silvie Lubamba e io in quel periodo impazzivo per lei che faceva la cretina da Chiambretti.
    Cosa mai fatta in vita mia, anche perchè sopra ho indicato chi ho incontrato e anzichè l'autografo della Fabiani preferisco essere messo sotto da un tir in tangenziale est, mi catapulto al tavolo e le dico che la trovavo favolosa.
    Molto carinamente mi caga giusto quei due minuti e mi dice che sta parlando col manager seduto con lei, però vedevo che sarebbe stata volentieri a sparar minchiate.
    La saluto e tutto felice per aver parlato con una scema di prima categoria me ne torno in ufficio.
    La sera racconto ad una cena di una mia amica giornalista l'incontro del pomeriggio e ad un'altra nostra amica giornalista squilla il telefono.
    Era Lubamba, la mia amica le dice che stavamo giusto parlando di lei e le spiega quello che le avevo racconatato.
    Per farla breve Lubamba le dice che le ero rimasto simpatico ma proprio non poteva cagarmi più di tanto e si fa dare il mio numero di cellulare dicendo che mi avrebbe chiamato per prenderci un aperitivo..... A Silvie, so passati due anni ancora t'aspetto.
    Scusa Lord per i commenti troppo lunghi ma quando scrivo non ho proprio il dono della sintesi.
    Chiedo venia.

    RispondiElimina
  18. ..Che s'offende Mimì se le chiedo di farmela altrove? La farfallina intendo :D -R.

    RispondiElimina
  19. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  20. Mai chiesto un autografo. E del resto se dopo gli smaronamenti che hos critto sul mio blog sui "VIP", sulle icone gay e sull'idolatria sarei da picchiare a sangue :))

    E non ho neppure una foto con un vip. Non mi verrebbe neppure in mente di chiederla. Chiaro, se diventassimo amici, mi farebbe piacere e sarei orgoglioso di far vedere che sono amico di una persona in gamba, ma non perché è "vip" (figurati, se è vip qualche mentecatto del grande Fratello o qualche lobotomizzato del parlamento, non lo vedo come un motivo di vanto... anzi...).

    Però mi farebbe piacere averne una con te, Lord. E invece non l'abbiamo mai fatta, neppure col cellulare. Dici che questo rientra tra "quelli che vogliono la foto col VIP" o posso considerarti una persona qualsiasi? :))

    RispondiElimina
  21. carino questo post!
    mi sa che prendo spunto e ci scrivo un post di amarcord, se non ti scoccia.
    io faccio esattamente come te.
    ora, non credo che la Carey vada al supermercato, se non per girare video con il culo di fuori. ma se incontrassi Jake Gillenhall alla Sma, mi troveresti steso e collassato sotto a un pacco di gamberetti formato gigante.

    RispondiElimina
  22. Se ti capita ci racconti l'incontro con Sagat? Cioè, voglio dire, nel caso fallo pure assomigliare a uno dei suoi film. Ah, ma hai cantato a piccoli fans?!!?
    alexpf

    RispondiElimina
  23. >>>P.Brown
    Sì, ma infatti andare a parlare con un artista ad una mostra o dopo uno spettacolo ha un senso, fermare per strada uno pseudo VIP o attaccare le foto in un ristorante invece, io proprio non lo capisco. ma magari sono io che sono fatto strano.

    >>>simone
    Ah bhè, grazie. io invece mi ci diverto con il Photoshop e mi diverto anche a fare queste cazzatelle inutili e quindi son contento se sono apprezzate.

    >>>Matt
    Oddio la storia di Victoria l'avevo dimenticata. Ti stimo troppo.

    >>>Ἀμφίων
    Ah bhè, Sandra Milo è parte del DNA di quelli nati nel mio periodo. Le vorremo sempre bene.
    E concordo con te (come ho detto anche a P.Brown, che parlare con un artista dopo lo spettacolo è senza dubbio molto diverso.

    >>>*NatoStanco*
    Come ho detto a Miky ieri, il tema dell'header è liberamente ispirato ai lavori di Obey. Che poi sarebbe quello che ha ideato il manifesto con Obama che ha fatto il giro del mondo.
    --->Link
    http://www.veja.it/wp-content/uploads/2010/01/obey-obama.jpg
    --->Link
    http://obeygiant.com/

    >>>SkraM
    Capisco benissimo che se incontri Anna laura Ribas, non ti viene proprio voglia di chiederle un autografo...

    >>>Miky
    Siamo in due tesoro, siamo in due.

    >>>Nerona cattivissima
    Che ha che non ti piace la mia bella faccia?
    L'ho messa pure sul facebook, almeno puoi chiacchierà...

    >>>Starsimo
    Ah bhè, io me la tiro talmente tanto, che non perdo tempo a litigare con quelli che reputo inutili. Se invece una persona mi sta a cuore, allora mi ci scorno. Domenica pubblicherò la recensione (se così si può chiamare) del video di britney spears. Insomma, se te ne frega qualcosa e se ti interessa sapere come tratto la mia beniamina...
    E tu puoi fare tutti gli OT che ti pare, non credo ci sia bisogno di specificarlo... ognuno ha le sue preferenze...

    >>>Leopoldo
    Ah bhè, allora organizziamo un pomeriggio da LaFeltrinelli, io mi metto dietro un banchetto e voi venite uno ad uno con una mia foto tra le mani a chiedere un autografo. Ci stai?

    >>>Gianguido
    la tua storia con Lubamba è quasi esilarante e fidati, non devi scusarti, quando si scrivono cose intelligenti o simpatiche, non bisogna mai scusarsi.

    >>>-R.
    Ho quasi paura a chiederti dove te lo faresti fare questo autografo...

    >>>Roccia
    Ma infatti nel post c'era tutto un pezzo che riguardava le amicizie famose (o note) che a questo punto vengono viste come persone comuni e non ci interessa di chiedergli un autografo perché per noi sono solo amici e non VIP. Però poi lo ho tagliato perché faccio sempre post lunghissimi e penso che vi rompete le palle a leggerli e quindi ho segato la parte delle amicizie famose.
    E una foto con te quanno te pare.
    Questo era scontato.
    Anche perché aspetto che arrivi la bella stagione per farci una foto in costume da bagno. Ovvio che io sarò in t-shirt e tuta lunga, ché altrimenti al tuo fianco sfiguro...

    >>>Oscar
    Ah bhè, allora poi voglio proprio vedere cosa sarai in grado di partorire. Cioè, Lord come musa ispiratrice ancora non mi era mai capitato...

    >>>alexpf
    Prometto che prossimamente vi racconto come è andata tra me e Sagat. Anche se forse dovrò censurare qualche parte...
    E no, non ho cantato a Piccoli fans; ero tra il pubblico.

    RispondiElimina
  24. adoro la farfallina sulla natica!!! Comunque un mio amico all'ESSELUNGA ha incontrato la Ventura...certo non è MIMI!! :)

    RispondiElimina
  25. Ma perchè hai conosciuto Sagat?.. e ci sei pure uscito???? Questa me l'ero persa... non consumo pornografia, non che ci sia nulla di male, ma non la capisco.
    Lo so che non c'è niente da capire ma quando mi imbatto in un porno la prima cosa che mi viene in mente è che non capisco.... comunque so chi è Sagat, e quindi ci sei uscito?????
    Mmmm, sono proprio uno sfigato, io sono uscito tre giorni con uno di "amici" di Filippo de Maria tipo della prima edizione ma non lo sapevo perchè non guardo amici, e neanche abbiamo combinato, solo l'ultimo giorno, poi non ci siamo più visti, m'ha detto che aveva fatto "amici"... non che non ci siamo più vsiti per quello ma comunque non me ne rammarico... però se vi interessa ho fatto il servizio civile in una parrocchia con uno stilista prima che diventasse famoso.... va bhè lasciamo perdere... so proprio un poveretto...

    RispondiElimina
  26. Incrociato per ben due sere di fila Damien & Francesco due settimane fa, altro che effetto gioconda, mi arrivavano al mento.

    RispondiElimina
  27. Lord, come foto usiamo quella del blog è bella ed è l'unica che tutti potrebbero avere con facilità. Oppure dovremmo scattarti una foto scatenando i paparazzi? :)

    RispondiElimina
  28. >>>Andrea
    Direi che no, di sicuro la Ventura non è Mariah. Tra parentesi... ma quanto s'è gonfiata la faccia? Quest'anno quando è gonfiata l'Isola, quasi non la riconoscevo...!

    >>>Gianguido
    Credo che il personaggio di Sagat ha ottenuto un tale successo da uscire fuori dai confini del porno e per questo lo stimo in modo immenso. E poi è decisamente bono che non guasta mai. Ma è talmente basso che fa quasi sorridere...

    >>>Belguglielmo
    Quando li ho incontrati io sì, effettivamente Damien è veramente bassissimo, ma Francesco me lo ricordo bello alto. Cioè, così a memoria ti direi che è alto come me o qualche centimetro in meno e io sono un metro e ottantotto.
    Ma poi scusa... stavano insieme? Non si sono lasciati??

    >>>Leopoldo
    Guarda Leo, di foto mie sul blog ce ne sono abbastanza, basta saper cercare...

    RispondiElimina
  29. Boh, erano in un gruppetto, e a me parevato tutt'e due nanetti (fa conto che già io son basso). Però eran già le dieci di mattina quindi non garantisco di alcun ricordo esatto... Ad ogni modo smentisco tutto, sono stato travisato, la stampa è comunista e io stavo spingendo carrozzelle.

    RispondiElimina
  30. CIAO LORD...

    Che dire, per quanto mi riguarda io ho voluto (fortissimamente voluto) gli autografi delle mie amate.

    MA l'autografo per me ha senso solo se ìè lagato ad un incontro, o un momento speciale.

    E così in casa mia fanno bella mostra quello di Monteserrat Caballè che è fdi una simpatia travolgente, quello della mia adorata Cesaria evora e ogni volta che vedo "dove cavolo scrive il nome" mi commuovo..
    E quello della Bassey (
    Sappi che ho lanciato un anatema su questo blog perchè non hai mai messo un suo video!!!)
    legato non tanto ad un incontro ma ad un viaggio a Montecarlo (partendo da Nizza però) solo per lasciare una lettera a casa sua.

    Ciao Lord...
    complimentissimi per il blog.

    RispondiElimina
  31. Ho dimenticato Milva e Amanda lear...anche con loro incontrati in mometi assai speciali e in atmosfere rilassate.
    DUe signore...ups..una signora e un signore...

    RispondiElimina