Le palme dell'EUR e il punteruolo rosso


Che poi vabbè, con tutte e disgrazie che si sentono in questi giorni e con quei poveretti che arrivano sui barconi e nessuno li vuole e quegli altri che combattono con le radiazione, parlare delle palme che muoiono può sembrare una cosa ridicola e fuori luogo e però anche oggi son passato davanti a quei tronchi secchi e quindi mi è tornata la voglia di raccontarvi questa cosa e praticamente il rhynchophorus ferrugineus, chiamato più semplicemente il punteruolo rosso, sta continuando a uccidere le palme di Roma e quelle della foto sono solo alcune delle palme dell'EUR completamente morte e dato che abbatterle e sostituirle con degli esemplari nuovi, è un'operazione troppo costosa, ecco che in giro per la città si vedono questi cadaveri senza più foglie svettare come fossero obelischi. Abbattere una palma morta costa almeno 1.500 euro e bisogna avvolgerla con dei teli e portarla nei centri di stoccaggio per evitare che il coleottero e le sue larve volino via e contagino altre piante e le istituzioni non hanno soldi da dedicare a queste lavorazioni e quindi li lasciano lì.
Il punteruolo rosso si attacca alla pianta tra le foglie della palma e inizia a succhiare via la linfa della pianta e Italia Nostra ha chiesto già molte volte al sindaco Gianni Alemanno di intervenire prima che le palme di Roma scompaiano del tutto e però la sua risposta è stata solamente di immobilismo e il pericolo del punteruolo rosso è noto già dal 2004 e però sono pochissimi gli interventi che sono stati eseguiti e per esempio hanno curato con successo le palme di Piazza di Spagna e poche altre e intanto il paesaggio di Roma cambia.
Share on Google Plus

About Lord79

Se Lord79 non vi piace, sappiate che mi chiamo Emilio.
    Blogger Comment

5 commenti:

  1. Purtroppo anche la palma che ho in giardino è stata attaccata la scorsa estate, e quasi tutte le palme che ci sono in giro. Abbiamo fatto un trattamento a novembre, anche se una volta che attacca il punteruolo c'è poco da fare, ma la cosa sorprendente è che abbiamo trovato punteruoli morti a terra e la palma non si è afflosciata e rinsecchita ( quello che succede dopo l'attacco, la classica conformazione all'ingiu') e continua ad essere verde. La prox settimana faro' ripetere il trattamento. La mia è una palma femmmine che fa i datteri ed è altissima.

    daniele

    RispondiElimina
  2. La cosa assurda è che dalll'attacco sono passati quasi 12 mesi.

    daniele

    RispondiElimina
  3. La natura riequilibria l'ambiente...le palme non sono del nostro abitat!
    Carlo

    RispondiElimina
  4. Anche qui in liguria arrivò tempo fa, ma probabilmente forti dell'esperienza accumulata durante il periodo di risalita lungo la penisola si sono riusciti a limitare i danni.

    Anche xche nella riviera delle palme, di palme ce ne sono molte ;-) e se si diffondesse sarebbe un bel casino.

    Cmq carlo non è la natura che riequilibra, è l'uomo che è minchia: il punteruolo rosso è estraneo all'abitat del mediterraneo, è stato importato.
    Seguendo il tuo ragionamento dovremmo anche dimenticarci di pomodori, delle patate, del mais ecc ... "_"

    RispondiElimina
  5. Domani prenderò permesso e girero per Firenze con un cestino, per raccogliere fondi per le cure delle palme.
    Scherzo. Credo invece che sia anche da queste cose che si vede a che grado di sviluppo si trova un paese.
    Bacio

    RispondiElimina