Le unioni civili del PD e il matrimonio gay


Forse è solo una mia impressione, ma sono quasi certo che i partiti, ormai certi che l'unica strada sarà tornare alle urne, abbiano gettato la spugna e anziché buttar giù proposte per governare il Paese, abbiano iniziato una nuova campagna elettorale. L'ipotesi diventa abbastanza credibile dal momento in cui il PD ha comunicato solo qualche giorno fa i dettagli delle loro unioni civili; per tutta la campagna elettorale si sono nascosti dietro il termine "alla tedesca" e nessuno sapeva bene cosa volesse dire e adesso invece spuntano fuori i dettagli e verrebbe da chiedersi come mai non abbiano sviscerato questo tema prima del voto. Ma meglio tardi che mai.
La proposta del Partito Democratico (perché di proposta si tratta), rappresenta senza dubbio un enorme passo avanti rispetto alla situazione attuale (ma anche rispetto ai Di.Co. partoriti dalla mente di Rosy Bindi) e ok, non sono i matrimoni, ma ho sentito in giro gente molto soddisfatta di queste unioni civili.
Ok, perdonatemi, ma io non riesco proprio ad essere felice e anzi, la cosa mi fa anche un po' girare le palle. Se da un lato è vero che avere qualcosa è sempre meglio di non avere nulla, le unioni civili mostrano grandi limiti e marcano un netto confine con i matrimoni per eterosessuali e sinceramente io mi sono stancato di essere considerato diverso. Ho quasi trentaquattro anni e non sono più quel ragazzino che faceva le manifestazioni con lo zaino Invicta sulle spalle e probabilmente non ho più neanche quello sguardo sognante di una volta e ora mi sono stufato di aspettare tempi migliori, perché io di tempo non ne ho più.
A trentatré anni ho bisogno che lo stato italiano mi dica che amare un uomo non mi renderà una persona diversa e ho bisogno che mi venga garantito il futuro di cui ho diritto. Un futuro uguale a quello degli altri. Perché la differenza tra le unioni civili e i matrimoni eterosessuali, viola la parità di diritti tra i cittadini.
Alcuni preferiscono accontentarsi, perché procedere per tappe è il modo migliore per far digerire lentamente anche il matrimonio omosessuale e poi queste unioni civili non sono malaccio e però abbiamo attorno esempi di paesi che già hanno fatto il passo dei matrimoni fru fru e non siamo di certo noi i precursori di nulla.
Le unioni civili pensate dal PD, sono così faziose che è un po' come andare in un negozio di elettronica per comprare un iPod e vedersi rifilare un semplice lettore mp3 e ok, la musica si sente bene anche con un lettore mp3, ma l'iPod ha delle funzioni e delle applicazioni che un semplice lettore mp3 non potrà mai avere.
Non posso essere felice per queste unioni civili, perché fin quando ci sarà un diverso trattamento tra gay ed etero, qualcuno potrebbe sentirsi migliore di me, coadiuvato alle leggi dello stato.
Non è solo una questione di cavilli legali; non si tratta solo di stipulare un contratto ed avere garanzie economiche ed affettive, il nodo della questione è essere cittadini tutti uguali gli uni con gli altri e se nella lingua eterosessuale due persone vengono unite mediante il matrimonio, allora questo termine deve poter essere usato anche dai gay.
Barack Obama nella sua campagna per la rielezione, è divenuto un accanito sostenitore della parità di diritti fra gay ed etero, equiparando questa battaglia a quella combattuta in passato dalle donne e dagli afroamericani. Loro alla fine l'hanno spuntata e son sicuro che prima o poi anche noi gay vinceremo la nostra battaglia, ma ho trentatré anni e vorrei poter gioire per aver raggiunto questo traguardo in questa vita e non quando sarò reincarnato in un gattino.

Qui il LINK per leggere l'intera proposta del PD riguardanti le unioni civili e il modello tedesco.
Share on Google Plus

About Lord79

Se Lord79 non vi piace, sappiate che mi chiamo Emilio.
    Blogger Comment

27 commenti:

  1. Tutto giusto, carissimo.
    Le proposte ventilate dal PD solo ora sono ampiamente insufficienti e fonte di apartheid: se unione civile deve essere che sia per tutti, come per tutti sia il matrimonio.

    RispondiElimina
  2. Concordo al 1000 per mille.
    Cmq anche la Germania sta iniziando a traslare verso il Matrimonio Gaio:

    http://www.dosmanzanas.com/2013/03/el-bundesrat-aleman-aprueba-una-propuesta-de-matrimonio-igualitario.html

    RispondiElimina
  3. Tutte cazzate pre-elettorali. di noi non frega un cazzo a nessuno, men che meno ora che il paese è a un passo dal tracollo definitivo. sono rimasto basito dalle proteste francesi contro il matrimonio omo. Figuriamoci qui, che regna madre chiesa. i peggiori infatti sono proprio i cattolici, che si ricordano di esserlo solo quando fa loro comodo. Mi starebbe pure bene se uno si attenesse scrupolosamente a tutti i dettami del cattolicesimo, ma che si inveisca constro di noi in nome di dio quando si hanno sette divorzi alle spalle, altrettanti figli da mogli diverse, si bestemmia, si vivono Natale e Pasqua come mere festività commerciali alla San Valentino e manco si va a messa proprio non mi va giù. Tanto più che se davvero esiste il dio compassionevole che tanto decantano non vedo come non possa approvare l'unione di due persone che si scambiano amore, sostegno e solidarietà, materiale e spirituale.

    RispondiElimina
  4. Bè, io a 26 anni (quasi 27) ho la tua stessa paura. Finirà che la mia unica opzione per essere rispettato come cittadino sarà andare via da qui e questo mi mette un po' di tristezza.
    Lord, facciamo mal comune mezzo gaudio? :)

    RispondiElimina
  5. Discorso cindivisibilissimo in todo... è dal 2006 che spero di non sentirmi più considerato diverso dagli altri da un punto di vista giuridico, ma il tempo passa e se nel 2006 avevevo 23 anni adesso ne ho quasi 30 e mi rendo conto che non è cambiato nulla se non la mia età e la visione che ho del mondo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco perché i piccoli step non hanno più senso. Nel 2006 si poteva anche procedere per piccoli passi, ma ora bisogna guardarsi attorno e adeguarsi alla situazione attuale. Matrimoni gay.

      Elimina
  6. Allora dovremmo tutti mandare una lettera al Pd dicendo che la promessa di queste unioni non ci basta più, e che se vogliono una sia pur minima speranza che alle prossime elezioni riabbiano i nostri voti, che facciano pubblicamente la promessa che se vincono facciano una legge che consenta il matrimonio a tutti senza discriminazioni sul sesso dei contraenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il PD dovrebbe aprire gli occhi e rendersi conto di come va il mondo, senza essere imboccato dai cittadini. Basta guardare fuori dai confini dell'Italia per avere buoni esempi.

      Elimina
  7. e questa è la proposta del PD guidato dal presunto smacchiatore di giaguari, non penso che un PD guidato dal fiorentino offrirà altrettanto visto che il suo target saranno anche i cattolici moderati. Comunque io sono dell'idea che la cacca sia sempre cacca anche se non si sente l'odore quindi ho smesso di votare turandomi il naso. Voto chi mi convince e se nessuno mi convince protesto col mio voto per punire chi a mio parere avrebbe dovuto convincermi e non l'ha fatto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il fiorentino aveva fatto promesse che forse avrebbe mantenuto, ma comunque a me non è mai piaciuto.

      Elimina
    2. di certo non è favorevole ai matrimoni gay:

      http://www.blitzquotidiano.it/politica-italiana/renzi-pd-matrimoni-gay-618213/

      se poi ha cambiato idea ce lo dica pure..

      Elimina
  8. Proposta al limite del vago. Che poi "analogo a" non vuol dire un cazzo. Analogo quanto?
    Non c'è nulla sull'assistenza sanitaria per il partner, ma magari è sottinteso, boh.
    E non c'è nulla su decisioni tipo (tocchiamoci i maroni) uno dei due ha un incidente e va in coma: siamo sicuri che il partner abbia lo stesso potere decisionale sulle cure da effettuare o sullo staccare o no la spina di quanto ne ha un marito o una moglie etero?

    @Teo: Renzi ha detto alle primarie che se avesse vinto lui, in 100 giorni avrebbe fatto la Civil Partnership uguala allo UK (figli e adozioni gay a parte. Il che da quanto ne so è anche di più e meglio che sto cacchio di "modello alla tedesca" che stanno già sfanculando gli stessi tedeschi, dato che la Corte Costituzionale tedesca ha detto che è discriminatorio verso i gay, tant'è che in Germania si sta pensando di passare al matrimonio egualitario, anche se la culona inchiavabile è contraria.
    E in ogni caso "modello alla tedesca" non vuol dire nulla, perchè quello iniziale mancava di un sacco di cose ed è già stato modificato varie volte a forza di sentenze della Corte Costituzionale. Quindi di che cacchio di modello tedesco mi parla il PD? Di quello 1.0 (merda) o dell'ultima versione?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti è divertente notare come il punto di riferimento del PD, sia un modello ormai obsoleto anche per gli ideatori tedeschi. Non riesco ad essere contento di questo, anche se rappresenta un passo in avanti rispetto alla situazione odierna.

      Elimina
  9. avevo lasciato un commento che ora non c'è più... forse è stato cancellato? ci riprovo

    “If all men travelling for circuit parties would travel down to every capital city in the world together, gay marriage would already be widespread, just sayin..” WILFRIED KNIGHT

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perdonami, avevo visto una frase in inglese e senza neanche leggere la prima riga avevo dato per scontato fosse dell'inutile spam e avevo cancellato. Colpa mia. E tra l'altro, credo che presto farò anche un post dedicato a Wilfried.

      Elimina
    2. ti perdono :)

      Elimina
  10. Quanto facile radicalismo da prima serata in queste parole. Continuiamo a pensare che quello che si propone non sia mai abbastanza; continuiamo a farlo. Così potremo sentirci puri e in pace con la nostra piccola coscienza quando contribuiremo a mantenere la stagnazione in cui ci troviamo. Devo anche dire che siamo molto fortunati qui perché possiamo permetterci di scegliere per chi votare considerando il matrimonio gay come nostro unico criterio.
    Proprio perché non si ha più l'età in cui si andava alle manifestazioni con lo zainetto invicta si dovrebbe capire cosa è realistico ottenere e cosa invece sarebbe un pretesto per far scatenare baciapile delle più varie provenienze.
    Ciò detto, io non mi trovo per niente a mio agio a tenere questa posizione moderata, perché la mia convinzione più profonda è che non solo si dovrebbe permettere il matrimonio, ma anche le adozioni gay...per tanti motivi. Non penso però che in Italia ci sarà una maggioranza (anche tra la popolazione, non solo tra le forze politiche) per approvare queste proposte e allora preferisco pragmaticamente aggrapparmi al possibile.

    Mic_Pp

    Ps. Ho commentato come anonimo perché con l'iPhone non sono riuscito a inserire il nome utente (a proposito di iPod e altri mp3), però mi sono firmato, ci tengo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La tua mi sembra una polemica senza senso, perché se inizi con la frase "radicalismo da prima serata" solo di polemica si tratta. La mia riflessione si basava sul fatto che le unioni civili prendono in considerazione gli aspetti legali e burocratici, ma non risolvono il problema della diversità e fin quando non entrerà nella testa delle persone il concetto di uguaglianza totale, i gay saranno considerati sempre e solo come gay. Allora mi chiedo, è la popolazione che deve chiedere un cambiamento alla politica, o sono i politici che devono guidare il popolo verso certi temi? Ecco, secondo me dovrebbero essere i secondi a fare il grande passo, chiedendo un atto di coraggio e di fede anche ai cittadini più bigotti. Da questo punto di vista apprezzo e stimo la campagna elettorale di Obama che ha puntato espressamente sulla parità di diritti.

      Elimina
    2. Te l'appoggio, Lord :)
      Direi che le due cose vanno di pari passo: i politici guidano verso il cambiamento ma i cittadini devono chiederlo il cambiamento.
      Se aspettiamo il 100% dei politici e il 100% dei cittadini non si farà mai nulla, se fosse stato per quella % di bigotti non ci sarebbe il suffragio universale, l'aborto, il divorzio etc.
      Trovo pericoloso, però, continuare ad alimentare la passività inetta e deresponsabilizzante degli italiani, che aspettano nel nido col becco aperto che arrivi la mamma/stato a dargli il cibo masticato.
      Politici e cittadini devono crescere di pari passo. Anzi, se i politici sono i cittadini questo step è già risolto.

      Elimina
    3. Hai detto bene, se i politici fossero anche cittadini forse si renderebbe conto meglio dell'andamento del mondo. Ma quelli, quei politici vecchi che siedono nel nostro parlamento, hanno troppi privilegi per accorgersi di quello che accade fuori. Dicevano che non abbiamo mai avuto così tanti volti nuovi come in questa legislatura, ma mi pare che stanno facendo di tutto affinché l'impostazione rimanga quella vecchia e corrotta.

      Elimina
  11. l'ultimo modello alla "tedesca" applicato ai gay ha, come dire, incenerito ogni speranza. Spererei in altro, anche se io sono fortunato.

    Rocco

    RispondiElimina
  12. Io non ho votato PD anche per questo. Se non si ottiene nulla questa volta, la prox volta voto chi mi promette matrimoni gay e adozioni perché non mi accontento più di metà promesse che diventano nulla al momento dei fatti. Non capisco i gay che hanno votato il PD perché volevano adottare il modello tedesco, quando tutti si stanno muovendo per qualcosa di più. Le unioni civili sono cosa da anni 90 - siamo nel 2013. Matrimoni e adozioni, se no non avranno il mio voto. Ho 43 anni è ora di muoversi assieme. JJ

    RispondiElimina
  13. Scusa Lord, io però non riesco a seguirti. Cioè, siamo d'accordo che la proposta PD sia nata vecchia e che ormai matrimoni e adozioni sono la frontiera naturale per la quale tutti i partiti dovrebbero battersi. Ma allora perchè hai votato M5S? Loro non considerano il problema e non ne hanno neanche accennato. Essendo trasversali, su un punto del genere la spaccatura del movimento la riterrei inevitabile, ma tant'é.
    Ma dal tuo punto di vista, è più importante potersi sposare o mandare tutti i vecchi politici a casa? intendo dire, se la tua priorità politica è poterti sposare, ed è così dirimente, avresti dovuto votare vendola, o ingroia, o sbaglio? e a questo punto, che senso ha prendersela con il PD, quando il potere coalizionale è nelle mani di altri partiti per i quali le nozze gay sono bandite? Intendo dire, se anche nascesse un governo, non ci sarebbero unioni civili non tanto per opposizione del PD, ma perchè il junior partner di coalizione, M5S o PDL, si opporrebbero a costo di dare la sfiducia. O sbaglio?

    MM

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Loro (il M5S) non considerano il problema e non ne hanno neanche accennato."

      La solita malafede dei piddiini, i falliti della politica, che sono perdenti anche quando vincono, buoni solo a fare promesse elettorali e a non mantenerle. L'unico risultato (a pro loro) che hanno ottenuto in tutti questi anni sul tema dei diritti gay è il vitalizio per il loro deputato Grillini.

      Caro MM mi sa che ti è sfuggito questo:

      http://www.beppegrillo.it/2012/07/nozze_gay.html

      Filopaolo

      Elimina
  14. Spero e penso che con Lord e i suoi lettori sia possibile discutere. Quando si critica il PD, sono il primo a dire che non hanno fatto nulla riguardo ai matrimoni. Hanno una posizione che è semplicemente ridicola per un partito che dovrebbe essere del socialismo europeo. Il PD ha un programma nato vecchio. E' l'emblema del fallimento della sinistra in Italia, che si impegna in una infinita rincorsa all'elettorato fascistoide e irrimediabilmente conservatore di questo Paese. Detto questo, e sgombrato il campo dal PD, si può discutere o no del M5S in sé, e non in rapporto al PD?
    Non è parte del programma, quindi come dicono Crimi, Grillo e tutti gli altri, uno vale uno, e pertanto è, finora, un'opinione personale comparsa nei post di Grillo. Quando la metteranno ai voti, perché il programma M5S si compila così, io sono convinto che il M5S si spaccherà tra la sua anima di "destra", conservatrice, reazionaria, tradizionalista, chiamala come vuoi, e la sua anima di "sinistra", progressista, libertaria, anarchica, no-global, chiamala come vuoi. Ma adesso come adesso non è né nel programma, né tantomeno una priorità di Grillo, né di nessun altro partito.

    MM

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con me puoi sempre discutere, ma per i miei lettori non posso garantire.
      Rispondo alla tua domanda dicendoti che i matrimoni omosessuali sono un'esigenza, ma non la priorità del paese. In questo momento abbiamo anzitutto bisogno di mandare a casa chi fa il politico come professione e riempire Camera e Senato di persone che vogliono il bene dell'Italia. E comunque anche se 5 Stelle non ha inserito suo programma nulla che accennasse ai matrimoni omosessuali (dicono per ragioni di tempistica e faccio finta di crederci), Grillo durante le interviste ha sempre sostenuto quest'idea del matrimonio tra persone dello stesso e in molti comuni hanno proposto (e in alcuni casi ottenuto) i registri per le unioni civili. Questo dovrebbe lasciar intendere la posizione dominante del Movimento e se per caso all'interno dovesse esserci qualcuno non favorevole, spero sia solo una minoranza.

      Elimina
  15. Uruguay approva il Matrimonio Ugualitario
    La Francia sta per approvare il Matrimonio Ugualitario
    La Gran Bretagna ne sta discutendo in parlamento
    Gli USA lo stanno per approvare per via giudiziaria.
    Noi stiamo a combattere con le Unioni Civili Ghetto del PD.

    Cmq il M5s ha depositato in parlamento la legge sul Matrimonio Ugualitario, vediamo che fanno i sinistri Bersaniani...

    RispondiElimina