La Lista dei politici finocchi


E dunque la outing-list è on-line.
Sono infatti stati svelati dal sito Listaouting, i nomi di presunti politici omosessuali non dichiarati e accusati di avere costantemente atteggiamenti omofobi.
Dici: - Ma come; solo nomi e cognomi, senza un minimo di prove o spiegazioni o qualcosa a sostegno della tesi? Niente di niente? -. Bhe, secondo voi sarebbe stato meglio se accanto ai nomi avessero scritto cose del tipo: "Gasparri alle undici di sera va a suonare il piffero di una marchetta brasiliana che adesca da Palombini..."? Sarebbe stato meglio? Andiamo... questo sì che sarebbe stato gossip da ombrellone! Voglio dire, se lista doveva essere, a questo punto è stato meglio mettere solo nomi secchi, nero su bianco e senza tanti ricami. Del tipo: io ve l'ho detto e adesso se non volete crederci sono affari vostri. Lo so, fa un po' spia della scuola elementare - Maestra, a Formigoni piace prenderlo in quel posto e però non vuole dircelo! -, ma tant'è.
Che poi voglio dire, Aurelio Mancuso lo aveva annunciato mesi fa e adesso improvvisamente spunta questa lista attribuita ad un gruppo di "internauti anonimi". Ma io dico; ma ci avete preso veramente per fessi?!
Ok, se queste sono le regole del gioco, allora faremo finta di non sapere nulla. - Ma chi sarà stato mai a pubblicare questi nomi di finocchi sul sito Listaouting? Booo chi può essere stato...?! -. 
Che poi parliamoci chiaro, questa lista va a colpire direttamente la vita privata di quei finocchi che, pur prediligendo la compagnia di una bella ceppa di 30 centimetri, poi vanno in parlamento e votano contro una legge che tuteli dall'omofobia. Brutti e cattivi loro. Non si fa e per questo meritano di essere smascherati.
Ma gli altri?
Voglio dire, se Umberto Bossi vota contro la legge anti-omofobia allora va bene e se invece è un finocchio a farlo, va sputtanato? Bossi ha più diritto solo perché gli piace la figa?
Il fatto è che questa non è una legge che Paola Concia si è scritta per se e non è neanche una legge solo per i gay e che giustificherebbe quindi gli etero o quelli felicemente sposati a sbattersene le palle e non leggerne neanche il testo. No, questa è una legge per tutti; perché tutti ne trarrebbero vantaggio e il nostro paese sembrerebbe un pochino meno arretrato.
Sono tutti responsabili. E' responsabile Formigoni che è uno dei nomi che compare sulla outing-list, come è responsabile uno qualunque di quelli che occupano quelle poltrone. Si macchiano tutti del reato di omofobia.
Che poi dicono: "Questa iniziativa nasce per riportare un po' di giustizia [...] abbiamo deciso di iniziare con questi primi dieci nomi [...] da ora in poi quando avverranno attacchi nei confronti della comunità lgbt [...] ci riserveremo la facoltà di rispondere adeguatamente". Ok, benissimo, giochiamo a smascherare le persone; ma allora perché limitarci al mondo omosessuale? Tremonti non si presenta per votare riguardo all'arresto di Marco Milanesi? E io racconto di quando ha dichiarato meno tasse del dovuto (dico per dire, sia chiaro...), Rosy Bindi spara cazzate? E io racconto che non si lava i denti prima di andare a dormire. Voglio dire, a questo punto apriamo decine di siti internet e teniamo tutti i politici con le chiappe strette, così forse si candideranno solo quelli che hanno la coscienza pulita.
Che poi, ma siete veramente sicuri che gli italiani prendano sul serio questa lista di finocchi appena publicata?
In un Italia dove c'è ancora chi sostiene che Berlusconi non abbia fatto nulla, nonostante le intercettazioni, nonostante la moglie abbia detto - E' un uomo malato! -, nonostnate Ruby, le zoccole i favoritismi, Manuela Arcuri (santa), e chi più ne ha più ne metta; c'è ancora chi lo difende e dice che sono tutte bugie della sinistra. E adesso la gente dovrebbe credere ad una lista di nomi comparsa su un sito che non si sa neanche da chi è gestito? Magari ci credessero, ma la mia paura è che quella lista rimarrà scritta in quella pagina web senza smuovere alcun che. Insomma, capisco le buone intenzione che si celano dietro questo gesto, ma a me questa outing-list fa un po' sorridere.

OUTINGLIST 23 SETTEMBRE ORE 10.00
1. FERDINANDO ADORNATO
2. MARIO BACCINI
3. PAOLO BONAIUTI
4. ROBERTO CALDEROLI
5. MASSIMO CORSARO
6. ROBERTO FORMIGONI
7. MAURIZIO GASPARRI
8. GIANNI LETTA
9. MARCO MILANESE
10. LUCA VOLONTE’
Share on Google Plus

About Lord79

Se Lord79 non vi piace, sappiate che mi chiamo Emilio.
    Blogger Comment

16 commenti:

  1. Ho letto di questo outing sul corriere ed altre testate, come anche in molti blog a cominciare da quello che ha pubblicato la lista. Sarò fatto male ma mi lascia del tutto indifferente.
    Quello che davvero mi colpisce però è la bellezza di questo fotomontaggio con le facce di Gasparri e Calderoli. Se lo hai fatto tu in PS sei stato davvero bravo!
    B.

    RispondiElimina
  2. Intanto, vuoi mettere la soddisfazione la prossima volta che Volontè ci dirà che siamo malati, disturbati, da curare e anche da rinchiudere, dico vuoi mettere potergli dire: zitto brutto frocio di merda che lo sanno tutti che ingoi a nastro.

    E' una frase di una bellezza quasi struggente, anzi. Per niente omofoba, visto che un frocio che dice brutto frocio ad un altro frocio non è certo un omofobo.

    Poi, nelle democrazie occidentali è DOVUTO che ogni comportamento privato di un eletto che sia in contrasto con la sua piattaforma politica sia sbugiardato, senza farsi nessuna domanda.

    Altrimenti l'alternativa diventa che si fa una manovra contro la grave crisi dei mercati, e lorsignori non si tolgono nemmeno uno dei loro privilegi.

    Le lamentele che sento, sono tutte ispirate da questi penosi personaggi dell'associazionismo gay italiani, tutta gente che sulla pelle dei gay c'ha fatto i soldi e c'ha costruito la sua carriera, che non rappresenta nessuno se non se stessa, e che gli rode il culo che qualcuno abbia spezzato un equilibrio omertoso e complice in cui loro sguazzavano benissimo, in cui si sono auto-eletti rappresentanti di un mondo che invece proprio non li vuole.

    RispondiElimina
  3. Sono d'accordissimo con quello che hai scritto! Però quel fotomontaggio all'inizio del post mi ha fatto venire un senso di nausea tremendo =S ahahah!

    RispondiElimina
  4. anche secondo me non sortirà alcun effetto. comunque di Formigoni .. IO LO AVEVO SEMPRE SOSPETTATO!!!

    RispondiElimina
  5. In altri blog ho letto dei commenti a questa notizia che mi lasciano a dir poco perplesso ho sentito parlare di violenza privata, e la violenza che ogni giorno devono subire tante coppie gay in italia dove non possono sposarsi a causa della politica di questi signori dove la mettiamo?
    Soltanto da noi si sentono certe cose, proprio ieri è stato reso noto l'ultimo scandalo della governatrice dell'Alaska Sarah Palin portata alla luce da un giornalista che ha comprato casa accanto alla sua è l'ha spiata per diversi mesi e nessuno si è scandalizzato.

    RispondiElimina
  6. Tra pochissimo tempo questo sarà solo un "brutto ricordo", tutto verrà insabbiato e non ne parlerà più nessuno. (anzi, già da ora)

    A me questa lista non dispiace, per carità, ovviamente non porterà a nulla, ma sicuramente farà riflettere chi sotto l'abito da politico porta la gaupièrre.

    Non è altro che la dichiarazione aperta di chi soffre della sindrome "il bue disse cornuto all'asino".

    E per rimanere in tema "elementari":

    Omofobia fa rima con bugia!

    RispondiElimina
  7. * Pardon, je voulais écrire: "Guêpière"!

    RispondiElimina
  8. Innanzitutto complimenti per la foto di apertura del post. Je piacisse a loro due di essere così.

    Per il resto concordo con il tuo post, questa iniziativa potrebbe avere ancora più senso se estesa a tutti, anche se non so se a quel punto un blog basterebbe.

    RispondiElimina
  9. >>>Ballestrero
    Bally, ovvio che lo ho fatto io il fotomontaggio, qui è tutto farina del mio sacco, mica stiamo a pettinà le bambole!

    >>>Paolo
    Il vero problema infatti, caro Paolo, è questo; che adesso che la lista è pubblica, questa gente dovrebbe smettere di avere uscite contro gli omosessuali, pena presentare le dimissioni dall'incarico.
    Questo in teoria, perché nella pratica sappiamo tutti che non succederà nulla e il tuo esempio della manovra contro la crisi e il continuare ad avere privilegi che neanche Mariah Carey quando è in tour (è famosa per i suoi capricci da diva) è calzantissimo.

    >>>Macsi
    Lo dico pure io: Bravo Paolo.
    E bravo Macsi che la pensi come Paolo.

    >>>Febo [F]
    Ahahahah! Ma dai che è simpatico il mio fotomontaggio...! Ok, sì, quei due fanno ribrezzo anche così...

    >>>Nato_Stanco
    Bhe, Formigoni ogni tanto se ne esce con delle camicie fiorate che insomma... c'è poco da capire, ecco.

    >>>loran
    Guarda, ma io infatti non sono contro la lista. Sono contro questo modo inutile di spiattellare i nomi. Bho...

    >>>Mone
    Spero solo che i creatori del sito abbiano imparato da quello che considero un loro errore di modi e che la prossima volta gestiranno meglio la lista.

    >>>Signor Ponza
    Ahahah, sì la foto di apertura mi piace anche di più di quello che ho scritto nel post.

    RispondiElimina
  10. Anche io sono d'accordo con l'iniziativa - perché in guerra tutto è permesso - ma non mi piace per niente come è stata realizzata.

    La lista è stata data in pasto ai media con troppi spazi bianchi: e si sa che l'opinione pubblica in italia è più veloce dei neutrini, in un attimo il bianco diventa nero.

    Io avrei fatto una cosa tipo repubblica con le dieci domande a berlusconi. Mettere l'avversario nelle condizioni o di uscire allo scoperto o, alla peggio, tacere.

    La foto all'inizio del post è MERAVIGLIOSA! Ho riso fino alle lacrime.

    RispondiElimina
  11. Dopo qualche giorno che la lista è uscita, possiamo osservare due cose:

    1- Il modo in cui Repubblica e Corriere hanno dato la notizia, con molti omissis; segno che hanno ricevuto delle forti pressioni; stessa cosa per Dagospia che non ha invece avuto remore a raccontarci della protesi che Berlusconi usa per averlo duro (essì, mica è roba naturale, a 75 anni, stare all'insù tutta una notte);

    2- L'iniziativa della Procura di Roma che indaga per violazione della privacy è una iniziativa che ha tutto il sapore e lo stile felpato di Gianni Letta.


    Per replicare infine alla tua replica: siamo d'accordo che, una lista del genere, ha un effetto solo se esiste e pre-esiste ad essa un'etica pubblica, cosa che in Italia è un po' assente.

    Ma, dubito che possiamo costruire un'etica pubblica se partiamo dal presupposto che il potere è legittimato in quanto tale, come fanno quelli che chiedono le "prove".

    Non so che effetto avrà a lungo termine questa pubblicazione, e se proseguirà ancora; e non so se questa pubblicazione, ben aldilà della volontà degli autori, sia uno dei segnali del crollo dell'ancien regime, in cui quindi si colloca.

    Ma più passa il tempo e più mi pare un'iniziativa lodevole.

    RispondiElimina
  12. Concordo sul fatto che alla violenza non si dovrebbe rispondere con la violenza, concordo sul fatto che essere classificati gay non dovrebbe essere offensivo e non dovrebbe nuocere alla vita di un individuo (tse... magari in un altro mondo) ma ritengo che ogni iniziativa contro l'attuale classa politica possa essere giustificata proprio in relazione all'operato della stessa (da anni pessimo in qualsiasi settore e senza distinzione tra destra e sinistra.... distinzione che in Italia non esiste) ed alla sua DIGNITA' = INESISTENTE.
    Non ritengo sia una violazione della loro privacy, non lo ritengo puramente uno "sputtanamento", ritengo si debba considerare un ritorno alle "origni". Chiunque si dedichi alla vità pubblica DEVE fare della propria vita una missione e non mi sento patetico nel ricordarlo.
    La politica deve riassumere in sé quel concetto di nobilità, altruismo e vocazione. Impegno, trasparenza, COERENZA e DIGNITA' devono essere i segni distintivi del "politico" ed è giusto che si il popolo, la base a ricordarglielo.
    Approvo questa lista non come sputtanamento ma come invito alla coerenza, alla trasparenza (in quanto personaggi pubblici che sostengono di fare i nostri interessi).
    Ne ho le palle piene di questi di destra e di sinistra, ignoranti e arroganti.

    RispondiElimina
  13. lord ok il gossip da ombrellone.. ma non tutti abitano a roma e possono imbattersi in situazioni politicamente piccanti. una lista per quanto può essere sobria è sterile. senza le prove.. è solo aria fritta. e non è nemmeno logico dare retta a quello che dice l'amico di un mio amico che è stato con tizio che è uscito con caio. non è che se più persone dicono che uno sia gay allora è necessariamente vero. non dico di farmi vedere foto di gasparri che si gusta un tranvone di 24 cm.. però boh.. è anche vero che se uno esce con un trans non necessariamente ci deve scopare... io cambierei tutto il governo a prescindere dall'orientamento... valuterei l'inutilità e via dicendo. ma poi siamo onesti.. ho visto più scalpore nel conto alla rovescia che all'uscita della lista. che uno sia gay ormai non fa notizia. la notizia si ha solo quando quella percentuale chiede qualcosa.. allora siamo dei pretenziosi, indecenti che invece di farsi i fattacci propri tra le mura domestiche ostentano e pretendono poubblicamente

    RispondiElimina
  14. >>>waste
    Forse il vero problema è che la lista non è stata affatto data in pasto ai media, ma è stata semplicemente pubblicata su di un blog senza alcun valore. Il risultato è che dopo l'attesa e l'aspettativa creata dalla notizia, quella rista risulta essere né più né meno che una sequenza di nomi che potrebbe essere paragonata anche alla lista delle mie canzoni preferite del momento. Ecco.
    Le dieci domande sarebbero state molto meglio...

    >>>Paolo
    Sull'iniziativa lodevole sono d'accordo con te, quello che mi pare più discutibile, è il modo in cui è comparsa questa lista...

    >>>Alberto
    Concordo sul no sputtanamento, ma invito ad essere coerenti, dato che non si parla di picopallini qualunque, ma di persone che prendono decisioni per un paese intero.
    E che destra e sinistra andrebbero completamente debellati per ricominciare da zero, tanto ormai questi son tutti corrotti, chi più chi meno.

    >>>eFY
    No, forse non ci siamo capiti, come ho detto anche agli altri, trovo che l'idea della lista sia una buona iniziativa proprio perché ci racconta di un duplice e contraddittorio comportamento di gente che decide le sorti di un paese.
    Rimango perplesso invece sulle modalità che non hanno scandalizzato nessuno con il conseguente insabbiamento immediato di questa lista che nessuno ha preso sul serio.

    RispondiElimina
  15. E 'un buon argomento e hanno ottenuto una buona forma, assolutamente.

    RispondiElimina