Upside Down


Appena visto il trailer, lo avevo messo nella lista dei film più attesi del momento, ché le premesse di un mondo di sotto e un mondo di sopra, talmente vicini da potersi quasi toccare, erano veramente interessanti e facevano sperare al meglio. Ma dopo soli cinque minuti dall'inizio del film, si capisce che stanno per rifilarci una puttanata cor botto. Nel senso che le premesse sono completamente sbagliate e tutti sappiamo che ogni pianeta ha una sua massa gravitazionale e si tratta di fisica, non è che sto inventando la bicicletta con gli sportelli. Qui invece vogliono farci credere che se sei nato nel mondo di sotto subisci solo la gravità del mondo di sotto e cosa analoga per il mondo di sopra e se per caso trovi il modo di andare dall'altra parte, devi metterti delle zavorre per rimanere ancorato a terra, perché altrimenti la forza di gravità del tuo mondo ti richiama. Sono stato chiaro? Mica lo so se sono stato chiaro.
Comunque.
Sulla cima di una montagna innevata vivono delle api rosa, che non sono né del mondo di sopra né del mondo di sotto e il loro nettare rosa contiene una sostanza antigravitazionale. Ok, almeno a questa stronzata passiamoci sopra, ché altrimenti non ne usciamo. L'unica a conoscere le api rosa, è la nonna del protagonista e lei usa questo nettare per cucinare delle frittate volanti (scherzate vero?) e un giorno però ha finito la sua riserva di nettare rosa e quindi chiede al nipotino di andarglielo a prendere e lui come se nulla fosse, esce di casa con una giacchetta di panno e si arrampica fin sulla cima di una montagna che potrebbe essere tranquillamente il Monte Bianco.
Tipo che io faccio due piani di scale e ho il fiatone e questo invece arriva fin sulla cima fresco come una rosa e trova anche il tempo di provarci una tipa che abita nel mondo di sopra e che anche lei si è arrampicata sulla sua montagna del mondo di sopra, perché non aveva nulla di meglio da fare.
Che poi vabbè, a Roma bastano un po' di nubi per far sembrare notte e questi invece hanno un intero pianeta davanti che li copre e però il sole passa ugualmente. Ma da dove? E poi non so se gli hanno spiegato che la terra è tonda e non piatta e invece questi ci raccontano questa storia come se i due mondi fossero due fogli di carta messi uno sopra l'altro.
Insomma, un po' troppe premesse da mandare giù, per non pensare ad ogni inquadratura: "Vabbè, ma che è 'sta grandissima cazzata?".
Posso capire le buone premesse, ma la storia di Romeo e Giulietta che vivono uno di sopra e uno di sotto, non sta in piedi neanche per un secondo. E non avrei mai pensato che da un trailer così fico, potesse venir fuori una stronzata simile.
Share on Google Plus

About Lord79

Se Lord79 non vi piace, sappiate che mi chiamo Emilio.
    Blogger Comment

13 commenti:

  1. Il trailer mi aveva molto colpito ma il piano
    di vedere il film ha subito una battuta d'arresto
    quando una mia amica mi ha detto che è
    ''una cagata pazzesca"!
    Anche tu mi confermi il suo stesso parere e credo che
    Upside Down possa essere tranquillamente archiviato come
    uno di quei film i cui trailer sono nettamente migliori!

    RispondiElimina
  2. Mi hai proprio convinto ad andarlo a vedere. Sì, sì.

    RispondiElimina
  3. Vabbè ho capito. Vado a vedere Christian De Sica

    RispondiElimina
  4. a me pare una grande stronzata anche solo dal trailer...

    RispondiElimina
  5. Da consumatore esperto...riesco a distinguere le "strunzate amerikane" anche solo dai trailer...

    RispondiElimina
  6. A dire il vero manco il trailer mi aveva catturato... :D

    RispondiElimina
  7. pari pari il mio pensiero !

    RispondiElimina
  8. e pensare che sabato stavo convincendo i miei amici ad andare a vedere sto film. Fortuna che poi abbiamo optato per siani-desica. Mi son già dimenticato il titolo e tutto il resto del film ma per fortuna che abbiamo optato per siani-desica. Se non si fosse capito, per fortuna che abbiamo optato per siani-desica :/

    RispondiElimina
  9. Ti vorrei segnalare "Oblivion" come film di fantascienza forse decente, anche se c'è Tom Cruise che non mi piace.

    Inoltre Bryan Singer sta girando il nuovo attesissimo film sugli X Men con la collaborazione di
    Chris Claremont, autore del fumetto
    "Days of future past" questo si che è uno di quelli che aspetto con ansia.

    RispondiElimina
  10. condivido... l'idea e' anche buona ma il film e' una cagata pazzesca altro che la mitica corrazzata fantozziana.

    roba da labirintite in certi momenti

    RispondiElimina
  11. Secondo me quelli che hai detto tu sono stati i difetti meno evidenti del film: voglio dire, sulle incongruenze "scientifiche" ci possiamo anche passare sopra e fare finta che lì valgono leggi fisiche diverse. Questi presupposti però davano la possibilità di sviluppare una bella trama (temi sociali, discriminazione, sfruttamento ecc), e invece il film si è risolto in una pappa melensa sulla storiella d'amore fine a se stessa (sollevandosi un'anticchia con la scena finale, ma giusto un po'). Dalla sua parte però, va detto, ci sono effetti visivi spettacolari e Jim Sturgess che mi piace tanto! :P

    RispondiElimina
  12. @XieZhi
    Appunto, pensa quanto possono essergli costati quegli effetti visivi "spettacolari". Uno spreco di soldi senza precedenti!!!

    RispondiElimina