L'Alhambra di Granada, le scimmie di Gibilterra e i finocchi di Torremolinos


Rombano i motori della nostra fiammante Opel Astra, affittata a Barcellona e graffiata mezz'ora dopo contro una fioriera in cemento armato, che abbiamo urtato ci è venuta addosso mentre facevamo manovra. Questa volta siamo diretti verso quella che forse è la meta più turistica dell'Andalusia e se non ci fosse l'Alhambra, probabilmente nessuno capiterebbe a Granada. Intendiamoci, la parte vecchia della città è piuttosto carina e piena di vicoli stretti e bar dove mangiare tapas di pesce rigorosamente fritto e bere boccali di birra come se il fegato non fosse nostro, ma la vera attrazione è ovviamente l'Alhambra.
Ecco, seguite il mio consiglio, se avete in programma una visita all'Alhambra, acquistate preventivamente i biglietti su internet, perché come voi, anche altri diecimila turisti si recheranno lì e le code al botteghino sono lunghe e fanno entrare solo un certo numero di persone alla volta e noi, con il nostro biglietto prenotato dall'Italia, siamo passati avanti a tutti e Dio solo sa quanta soddisfazione dà saltare le file.
L'Alhambra è bella e non si discute. Il complesso monumentale è piuttosto grande, ma la vera attrazione è sicuramente il Palacios Nazaríes e solo quello vale il prezzo del biglietto e il predominio arabo si legge  nelle pietre finemente lavorate neanche fossero centrini realizzati all'uncinetto da mia nonna e poi gli archi e le colonnine e i marmi e le pietre preziose e vi dico solo che quando proposero il contest per stabilire le sette meraviglie del mondo moderno, l'Alhambra arrivò tra le finaliste, ma poi non riuscì a spuntarla. Questo non toglie però valore a questo sito veramente suggestivo e patrimonio dell'Unesco. Fine della parentesi culturale.


Quando abbiamo deciso l'itinerario del viaggio, mi ero intestardito che dovevamo andare a vedere le scimmie di Gibilterra, che poi sarebbero anche le uniche scimmie selvatiche d'Europa. Non troverete altre scimmie se non al giardino zoologico. La leggenda vuole che questo tipo di Macaco Sylvanus (o più semplicemente bertuccia), sia arrivato in Spagna grazie ad un tunnel sotterraneo che collega il Marocco con Gibilterra. Giuro che però la Gelmini non c'entra nulla con questo tunnel.
Che poi Gibilterra non fa parte della Spagna, ma è una colonia Inglese conquistata nel 1704 e gli spagnoli non l'hanno presa proprio bene e per lungo tempo gli hanno proposto di sottostare alle leggi spagnole e invece niente, quelli non ne vogliono sapere e la situazione attuale è che per accedere alla città bisogna passare la dogana e fanno dei controlli così svogliati, che sarei potuto entrare anche con la foto di Bart Simpson sulla carta d'identità.
Un volta varcato il confine, si è ufficialmente in Inghilterra e per fartelo capire meglio, ogni duecento metri c'è una cabina telefonica rossa, di quelle che si trovano a Londra e poi tutte le insegne sono in inglese e i negozi riportano i prezzi solo in sterline e ovviamente nessun turista cambia i soldi per stare mezza giornata in Inghilterra e quindi i commercianti accettano tranquillamente gli euro facendo i prezzi un po' come cazzo gli pare: - Due sterline, ma vanno bene anche quattro euro e stiamo pace. -. Una credenza popolare racconta che fin quando ci saranno le scimmie a Gibilterra, questa resterà sotto il controllo inglese
Che poi, la città di Gibilterra è una vera merda e per questo motivo prendiamo subito la funicolare che porta sulla rocca dove vivono le scimmie ed effettivamente ci troviamo subito faccia a faccia con una bertuccia e su youtube ho visto che le scimmie attaccano i turisti molto facilmente e quindi per i primi minuti siamo terrorizzati e camminiamo raso muro neanche fossimo degli etero in uno spogliatoio pieno di finocchi; poi però ci abituiamo e dopo poco iniziamo a trattarle come se fossero il nostro animale domestico preferito. La rocca di Gibilterra è anche più brutta della città e so se sia mezza abbandonata per farla sembrare più simile ad un set de Il Planeta delle Scimmie o se invece non glie ne frega proprio un cazzo di sistemarla. Quantomeno la vista è spettacolare e a pochi chilometri di distanza si vede la costa dell'Africa e le calde terre del Marocco.


A soli quindici chilometri da Malaga c'è una ridente cittadina che prende il nome di Torremolinos e Torremolinos è piena di hotel e ristoranti e locali e praticamente è un po' come stare nella Rimini degli anni ottanta, ma senza spalline e capelli cotonati.
Non chiedetemi per quale motivo, ma nel corso degli anni Torremolinos è diventata la capitale del divertimento gay andaluso e praticamente non ho mai visto così tanti locali finocchi sulla stessa strada e tutta la vita gaia si concentra attorno a La Nogalera, che sarebbe una specie di grande complesso residenziale con piscina e zona commerciali e guarda caso, il nostro appartamento è proprio lì. Che coincidenza eh!
Dalle 22:00 in poi iniziano ad aprire i locali ed è un continuo di gente che tenta di portarti dentro con la scusa di due drink al prezzo di uno e c'è la zona dedicata alle passive sudamericane e quella dedicata agli orsi pelosi e quella con i vecchi stagionati e quella dedicata alle trans e quelle per le fashion victim e ci sono qualcosa come 40 bar gay uno al fianco dell'altro e tutti cercano di trascinarti dentro offrendoti happy-hour a prezzi super vantaggiosi.
Ma Torremolinos è famosa anche per le sue spiagge bianche e però sulle guide non c'è scritto che l'acqua del mare è talmente fredda che sembra di mettere i piedi nel ghiacciaio del Monte Bianco e se stai in acqua per più di cinque minuti, inizi a perdere la sensibilità alle dita dei piedi. Quindi, dato che è praticamente impossibile fare il bagno e dato che non ci sono monumenti da visitare, deduco che i gay vanno a Torremolinos solo per scopare. Ma del resto questi poveri spagnoli dovranno pur campare in qualche modo e il business del turismo gay è l'unica risorsa per un luogo che potrebbe sprofondare in una voragine, senza che nessuno se ne accorga.

Il nostro viaggio finisce qui; in venti giorni abbiamo visto monumenti, partecipato alle feste, riscoperto le tradizioni, ammirato i panorami, fatto tuffi tra le onde e abbiamo bevuto una cifra esagerata di birra. Che poi vabbè, ho fatto un filmino che dura giusto cinquanta minuti e che ogni volta che lo nomino, la gente si soffoca con le sue stesse mani pure di non guardarlo e quindi mi è toccato fare una versione short super ridotta all'osso di soli sei minuti e presto ve lo dovrete sorbire anche voi... siete avvistai.

Leggi anche le altre tappe, cliccando sulle foto sottostanti.

    
    
Share on Google Plus

About Lord79

Se Lord79 non vi piace, sappiate che mi chiamo Emilio.
    Blogger Comment

10 commenti:

  1. io sarò strano ma mi sono sempre interessati i filmini delle vacanze degli altri....boh!:)

    RispondiElimina
  2. Seconda foto da "header" del blog! ;)

    RispondiElimina
  3. La foto con la scimmia è da concorso fotografico.:)

    RispondiElimina
  4. Dai che aspettiamo il video.

    Silenzio bambini!!

    Signora può spostare la cofana? Grassie.

    Spegnete le luci in sala...

    Alex ;)

    RispondiElimina
  5. Ma nella prima foto perché indossavi la pellicc... ops a no, non sei tu.

    RispondiElimina
  6. Secondo me nella foto stavate pensando tutti e due (tu e la bertuccia): certo che questo è strano forte, eh?
    Vai a capì, poi, chi aveva ragione...

    L'Andalusia, a parte Gibilterra che non mi attirava per niente, l'ho praticamente girata tutta anche io, e a me è piaciuta molto, ma siccome non sono bravo a fare reportage altamente godibili come il Lord... mi limito leggere i suoi :)

    RispondiElimina
  7. >>>lost
    Ma anche a me piacciono infatti.

    >>>Filo
    Ahaha, magari sarà il prossimo...

    >>>loran
    la spedisco al National Geographic?

    >>>Alex
    Dai, ancora qualche giorno e lo pubblico... pazientate.

    >>>Teo M
    Immagina, la mia faccia che ti guarda con aria di sufficienza. Ecco.

    >>>Barone
    Gibilterra vale la pena solo per le scimmie e il panorama. Il resto è merda.
    Ora che il racconto della vacanza è finito, posso dire che la cosa che mi è piaciuta di più sono stati i Paesi Baschi. Sarà che abbiamo beccato tutte le feste del mondo, ma ci sono posti proprio belli. L'Andalusia è suggestiva, ma non regge il confronto.

    RispondiElimina
  8. si si il filmino siiiii

    RispondiElimina
  9. foto con scimmia = 10 e lode

    RispondiElimina
  10. cazzo! quella scimmia ha un suo perchè!!! la voglio! procuramene una!

    RispondiElimina