Come un tuono


Da qualche parte ho letto che Come un Tuono è un bel film: cazzate.
I primi 45 minuti sono una mezza scopiazzatura di Drive, ma in versione motociclista. Tra l'altro, solo un cretino prenderebbe Ryan Gosling come attore per il ruolo di un esperto motociclista che fa rapine, dopo che neanche due anni prima aveva interpreta il ruolo di un esperto automobilista che fa rapine. Voglio dire, se devi plagiare un film, almeno cambia attore, perché noi proprio scemi non siamo.
Poi il colpo di scena e con un abile colpo di teatro scopriamo che in realtà il film non parla di Ryan Gosling, ma bensì di Bradley Cooper. Vabbè, l'hanno presa un po' alla larga, ma ormai sono qui e mi guardo anche questa storia che pare una mezza scopiazzatura di Training Day e con il cambio di storia cambia anche il taglio registico e in definitiva è un po' come aver pagato il biglietto per vedere due film al prezzo di uno. L'unico problema è che un po' tutti ci ritroviamo a bofonchiare sottovoce che la storia su Ryan era più interessante di questa.
Poi ancora una nuova svolta, ma questa volta nessun colpo di scena e il cambio di direzione è scontato come la puzza dopo aver acciaccato la merda e per 45 minuti il film diventa una mezza scopiazzatura di Spring Breakers. Ma più noioso.
Gli ultimi cinque minuti sono l'epilogo che dovrebbe tenere insieme le fila e però un po' tutti ci ritroviamo a bofonchiar sottovoce che il film doveva finire quando esce di scena Ryan e che tutto quello che viene dopo è una noia mortale e non interessa a nessuno.
La facile morale "Le colpe dei padri non ricadono sui figli, perché ognuno è artefice del proprio destino" è una roba già sentita e per ribadirlo non c'era di certo bisogno di fare un film di 140 minuti, che cambia direzione ogni colpo di tosse e in cui Eva Mendes fa la parte della povera Crista con i capelli sempre più crespi, scena dopo scena.
Share on Google Plus

About Lord79

Se Lord79 non vi piace, sappiate che mi chiamo Emilio.
    Blogger Comment

4 commenti:

  1. ho smesso di leggere il post quando hai scritto che il film non parla di Ryan Gosling ma di Bradley Cooper... ciao :D

    RispondiElimina
  2. Dico quello che ho ho detto già al cinema
    'Certi film non hanno da essere girati'. Comunque ho capito quello che sospettavo da tempo Ryan Gosling e Bradley Cooper so due cani, ho finito di vedere film con loro presenti.
    Detto ciò mi devi un film.

    RispondiElimina
  3. Concordo pienamente. Prima di andarlo a vedere al cinema sentivo solo giudizi pacati del tipo "CAPOLAVORO", "MIGLIOR FILM DELLA STORIA", "DEVE VINCERE TUTTI GLI OSCAR" e cose così. In realtà il film mi è sembrato tre pezzi di film diversi messi insieme malamente, nulla di più. Anche piuttosto scontato.

    RispondiElimina
  4. in effetti un po' la mia stessa impressione... All'inizio pensi che è uguale a DRIVE, poi non capisci dovev voglia andare a parare e alle fine pensi..."quindi?"....
    E nel complesso è anche troppo prolisso, ma capisco che per raccontare 3 storie in una ci voglia un po' di tempo...

    RispondiElimina