Cassano l'omofobo


Diciamo che il mio interesse per Antonio Cassano si limita a quel racconto che fece la mia collega dell'università; la quale una sera andò in un locale dove incontrò i giocatori della Roma e, insieme alla sua amica del cuore, iniziarono a fare le troie al punto che l'amica si rimorchiò nientemeno che il capitano Francesco Totti, mentre a lei toccò Antonio Cassano. Ovviamente lei rosicò a bestia, perché se a Totti due colpi si darebbero molto volentieri, a Cassano insomma... sarà pure un bravo giocatore, ma è tutto fuorché il sosia di Brad Pitt. Fine del racconto, fine del mio interesse per Cassano.
Torna alla ribalta in questi giorni e scatena il panico; con titoli di giornale a tutta pagina e associazioni LGBT indignate e politici che dicono la loro e a questo punto mi pare giusto che anche io dica due parole sulla vicenda "froci in Nazionale", così chiudiamo l'argomento e non se ne parla più.
Riassunto delle puntate precedenti:
L'ex conduttore Alessandro Cecchi Paone, ormai sempre meno conduttore e sempre più ricchione a tempo pieno, aveva precedentemente annunciato la presenza di due gay non dichiarati all'interno della Nazionale italiana. (Oh, ma er Cecchi mai che si facesse un pacco di cazzi suoi eh... mai!). Di tutta risposta i giornalisti hanno subito colto la palla al balzo per alimentare il gossip e, durante una conferenza stampa, un giornalista becero ha chiesto al calciatore Antonio Cassano se confermava la presenza dei due omosessuali nella squadra. Ora, già la domanda di per sé è da coglione, perché cosa ti aspetti che dica? Che spari nome e cognome e speriamo che non mi cada la saponetta sotto le docce altrimenti me se 'nculano? Esortato dal giornalista, Cassano che sappiamo tutti non brillare per il suo acume, un po' imbarazzato ha preso il microfono e ha risposto (testuali parole):
- Mi avevano avvertito che mi avreste fatto questa domando. Se penso quello che dico sai cosa vien fuori...! Son froci, problemi loro, me la sbrigo così! Se no mi attaccano da tutte le parti, son froci, se la vedessero loro. Mi auguro che non ci sono veramente in nazionale, però se l'ha detto Cecchi Pavone... ma che c'è stato? -.
Già uno che esordisce con "se penso quello che dico" a me fa ridere e per quanto mi riguarda non può avere alcuna credibilità; e invece neanche aveva finito la frase, che già si era alzato un polverone di quelli che ci mancava solo che Alemanno accendesse il faro con il logo del pipistrello per chiamare Batman a fare giustizia privata.
Intendiamoci, la frase di Cassano è senza dubbio fuori luogo e un personaggio del suo calibro dovrebbe riflettere prima di parlare e se non si sa cosa dire o non si sa come dirlo, forse sarebbe meglio rimanere in silenzio. Ma Cassano ha detto una minchiata con il sorriso sulle labbra e la leggerezza del semi-analfabeta e tutto questo processo mediatico mi pare veramente eccessivo.
Abbiamo politici che dicono qualunque cosa contro gli omosessuali, ma tipo che alcuni andrebbero allontanati da Camera, Senato, Parlamento e qualunque altro tipo di attività politica possa venire in mente per quanto risultano razzisti e poi ci sono gli altri politici, quelli che dicono di essere dalla parte degli omosessuali, che però sono anni che guardano il proprio comodo e non fanno nulla di concreto e non voglio neanche parlare del "nostro" Santo Padre, che continua a dire che due gay non possono formare una famiglia... e noi ce la prendiamo con Cassano che poverino, con tutto il rispetto parlando, è già tanto che non abbia sbagliato tutti i verbi?
Sia chiaro, sentirsi dire - Frocio! - non fa piacere a nessuno e magari può non interessare a me che sono una cula attempata e navigata; ma immagino possa infastidire qualche giovane finocchio alle prime armi e che magari convive con dubbi e sensi di colpa.
Ci vuole però un po' di cervello e vanno distinte le frasi dettate dall'odio, da quelle dette con leggerezza; va distinta l'omofobia, dal cameratismo da spogliatoio.
La sgradevole puntualizzazione "Spero non ci siano finocchi in nazionale" seguita da un ingenuo "comunque sono affari loro" dimostra più che un sentimento di omofobia, una sincera ignoranza sulla quale non bisogna chiudere un occhio, ma che non bisogna neanche estremizzare o strumentalizzare a proprio favore. Chiedere di "escludere il calciatore omofobo dai prossimi incontri calcistici" mi pare ridicolo come una barzelletta sui carabinieri. Lasciamo in pace Cassano e pensiamo ai veri omofobi, quelli che sono in politica e che continuano a mettere i bastoni tra le ruote affinché si approvi una qualunque legge a tutela delle coppie omosessuali.
Smettiamo di scrivere fandonie sui social network, dove sembra che ogni sentimento debba essere per forza estremizzato. O tutti contro o tutti a favore. Cassano non ha detto nulla di omofobo. Ha solo detto una gran vaccata, dettata probabilmente dalla mancanza di un vocabolario che gli permetta di formulare frasi più elaborate di un semplice: "Io calciare pallone".
Chiuso l'argomento.
Cosa abbiamo imparato da tutta questa storia? Senza dubbio che non bisogna mai dire un segreto ad Alessandro Checchi Paone ...ma comunque mi è rimasto ancora un dubbio: ma chi è quel calciatore che è andato a letto con lui? Voglio dire, non mi interessa sapere il nome per dimostrare che l'omosessualità nel mondo del calcio esiste; ma semplicemente vorrei guardarlo negli occhi e dirgli: - Ma ti rendi conto con chi cazzo sei andato? -
Share on Google Plus

About Lord79

Se Lord79 non vi piace, sappiate che mi chiamo Emilio.
    Blogger Comment

18 commenti:

  1. ...ahhahahah...concordo in pieno fidanza...

    RispondiElimina
  2. ...tu "for president" tutta la vita.....La domanda al calciatore ...ipoteticamente accoppiatosi con l'esemplare unico (e meno male) di PAONE...è ..da 10 punti!....Come se sentissi dirla dalla tua voce !! auauhahu :)

    RispondiElimina
  3. l'ho detto anche ieri.. ma chi se lo incula cecchi paone. a parte che mi sta sulle balle per il modo saccente e fastidioso che ha di porsi.. quell'aria di superiorità e via discorrendo.. concordo anche per la questione di cassano. più che altro il problema sono i giornalisti che hanno guidato la conferenza stampa.. ma perchè diamine chiedere a cassano dei gay? cos'è un neuroscienziato? un luminare di etologia umana? è come chiedere ad un pastore del caucaso (e non parlo del cane) di discutere sulla teoria delle stringhe.. la domanda è stata fatta con lo scopo di sentirsi dire una risposta alla Cassano, per l'appunto. più che altro è una risposta da macho italiota che non vuole il frocio che gli svisa l'uccello nello spogliatoio. invece di parlare di calcio si parla di stronzate perchè a me.. dei gay nel campo di calcio.. poco frega sinceramente.. e basta cecchi paone con ste manie da isterica prima donna.. che anche se non dici che sei stato con uno della nazionale l'abbiamo capito che sei frocio e pure della peggior specie. vivi e lascia vivere cervello da velina.

    RispondiElimina
  4. a me la cosa che ha dato davvero fastidio non è stato il mins habens che di cassano, che sembrava un bambinetto egocentrico che si trova al centro dell'attenzione durante un pranzo della domenica e i genitori gli dicono "racconta la barzelletta che sei tanto spiritoso", ma poiuttosto le risate leccaculo dei giornalisti che sottolineavano quegli sproloqui cme se fossero delle gran spiritosaggini. e solo eprchè le aveva dette CASSANO eroe epico solo perchè chiamato a difendere l'onor patrio nel giuoco del calcio. mioddio che schifo, sarebbe bello che lo sport nazionale fosse la cerbottana, altro che cassano.

    twisted

    RispondiElimina
  5. scusate gli errori, giuro che non sono cassano sotto mentite spoglie !
    twisted

    RispondiElimina
  6. Sei in riga con la mia opinione e commento... non è un atteggiamento da far passare inosservato, ma nemmeno da stigmatizzare, vedendo l'origine dell'affermazione... per me Cassano è ignorante, non omofobo, e forse è peggio...

    RispondiElimina
  7. Riporto quanto già scritto altrove, per non ripetermi troppo:
    "mi devo incazzare di più con Cassano, che è sì rozzo, ignorante, persino un po' becero, ma forse anche tanto ingenuo e "poco strutturato" da cascare in un evidente tranello tesogli da un giornalista... o con il giornalista "sportivo" - consentimi il virgolettato - che la domanda l'ha pensata e rivolta proprio a chi sapeva (e sperava) sarebbe cascato mani e piedi nel tranello?"

    Quanto a Cecchi Paone, mi fa enormemente incazzare pure lui, perchè pur reputandosi tanto intelligente, è il primo a provocare ad ogni piè sospinto il gossip più stupido e becero per fare parlare di se e per polemizzare, quando da gay ripetutamente e nauseantemente (esiste?) dichiarato dovrebbe capire che così danneggia solo se stesso e gli altri.

    RispondiElimina
  8. Nel mucchio almeno c'è qualcuno che riesce a distinguere fra omofobia e ignoranza vera e propria... Quello che purtroppo non riesce a fare la maggioranza della stampa italiana, e non sono di parte :-)

    RispondiElimina
  9. Infatti il punto è proprio questo, non si può urlare alla stessa maniera o anche di più se ci si spezza un unghia o ci si taglia una mano.
    E con gli episodi di vera violenza omofoba accaduti in queste settimane a Roma alzare queste polemiche assurde per le stron....te dette da un calciatore è veramente assurdo.

    RispondiElimina
  10. Lord... ti dovrebbero pubblicare in prima pagina sui quotidiani altro che blog! :-) Condivido parola per parola e in particolare vorrei anch'io fare la domanda "Ma ti rendi conto con chi cazzo sei andato?".
    Secondo me la "denuncia" di quella nullità di Cecchi Paone comunque è stato un moto di stizza perché in realtà non se lo sono proprio inculato.... (in tutti i sensi) :-D

    RispondiElimina
  11. beh, certo cassano non ha mica ammazzato qualcuno e i veri atti di omofobia sono altri, ma non banalizzerei troppo l’utilizzo della parola “frocio”; un conto è quando noi gay la utilizziamo tra noi, un altro conto è quando viene utilizzata da qualcun altro con tono dispregiativo e mi sembra evidente che questo sia il caso del minchione di turno. per intenderci, se avesse detto “negro” riferendosi a qualcuno di colore tutti avrebbero colto la sostanziale differenza e sarebbe venuto giù il pianeta. non è omofobia ma ignoranza? direi che l’omofobia è figlia dell’ignoranza.

    RispondiElimina
  12. Applausi. Tutto giustissimo.

    RispondiElimina
  13. >>>Anonimo 15 giugno 2012 11:09
    Ti hai notato un tono dispregiativo nelle parole di Cassano? Bah, io sinceramente no. Era tranquillo e sereno e aveva il sorriso sulle labbra. Magari sono ingenuo io che ho visto nella sua espressione una sincera e innocua ignoranza, o magari sei tu prevenuto che ti scaldi e vedi del marcio. Questo non sono io che posso stabilirlo.

    UN GRAZIE A TUTTI GLI ALTRI CHE INVECE LA PENSANO COME ME. Abbiamo dato fin troppa importanza a questa storia e mi è sembrato giusto sdrammatizzare il tutto e buttarla a ridere con la frase finale.

    RispondiElimina
  14. infatti il tono era da presa per il culo, il fatto che sorridesse non cambia la sostanza... mi sembra che abbia detto tipo "sono froci? affari loro, comunque mi auguro che non ce ne siano in nazionale", insomma il senso di tutta la frase mi sembra molto chiaro. comunque non mi ero scaldato, era solo una riflessione in più da aggiugere alle altre. ti leggo spesso e mi piace quello che scrivi, buon proseguimento

    RispondiElimina
  15. >>>Anonimo 15 giugno 2012 16:14
    Intendiamoci, non che che adesso devi scrivere "ti leggo spesso e mi piace quello che scrivi" solo per fare pace dato che non la vediamo allo stesso modo. Ci tengo a specificarlo perché io sono tranquillo anche se non abbiamo la stessa opinione e voglio dire, si parla ci si confronta ed è normale e anche istruttivo incontrare persone che abbiano altri punti di vista.
    Ecco, ci tenevo a fare questa premessa, perché non voglio passare per quello che "se non la pensate come me allora vaffanculo". Assolutamente no.
    Detto questo, rimango comunque della mia idea e ovvero che la sparata di cassano è stata maleducata, ma la considero un atto di cameratismo e non di omofobia.
    Buon proseguimento a te che non so come ti chiami.

    RispondiElimina
  16. tranquillo, l'ho scritto solo perchè lo penso. nessuna pace e nessuna guerra, solo scambio di idee. alla prossima

    RispondiElimina
  17. ciao! io sono di Bari ,dove cassano è nato e cresciuto. io credo che la domanda sia stata fatta apposta per avere quella risposta. dopotutto chi è Cassano? il prototipo del terrone ignorante e becerp (che ha solo due neuroni nel cervello e sono collegati direttamente alla bocca, senza filtri) che però fa fare tanti soldi ai suoi padroni. tipo bestia da soma, per intenderci. se si voleva sollevare il dibattito vero si poteva chiedere ad un calciatore più garbato, invece si voleva avere la risposta da quello che si spera sia l'italiano medio. ti dirò che qui non è che Cassano sia considerato un dio come molti pensano(anzi come viene fatto credere), sì la gente è orgogliosa del barese che si è fatto strada con il suo talento, ma il suo mito serve più che altro ad alimentare i sogni di gloria di tanti genitori che aprono fiduciosi il portafogli per iscrivere i figli a calcio, e di ragazzi che invece di pensare ad un futuro si accaniscono con un pallone che non li porterà mai da nessuna parte.
    ha ragione Vendola quando gli ha detto " tu hai i soldi, puoi viaggiare,imparare... civilizzati!"
    un commento efficace ma amaro, di tanti ragazzi che non hanno i mezzi per accrescere la propria cultura.
    ma sto divagando... cmq io più che omofobia ho visto ignoranza, la tipica ignoranza di chi cresce in un ambiente poco stimolante e senza prospettive , potresti fagli domande su altri argomenti e ti darà le risposte che ti aspetti.
    ( lo vedi alla prese con le domande "cos'è la contraccezione?" " qual'è il significato della festa della donna?" " chi ha dipinto la cappella sistina?")
    la cosa che mi consola è che in Italia per fortuna sanno che anche Solfrizzi è barese.lui sì che è un esempio positivo di questa città.

    RispondiElimina
  18. Alla luce di quanto è successo, trovo che invece il gran polverone sia servito davvero a qualcosa, se anche una persona non istruita, dopo la gaffe sicuramente omofoba ma frutto solamente dell'ignoranza è arrivata a dire, con parole sue:«Ora ho capito la differenza tra le parole. Davvero, non volevo offendere nessuno, era in buona fede in un momento scherzoso».

    "Ora ho capito.." ecco. Se nessuno si fosse offeso, una persona in più ci avrebbe chiamato (ANCORA) in pubblico e in tv froci. E non credo lo rifarà più.
    Direi che ci abbiamo guadagnato.

    http://www.corriere.it/sport/euro-2012/notizie/19-giugno-cassano-gay-capito-peso-parole-non-offese-stavo-scherzando_5766c75a-ba37-11e1-88e3-74eab70f59c2.shtml

    RispondiElimina