I locali finocchi di Roma: Coming Out

Quando ancora non ero finocchio (o quantomeno quando ancora non avevo capito di esserlo), il punto di ritrovo per la comunità omosessuale romana, era il Side e c'era così tanta gente che le macchine facevano fatica a passare su Via Labicana (cioè, almeno questo è quello che mi raccontano, dato che io stavo a casa a giocare con Gira la Moda...).
Quando ho capito di essere finocchio e ho cominciato a frequentare qualche locale gaio, il Side era diventato un ritrovo per vecchi bavosi e mi dissero che, presi dalle manie di onnipotenza, i gestori triplicarono i prezzi e per questo motivo tutti i finocchi si sentirono traditi e si spostarono al vicino bar appena aperto, il Coming Out appunto.
Coming Out: nel mondo LGBT indica la decisione di dichiarare apertamente la propria omosessualità.
Non poteva esserci nome migliore per un bar che nel corso degli anni è diventato un vero e proprio punto di riferimento per tantissimi giovani gay ed è posizionato in modo strategico ed è in una stradina abbastanza secondaria, ma non fuori mano e c'è il Colosseo che si staglia davanti e un bel po' di spazio dove bivaccare all'aperto e ormai è diventato un luogo di ritrovo di quelli che - Facciamo un salto al Coming? - e stai sicuro che incontri qualche viso conosciuto. Vabbè, quasi sempre...
Che poi, fino a qualche anno fa esisteva solo il Coming Out e uno diceva "Andiamo al Coming Out?", proprio perché c'era solo il Coming Out e adesso invece abbiamo tutta una strada che è diventata finocchia di adozione ed è nato l'attiguo My Bar e il pub delle lelle che fa angolo alla fine delle strada e che però non so come si chiama e il Souvenir che sarebbe un negozio di cianfrusaglie gay dove però secondo me in tanti entrano e in pochi comprano e poi c'è la gelateria/creperia che di sera appende la bandiera arcobaleno e di giorno la toglie e il bed and breakfast 2nd Floor con le finestre che si affacciano proprio sopra la strada e che se vuoi ti puoi affacciare e scegliere un manzo da portare in stanza per fargli vedere la collezione di farfalle e se non ci fosse stato il Coming Out, tutto questo non sarebbe mai esistito.
E per questo motivo noi continuiamo a dire "Andiamo al Coming Out?" anche se poi dentro al Coming non ci mettiamo piede e rimaniamo sul marciapiede e dentro al pub probabilmente non ci entro da quando avevano ancora i tavoli in legno e la boiserie alle pareti e non è mica per cattiveria o per partito preso; ma semplicemente il locale è un pochino angusto ed è più bello vedersi in strada dove si può parlare senza dover sovrastare la musica e se proprio vogliamo dirla tutta, credo che dovrebbero spostare il bancone del bar nella prima saletta subito appena si entra, ché attraversare i tavoli per arrivare giù in fondo e riuscire finalmente ad ordinare qualcosa, è piuttosto scomodo e fa passare la voglia di entrare, ecco, mo' ve l'ho detta.
Il Coming Out ormai è molto di più di un semplice pub con la bandiera arcobaleno appesa fuori e il Coming Out è uno spazio mentale dove la gente può stare tranquilla e dove può essere se stessa, con tutte le varie sfaccettature possibili e uomini che amano gli uomini e donne che amano le donne e capelli lunghi e capelli colorati e giovani e vecchi e vestiti strani e vestiti alla moda e colti e intellettuali e schiocchi e spiritosi e tutto questo trova la sua forma tridimensionale in un fazzoletto di strada ormai diventata pedonale e soprannominata (rifacendo il verso alla serie televisiva Queer As Folk); Gay Street.
Ok, il nome gay street fa un po' sorridere e soprattutto fa simpatia questo nostro provincialismo del voler dare a tutti i costi i nomi alle cose e dato che essendo gay siamo abituati a prendere calci in faccia da quelli che comandano, ci piace sbandierare i nostri piccoli successi e poter dire: - Noi abbiamo una gay street!! -, come se fosse un traguardo raggiunto r la sera c'è sempre una volante dei vigili che controlla che nessuno dia fuoco ai locali o butti petardi contro le lesbiche o prenda a pizze qualche innocente finocchio e però ogni tanto è bello anche raccontare di come un semplice pub senza infamia e senza lode, sia riuscito a diventare un punto di riferimento per molti di noi. Gay.
Share on Google Plus

About Lord79

Se Lord79 non vi piace, sappiate che mi chiamo Emilio.
    Blogger Comment

8 commenti:

  1. Adoro a morte il tuo modo di scrivere fregandotene delle virgole.
    Ce ne vorrebbero di più, di LIBERTY AVENUE come la vostra.

    Mimi - marikikka.com

    RispondiElimina
  2. Sempre molto attento ai minimi particolari!... AGGIUNGEREI CHE "gay street" o " strada finocchia" e' anche la vetrina di gay romeo,facebook e del neonato grinder!!! pensa quanto sia importante vedere la merce li'prima di acquistarla...quindi da una semplice vecchia strada di sanpietrini ,diventa il piu tecnologico Display 3d dove puoi vedere toccare parlare( O ANCHE SOLAMENTE SPIARE SENZA FARTI NOTARE) diciamo una sorta di chat interattiva !!!

    RispondiElimina
  3. Non dirmi che sono stato l'unico capace di poter spendere più di 40€ da Souvenir °_°?

    RispondiElimina
  4. Il bar delle lelle si chiama colosseum bar, anche detto "da Max" :P

    RispondiElimina
  5. il coming out esisteva anche ai tempi del side, e all'epoca si chiamava Glance. Era un bar-sala da tea per lesbiche..poi sono arrivati i primi finocchi ( tra cui io )...

    ancora ricordo che le prime volte che andavo era un locale semi-deserto e man mano che andavo era sempre più pieno, finchè un giorno trovai la lista d'attesa per il tavolo. Le attese erano sempre più lunghe, e con la bella stagione chi attendeva un tavolo dentro al locale nel frattempo sorseggiava un drink in strada acquistandolo all'attuale mybar, e preferendo l'aria aperta a quel cesso di posto del coming( tra l'altro i prezzi del mybar erano mooooolto più accessibili ).
    Nasceva cosi l'usanza di non entrare al coming ma di sostare in strada, pur dandosi l'appuntamento con gli amici "al coming"..

    the end.
    giuro pare una leggenda ma è così! :)
    Claudiano

    RispondiElimina
  6. Ti adoro, Claudiano!!
    Sono anni che cerco di ricordare come si chiamava il Coming prima di chiamarsi Coming. Ma nessuno se lo ricordava e a me proprio non riusciva a emergere dalla memoria!

    RispondiElimina
  7. @roccia: pur avendo pochissimi anni son della vecchia guardia, sai? :)

    RispondiElimina
  8. ..claudiano, quindi si può dire che tu hai aperto la moda del sostare fuori davanti al coming!!...ti lovvo sempre....baciuz

    RispondiElimina