Fine dei programmi


Son sempre stato convinto che la televisione sia lo specchio della nostra società. 
Dal 1994 che ha messo piede nella nostra Camera Dei Deputati, Berlusconi è cresciuto di pari passo al successo delle varie Barbara D’Urso, Zanicchi, Maria De Filippi e non da ultimo il vuoto televisivo di Alessia Marcuzzi e mentre loro appiattivano la mente degli italiani con la loro televisione all'oppio, Lui raccoglieva sempre più consensi.
Tutto sembrava lecito agli occhi degli spettatori lobotomizzati e senza cultura che sia appassionavano alle scelte dei tronisti e più il pubblico chiedeva di vedere un certo tipo di trasmissioni e più Lui depenalizzava il falso in bilancio e giustificava l'evasione fiscale e favoriva l'edilizia abusiva con condoni dell'ultima ora e nessuno ha mai detto nulla, perché avevamo La Pupa e il Secchione e ci stava bene così.
Siamo arrivati al punto di avere telegiornali che, per non dare fastidio a Lui, omettono notizie e rigirano informazioni e noi ancora appresso al Grande Fratello, chiedendoci se pincopallino sia veramente gay oppure no.
In questi anni ci hanno cagato talmente tanto addosso, che abbiamo iniziato a non fare più caso all'odore di merda. Ci hanno cosparso di piscio spacciandocelo per acqua di colonia e noi abbiamo anche detto che aveva un ottimo odore.
Ma piano piano la gente ha iniziato ad aprire gli occhi: - Ma veramente sto aspettando di sapere se un perfetto sconosciuto aprirà o meno la busta di C'è Posta Per Te? E veramente il Presidente del Consiglio sta organizzando festini pieni di zoccole, sotto gli occhi di tutti gli italiani? -.
Finalmente qualcosa è iniziato a cambiare e Santoro ha fatto ascolti record e ha contribuito a far conoscere le Sue bugie  e Baila ha chiuso i battenti ancor prima di cominciare e Star Academy è iniziato e finito senza che nessuno se ne accorgesse e magari se fosse andato in onda lo scorso anno, forse avrebbe avuto anche successo, ma quest'anno no; quest'anno abbiamo deciso di reagire, quest'anno abbiamo deciso di svegliarci dal torpore e marciare in migliaia per le strade di Roma e abbiamo deciso di diventare indignados e non credo sia un caso che il Grande Fratello stia registrando gli ascolti più bassi da quando è stato messo in onda e basta con la tv che ci vuole ignoranti e ben venga Sky con i suoi programmi che stanno avendo sempre più successo e i telefilm trasmessi con sole 24 ore di ritardo rispetto alla messa in onda americana e quell'X Factor che in Rai non hanno voluto e quel Santoro che in RAI non hanno voluto e Servizio Pubblico è un successo così sbalorditivo, che conferma ancora una volta di come nelle nostre case stia avvenendo una silenziosa rivoluzione, che parte dai nostri divani e che arriva nelle strade e nelle piazze e che è strettamente collegata a quello che sta succedendo nella nostra politica.
Berlusconi è stato soprattutto un politico televisivo e io son sempre stato convinto che la televisione sia lo specchio della nostra società e la nostra società ora sta dimostrando che non vuole più questa televisione fatta da programmi narcotici, che vanno avanti da dieci anni e non hanno più nulla da dire. Finalmente una bella fetta di pubblico sta premiando anche un altro tipo di intrattenimento e abbiamo finalmente iniziato a capire che oltre alla Sua televisione corrotta, esiste l'enorme potenziale di internet e esiste Sky e esistono tanti altri modi per svegliarsi da questo vagare come zombie.
E mentre Lui perde pezzi e la Sua televisione perde pezzi, mi trovo a sperare che questo sia solo l'inizio di un vero cambiamento... e non la solita replica da seconda serata.
Share on Google Plus

About Lord79

Se Lord79 non vi piace, sappiate che mi chiamo Emilio.
    Blogger Comment

13 commenti:

  1. Quanta demagogia!
    Lord, stavolta mi ha deluso..
    m.

    RispondiElimina
  2. Non lo so se sia un vero cambiamento o solo un cambio della guardia vero è che negli ultimi tempi si sono raggiunti livelli inimmaginabili e forse molti che prima erano meno critici hanno raggiunto il limite della sopportazione.
    Speriamo che ci siano sempre più persone che si accorgano che, se uno crede che certi programmi siano la verità poi può anche credere che in italia non ci sia crisi perchè i ristoranti sono pieni.

    RispondiElimina
  3. clap, clap, clap, clap, clap...

    sul fatto che il tuo ragionamento sia demagogico o meno non ci spendo nemmeno 30 secondi, perché penso che ora sia il caso di ragionare ed esporsi in prima persona, ognuno come crede/può/vuole...
    bravo :)
    Fabio

    RispondiElimina
  4. Un piccolo passo per il telespettatore, un grande passo per l'umanità.
    Penso, con grande rammarico, che in realtà stia cambiando molto poco. Gli abbonati di Sky, 5.000.000, di cui - molto probabilmente la metà per il pacchetto calcio - non fanno statistica. Internet è sì un grande veicolo di informazione ma come spesso succede la troppa quantità di notizie (e contrastanti) finisce per confondere sempre più. E ti chiedi vedendo che tutto cambia senza cambiare nulla, che senso ha tutto questo.
    Però apprezzo lo sforzo di ognuno, di tutti quelli che dicono basta anche se sono (siamo) sempre quelli.

    RispondiElimina
  5. Nonostante la situazione politico/economico-finanziaria italiana sia un fogna a cielo aperto, non ritengo così realistico questo paragone con la TV.
    Fortunatamente non tutti gli italiani seguono la tv generalista, diciamo che chi produce tv conosce bene il proprio utente.
    Piuttosto io verificherei il binario: politica/scuola (educazione+cultura), secondo me lì sta la questione.
    Fino a quando la educazione/cultura non crescerà, nessuno riuscirà ad aprire gli occhi.... il fatto che Lui sia caduto non dimostra che siano stati gli Italiani a farlo cadere e soprattutto aspettiamo per vedere chi, gli Italiani stessi riterranno sia invece degno di gestire il paese. Io continuo a tremare.

    RispondiElimina
  6. Come siamo ottimisti caro Lord!!! un paio di relaity chiusi anzi tempo 8cosa del rest gia' accaduta) e i tempi son cambiati....spero tanto tu abbia ragione ma ne dubito....

    RispondiElimina
  7. >>>m.
    Demagogia? Non devo mica convincere qualcuno, la mia è solo una riflessione personale riguardante due situazione di questo nostro paese che ho voluto mettere a paragone.

    >>>loran
    Il mio non voleva essere un demonizzare un certo tipo di televisione, ma riscontrare come quel tipo di intrattenimento abbia spesso assuefatto i telespettatori più influenzabili. Ma con i livelli raggiunti dai nostri politici, la gente ha dovuto per forza distogliere lo sguardo e rendersi conto. E spero anche io che con maggior senso critico, si credano a meno balle...

    >>>blogdifabio
    Ecco, hai colto il senso del blog con il tuo "ognuno come crede/può/vuole...".
    Son convinto anche io che non conta il modo, quello che conta è far capire che basta farci prendere in giro.

    >>>Macsi
    Non sarei così pessimista, perché Santoro trasmesso su Sky ha ottenuto altissimi risultati e ciò dimostra che non di solo calcio vive la tv satellitare. Internet come dici tu è un gran caos, ma anche qui la gente sta iniziando a districarsi. Secondo me le cose piano piano stanno cambiando realmente. Piano piano.

    >>>Alberto
    >>>Simone
    Secondo me stai sottovalutando il potere che avuto la televisione in questi anni. Come ho detto Berlusconi è stato un politico soprattutto televisivo e volente o nolente la televisione ha contribuito a divulgare la sua immagine. Il paragone con le trasmissioni simil-De Filippi nasce dal fatto che non essendoci più una scuola che educa e forma i giovani e non essendoci più una famiglia che da dà il suo supporto, molti giovani si son visti costretti a rifugiarsi nella televisione. Ecco spiegato anche il brande boom dei reality e la voglia di "sfondare".
    Il fatto che Lui sia caduto non dimostra che siano stati gli italiani a farlo cadere, ma il fatto che "quel" tipo di intrattenimento televisivo stia cedendo, dimostra che gli italiani sono stufi di avere una tv spazzatura ad intrattenerli e questo già mi basta per affermare che un piccolo (microscopico) cambiamento, stia avvenendo.

    RispondiElimina
  8. La gente è cambiata e i dati di quei programmi che fino all'anno scorso registravano il boom d'acolti n è dimostrazione... io sono uno di quelli che già l'anno scorso ha comminciato a distaccarsi dai canali generalistici arrivando quest'anno a posizionare rai4 al posto di rete4.. Quest'anno il canale che guardo principalmente è la 7, ma anche Cielo (perché pur volendo Sky per ora non è il momento ideale per le mie finanze e di certo non vado a fare un abbonamento sapendo che cmq sia avrei delle difficoltà a mantenere... sarà la vecchiaia ma bisogna capire quale siano le reali esigenze e quelle che lo sono meno), real time e italia2 (solo per griffin e american dad) e poi basta... solo la domenica torno sulla rai per quelli che il calcio che pur essendo un programma godibilissimo non ha il successo che merita e a questo mi collego per dire che la gente sta cambiando la propria visione, però quella che rimane nell'ottica di sempre è ancora tanta... ho parlato troppo, vero? Chiedo scusa per il mio monologo

    RispondiElimina
  9. Di mia natura non sono particolarmente ottimista, ma sono d'accordo con LORD o almeno mi è piaciuto molto leggere che un certo tipo di TV sta perdendo colpi... che qualcosa sta combiando.


    Aanche ai referendum abbiamo dimostrato di essere attenti, partecipi e di non voler accettare tutto passivamente.

    La TV in ogno caso, tranne poche cose non l'ho mai guardata.

    RispondiElimina
  10. Volevo dire come la penso... ma in realtà forse non so come la penso! Sono sicuro che la gente si sia "indignata" perché si è vista rovistare nelle proprie tasche, perché è stufa di vedersi razziare il proprio giardino... ed è proprio questo il problema secondo me e cioè che siamo tropo abituati a pensare sempre e solo a noi stessi e reagire solo quando vediamo intaccati i nostri "interessi personali"...Non volendomi avventurare nelle mie teorie e per non uscire dal selciato del tuo post, ma sarebbe bene sapere "quanta gente! ancora guarda quei programmi che dici tu (io combatto con mia sorella che guarda "Uomini e Donne") e "quanta" (ancora poca ahimé) guarda programmi di informazione o - cosa assai più saggia - spegne la tv. E proprio quella gente tornerà a votare Lui o qualunque pincopallino che continuerà a parassitare sul nostro lavoro e sui nostri soldi.
    Io non accendo più la TV e se l'accendo è la domenica sera per la Littizzetto!
    Ciao Lord,
    NaLiRm

    RispondiElimina
  11. ciao, sono in parte d'accordo con te. dai un'occhiata a cosa scrive questo qui:

    http://idiotaignorante.wordpress.com/2009/10/07/464/


    -prima della tv di berlusconi in italia non si parlava solo di filosofia, letteratura e avanguardia pittorica...e molti dei format più criticati sono cloni esteri

    -tutti abbiamo ottenuto qualcosa da conoscenti, amici di amici, ecc... TUTTI.
    Quasi tutti coloro che hanno qualche privilegio/potere (anche minimi) ne abusano

    - dopo 15 anni di governo berlusconi lascia il paese alla vigilia di un periodo di lacrime e sangue (anche a causa del tempo perso dal parlamento per legiferare su intecettazioni, processo breve ecc ecc)
    quindi, quello che ci aspetta e cioè ciò che viene descritto qui

    http://www.keinpfusch.net/2011/11/e-tempo-di-andare.html

    abbastanza bene secondo me (tagli pesantissimi a pensioni, welfare e vari servizi pubblici) non sarà colpa di Berlusconi, ma di Monti o di chi per esso. E' l'ultimo colpo di coda di B. e per quello che ne ho capito io, letale.

    A mio parere avrebbe dovuto andare avanti adesso, e far addossarsi le responsabilità di mettere in atto quelle misure impopolari che l'Europa (la Germania) ci chiede. O forse ritirarsi 5 anni fa....
    saluti

    JFK

    RispondiElimina
  12. Sì, hai ragione, stiamo vivendo un momento storico che, per quanto riguarda il rapporto delle masse con i media, ha i caratteri della rivoluzione. Chi non se ne accorge sono soprattutto quelli ancora abbarbicati quotidianamente davanti alla tv o che non hanno ancora esplorato tutte le possibilità di internet a livello di intrattenimento e informazione (o che non hanno minimamente intuito tutte le sue future potenzialità).
    Sulla novità di Sky rispetto alla tv generalista ho invece molte riserve. Comunque penso che, più prima che poi, assisteremo ad una completa fusione/assimilazione della tv a internet e quindi la contrapposizione, nei termini in cui la viviamo oggi, sparirà.
    E trovo anch'io tutto questo estremamente positivo.
    Saluti
    Filopaolo

    RispondiElimina
  13. >>>FrAnCeScO
    Guarda, ti dico che da ormai un paio d'anni a questa parte, ilo mio fidanzato mi ha iniziato a vietare di guardare i canali Mediaset. Era partita per gioco e poi però ci siamo accorti di non sentirne minimamente la mancanza e così è stato anche per la RAI, salvo un paio di eccezioni, vedi Santoro e X Factor, programmi che adesso ci hanno tolto e quindi il problema non si pone più. Internet sazia ogni nostra voglia di sapere e le serie tv di Sky il nostro bisogno di cazzeggio (concordo con Griffin e American Dad che trovo spassosissimi).
    La gente sta cambiando la propria visione e a mio avviso il cambio di gusti televisivi non è che una minuscola avvisaglia. Ma ancora di strada ce ne è da fare eccome.
    E i tuoi monologhi mi piacciono, quindi non scusarti per questo.

    >>>Alfiere
    Intanto uno lo abbiamo fatto fuori!
    Ora vediamo se si riesce a cavare qualcosa di buono da quelli che rimangono...


    >>>NaLiRm
    Credo che tu abbia molto ragione. Siamo stati abituati a guardare solo quello che ci riguarda e per questo ci scandalizzano poco le fabbriche che chiudono e gli operai in protesta e tutto quello che conosciamo bene, ma ci è distante. Adesso siamo noi i diretti interessati e ci stiamo cagando sotto. Meglio tardi che mai, ma fossimo stati meno egoisti fin dall'inizio, forse questa situazione estrema si sarebbe evitata (forse).

    >>>JFK
    -Prima della tv di Berlusconi non si palava di filosofia (in parte è falso, ma lo diamo per buono), ma Berlusconi è l'UNICO esponente polito al mondo a possedere giornali e TV. E credo che il conflitto di interesse sia troppo alto per poter portare avanti entrambe le cose.

    -Tutti abbiamo ottenuto qualcosa da conoscenti amici e bla bla bla. Affermazione assolutamente falsa e fatta molto probabilmente da chi ha ottenuto questo aiuto. Io le cose me le sono sempre sudate e come me penso la stragrande maggioranza della gente.

    -A mio parere avrebbe dovuto fare un passo indietro molto tempo fa, quando sono iniziati i primi processi a suo carico per corruzione, mafia e chi più ne ha più ne metta. Ovvio che la situazione è così tragica, che nessuno potrà risollevare questo paese nel giro di poco tempo, a meno che non si chiami Mago Merlino.

    >>>Filopaolo
    Chi non se ne accorge, sono quelli che ancora non hanno esplorato tutte le possibilità. Frase che condivido appieno.
    Riguardo alle novità di Sky, ti dico, che non si sono inventati nulla di esaltante, semplicemente stanno offrendo un servizio che ormai RAI e Mediaset non offrono più da anni e questo non avere rivali, li fa sembrare esageratamente avanti, quando invece sono gli altri che sono esageratamente indietro.

    RispondiElimina