6.3.12

Un giorno questo dolore ti sarà utile


Realizzare un film tratto da un romanzo non è mai facile e infatti continuo a chiedermi: - Ma se non siete capaci, ma che cazzo li fate a fa'? -.
Un Giorno Questo dolore bla bla bla..., è tratto dal romanzo di Peter Cameron e ho letto da qualche parte che in molti hanno paragonato questo libro ad Il Giovane Holden e a dire il vero io non ho mai letto Peter Cameron, ma vi assicuro che J. D. Salinger, non avrebbe mai scritto una minchiata simile.
Ma parliamo del film.
Non è tanto che tutti i personaggi sono macchiette esasperate che potrebbero essere uscite da un film di Muccino o che ricalcano gli stereotipi più sputtanati della cinematografia, con una nonna saggia che dispensa solo consigli di vita o un padre mai cresciuto che esce esclusivamente con ragazze più giovani o una sorella isterica e senza valori e un ragazzino moccioso e viziato che decide di avere un'anima maledetta solo per attirare l'attenzione dei genitori e distinguersi dalla massa vuota e priva di cultura e insomma; il problema non è questo, il vero dramma è che nel film non succede proprio un cazzo. C'è lui che va a trovare la nonna, lui che va a trovare la madre, poi va a trovare la sorella e poi l'amico gay. Fine. Magari il libro è bello e si regge tutto grazie ad una scrittura eccellente, questo non lo so; ma sul grande schermo... tagliatemi i coglioni e giochiamoci a ping pong.
Che poi, è la prima volta che mi capita di vedere un film girato a New York e non avere l'irrefrenabile voglia di partire e trasferirmi nella Grande Mela. Ma tipo che son riusciti a beccare tutti gli scorci più brutti della città. E vi assicuro che ce ne vuole.
E come se non bastasse, arriviamo al finale telefonatissimo con la nonna che schiatta e lascia un biglietto al nipote con scritto "Un giorno questo dolore ti sarà utile". Vabbè e poi? L'erba del vicino è sempre la più verde e con questo euro i prezzi sono raddoppiati. Qualcuno ha altre banalità da dire? Cioè, che poi scusatemi se ho svelato il finale del film, ma tanto le nonne sagge crepano sempre prima dei titoli di coda e questo è un dato di fatto.

10 commenti:

  1. Ottima recensione, sei uno dei pochi che non fa addormentare nel leggere la critica. Peccato che sia una putt...ta di film, dal trailer sembrava decente. Grazie per avermi fatto evitare di sprecare soldi :)

    RispondiElimina
  2. Concordo. Inguardabile, volevo lanciare la lattina di coca cola 0 verso lo schermo a meno di metà del film, noioso, pessimo, salvo solo il corpo di Lucy Liu che sta una favola... ma allora mi sarei guardato una pagina di Cosmopolitan al posto di spendere 8 euro pe sta cagata e giuro che li rivoglio indietro tutti e 8.

    RispondiElimina
  3. Non ho visto questo film che in effetti mi era parso poca cosa già dalle premesse. In ogni caso io salverei a scatola chiusa la grandissima Ellen Burstyn, un'attrice formidabile, che da qualche anno purtroppo si lascia andare a pellicole francamente evitabilissime.

    RispondiElimina
  4. A proposito di film tratti dai libri: attendo con la paura di una realizzazione pessima l'uscita imminente di "Molto forte, incredibilmente vicino", il libro di Safran Foer che ho molto ma molto amato.
    Se quel film mi farà tagliare i coglioni per giocarci a Ping-Pong il disappunto sarà più che ampio.
    Ma dai, intanto speriamo...

    RispondiElimina
  5. >>>El Clandestino
    Ahaha ti ringrazio. Sono il primo che non sopporta le recensioni di quelli che si attegiano a grandi intenditori. Io sono molo più terra terra, e non devo impegnarmi neanche troppo...

    >>>radig81
    Lucy Liu in questo film ha un corpo da panico e due tette enormi. Dovrebbe smetterla di fare queste cazzate e girare un altro Charlie's Angels

    >>>Nick
    Bah poverina, in questo film ha un ruolo talmente inutile, che non salvo neanche lei.

    >>>(In)consapevole
    Anche io ho amato da impazzire Molto forte bla bla bla bla. E sfortunatamente ho gia letto recensioni che massacravano il film accusandolo di aver dato troppo spazio al padre (Tom Hanks) e poco agli altri personaggi. Tagliata completamente invece, la storia di Dresda.
    Staremo a vedere...

    RispondiElimina
  6. Lord...ma perchè sei andato a vederlo? stati a casa no??? :-)forse la colonna sonora di elisa ti aveva attirato.... :-)

    RispondiElimina
  7. Madonna, mi sono annoiato anche solo a vedere il trailer. Come ti è saltato in mente di andare a vedere questo film?
    Lucy Liu... mmmhhhh, che gnocca!

    RispondiElimina
  8. Un giorno questo dolore ti sarà utile. Forse è riferito pure a quelli che sono andati a vedere il film.
    Del resto almeno a me questa recensione è stata utile... se non altro a cappottarmi dalle risate quando ho letto dei coglioni a ping-pong! :-)

    RispondiElimina
  9. Leggete il film! Razza di ignoranti

    RispondiElimina
  10. Certo che a leggere un film ci vuole una certa bravura...

    RispondiElimina