La Pelle che Abito


Dunque, se volete una recensione da spocchioso intellettuale con la puzza sotto il naso, posso dilungarmi nell'esaltare il genio creativo di Almodovar e posso commentare il perfetto gioco di colori o i pianosequenza impeccabili e raccontarvi tronfio di quanto questo regista non smentisca mai la sua sopraffina bravura.
Se invece volete un parere onesto da amico, allora vi dico che il film è una gran cagata.
Il fatto è, che quando si parla di Almodovar, tutti pendono dalle sua labbra e guai a chi dice una parola sbagliata e c'è questa sorta di timore reverenziale e invece secondo me è uno dei registi più sopravvalutati del momento e sta ancora vivendo di rendita per un paio di film che gli sono venuti fuori bene.
Anzitutto c'è da dire che questo La Pelle che Abito è tratto da un romanzo che si chiama Tarantola e quindi togliamo ad Almodovar il merito di aver scritto una storia così intrigante. Poi diciamo anche che in uno slancio creativo, il regista spagnolo ha completamente stravolto il finale e infatti l'epilogo di questa pellicola è uno di quelli che lo aspetti con ansia e poi quando arriva dici: - Ma? Ma?! Ma che davvero davvero? -. Che poi io lo capisco che era uno dei momenti più drammatici, con i protagonisti che piangono in un misto di gioia e dolore e la telecamera fissa sui loro volti e però a noi c'è scappato da ridere. E a dire il vero abbiamo riso anche quando alla ragazzina stava per venire una crisi epilettica e pure quando vestita da Eva Kant con quella maschera stramba in faccia, ha cominciato a lottare contro Antonio Banderas.
Ok, Almodovar è famoso per la sua ironia nera, ma possibile che venga fuori sempre nei momenti meno appropriati? Che poi per tutto il tempo ho avuto la sensazione del - Ok, non mi sta piacendo, ma ora sicuramente succede qualcosa che lo fa riprendere... - e invece rimane sempre così piatto e fine a se stesso fino alla battuta finale e quelli che dovrebbero essere dei colpi di scena, in verità li avevamo capiti con mezz'ora di anticipo e insomma, Almodovar confeziona questo film che è un horror ma che non spaventa, è un thriller, ma non coinvolge e è anche un po' un drammone, ma che non appassiona mai e arrivato ai titoli di coda, l'unico commento che son riuscito a fare è stato: - Bhe, quantomeno non mi sono addormentato...! -.
Share on Google Plus

About Lord79

Se Lord79 non vi piace, sappiate che mi chiamo Emilio.
    Blogger Comment

16 commenti:

  1. Ancora nn l'ho visto, e sei il secondo che ne parla male... debbo meditare a questo punto? In effetti non tutti i film gli son venuti bene, alcuni li ho trovati dei capolavori, altri un po' deludenti... se ci vado ti faccio sapere cosa ne penserò :D

    RispondiElimina
  2. Sono assolutamente ansioso di vedere la pellicola. Terrò presente il tuo parere.

    RispondiElimina
  3. Come per Banderas anche per Almodovar il successo economico e di popolarità ha danneggiato la loro creatività.

    RispondiElimina
  4. Ciao Lord,
    per far contento un mio amico ci sono andato ma me lo sentivo che il film era una merda unica, una storia senza senso e che non è plausibile neanche facendo leva su tutta l'indulgenza del mondo.
    Praticamente una puntata di NIP/TUCK diretta da Almodovar ad essere buoni; ad essere cattivi una puntata di Beautiful (facci caso gli elementi c'erano tutti, compreso na vecchia balorda che è madre di chiunque e sta a spià la gente) diretta da uno che una volta i film li sapeva fare.
    Ma poi il cambiamento di voce nel doppiaggio della tipa/tipo?
    Ora mio caro Pedro probabilmente tu non hai nessuna amica trans ma volevo dirti che non è che proprio cambia loro la voce in quel modo.
    A sto punto meglio Extreme Makeover Brigitte Nielsen edition.
    G

    RispondiElimina
  5. beh lord la recensione me l'hai fatta. anzi ci dovevi scrivere proprio "su richiesta di..." (scherzo) cmq anche io ho più o meno avuto le tue stesse sensazioni in merito. è forse il suo primo film che non mi coinvolge affatto. speriamo che si riprenda ho apprezzato la voglia di cambiamento di osare...ma purtroppo poco felice. certo sempre meglio di ozpetek che ormai gira e rigira lo stesso minestrone...

    RispondiElimina
  6. Devo dire che dal trailer non è che mi convinca molto il film, poi leggendo le tue parole ancora meno...
    Almodòvar sopravalutato... possibile a parte Todo sobre mi madre, Hable con ella y La mala educaciòn... non mi ricordo film precedenti di grande rilievo... be' forse tacchi a spillo con un Miguel Bosè eterissimo che con la sua bocca fa cose dell'altro mondo e non intendo il playback di Un an'o de amor ^__^

    RispondiElimina
  7. No, vi prego, non mi toccate Almodovar, da "Pepi, Lucy, Bom e le altre ragazze del mucchio" in poi è stato un crescendo di genialità. Ho trovato solo un po' di stanchezza nei primi anni 90, quando l'ossessiva ricerca stilistica l'ha portato oltre la sua sensibilità, fino a "Carne Tremula" con il quale ha toccato nuove corde emotive poi evolutesi nella successiva produzione. Ma lo conoscete meglio di me che sto' a dire. Vedrò la "Pelle cha abito", mi ha annoiato "Gli abbracci spezzati" (quello sì, secondo me, una inutile ripetizione di temi già affrontati)senza il mordente del thriller che, magari, poteva avere. Dopo la tua recensione, Lord, forse troverò che hai ragione o, come, per "Tutto su mia madre" inizialmente deludente, visto molte e molte volte nel corso degli anni, questa estate, una sera di luglio che in tv non c'era nient'altro, mi ha emozionato all'inverosimile.

    RispondiElimina
  8. hai detto bene. gran cagata!

    RispondiElimina
  9. >>>Skymino
    Sono il secondo su quanti pareri?
    Come ti ho già detto lascia perdere Almodovar e corri al cinema a vedere Drive. Sarà la mia prossima recensione e spenderò solo belle parole.

    >>>Bimboverde
    Tu secondo me sei il tipo che invece lo trovi bello. Non so perché, ma ho questo presentimento.

    >>>loran
    Semplicemnte non c'è bisogno di tornare al cinema con un film nuovo ogni due anni se in definitiva non hai nulla da dire.

    >>>Gianguido
    Mi hai fatto sganasciare con la storia di Beautiful. Ahahaha, hai perfettamente ragione!

    >>>Nato_Stanco
    Concordo con la tua opinione su Ozpetek. Ci sta facendo vedere sempre lo stesso film da ormai dieci anni.

    >>>FrAnCeScO
    Guarda, io il mio parere lo ho dato, ma poi il mondo è strano e magari può anche succedere che a qualcuno piace. Quindi, prendete la decisione di andare o non andare, con la vostra testa. Però secondo me no. Ahahah.

    >>>Macsi
    Allora aspetto un tuo responso e cerca di essere imparziale e non farti soggiogare dal tuo amore per Pedro.

    >>>eFY
    Uno perde due ore a scrivere e tu riassumi tutto con la frase "una bella cagata"?
    Bhe fai bene.

    RispondiElimina
  10. Non mi esprimo su questo film perchè non l'ho ancora visto. Ma Almodovar crea un effetto contrastante su di me: ho amato (e quando dico "amato" lo dico per davvero!!!) "Carne Tremula", "Tutto su mia madre" e "Parla con lei".
    Tutti gli altri film suoi che ho visto (quasi tutti) invece proprio non li ho retti. E anche questo mi puzza di gran cagata, detta alla tua maniera da onesto amico.
    Ma son pronto a smentirmi... che è tanto bello lasciarsi sorprendere dalle proprie prevenzioni.

    RispondiElimina
  11. A me è piaciuto e mi ha appassionato.

    RispondiElimina
  12. Sono completamente d'accordo con tutto. L'unica cosa è che non lo classificherei esattamente come "cagata pazzesca" proprio perché ha quanto meno il pregio di non farti addormentare e tenerti appeso alla speranza che succeda qualcosa prima o poi :D

    RispondiElimina
  13. A me è piaciuto.
    Non è sicuramente il suo film migliore, ma è comunque un bell'esercizio di stile.
    Sinceramente avevo evitato tutte le recensioni uscite da Cannes in poi, perciò sono andato al cinema pronto a tutto pur sapendo, grazie al trailer e ai tiggì, che
    si trattava di una pellicola con toni thriller.
    Sta di fatto che, secondo me, il thriller è solo una scusa per mettere in scena le tragiche conseguenze del troppo amore. Un amore a sua volta troppo possessivo.
    Se ci pensi tutti gli avvenimenti sono la conseguenza dell'incapacità di un uomo di rinunciare alla donna che ama. Una donna che è scappata da lui e che lui ha voluto salvare a tutti i costi. Non aggiungo altro, altrimenti svelo la trama.

    RispondiElimina
  14. Io ho sperato fino alla fine. Era un film che sarebbe stato salvabile correggendo un paio di pessime scelte narrative... tipo il finale comico! Al cinema dove l'ho visto, hanno riacceso le luci che la gente rideva!

    RispondiElimina
  15. Concordo.. e io mi sono pure addormentato.....

    RispondiElimina
  16. Non sarà un capolavoro, ma almeno si lascia guardare!

    LA PELLE CHE ABITO

    RispondiElimina