L'uomo d'acciaio


Prendete tre prime donne del calibro di Christoper Nolan (il genio creatore della saga de Il Cavaliere Oscuro) David S. Goyer (lo sceneggiatore di molti film e telefilm di dubbio gusto) e Zack Snyder (l'abilissimo regista di film come 300, Sucker Punch e Watchmen); metteteli tutti insieme in un blockbuster tanto atteso come Man of Steel e il risultato sarà che ognuno vorrà tirare la coperta dalla sua parte, creando però un sacco di confusione. Intendiamoci, L'Uomo d'Acciaio non è un brutto film, ma senza dubbio poteva venire fuori molto meglio se ci fosse stata una trama solida.
Invece c'è Nolan che vuole a tutti i costi creare una versione "begins" di Superman e io me lo immagino mentre gode con i flashback di Clark Kent bambino e quello adulto e quello sul pianeta Krypton e a lui gli piacciono questi incastri che piano piano svelano la trama e poi mi immagino Snyder che vorrebbe fare una versione con il mantello rosso di Watchmen e però gli dicono di non rompere le palle, ché Watchmen è stato un mezzo flop e poi Goyer che dice solo stronzate, ché fosse per lui ci avrebbe messo in mezzo i vampiri e gli zombie giusto perché vanno di moda in questo momento e quello che viene fuori è che questo uomo d'acciaio è un personaggio piatto e tutti quelli che gli ruotano attorno sono protagonisti senz'anima.
Ok, Henry Cavill è un bonone da applauso, però da solo non può coprire i buchi narrativi e lo vediamo mentre va in giro per il mondo a petto nudo, alla ricerca delle sue origini e quando finalmente trova l'astronave madre, vi entra con la barba lunga e gli abiti da boscaiolo sexy neanche fossimo in un film porno gay anni ottanta e ne esce con in dosso la tutina azzurra strizza chiappe, la barba fatta e i capelli leccati da una parte che dici: "E ora chi è questo damerino? Ridatemi il manzo di prima!".  E poi c'è troppa consapevolezza; nel senso che io ci avrei buttato in mezzo un po' di psicologia e in definitiva stiamo parlando di un ragazzo che scopre di avere dei poteri che potrebbero distruggere il mondo e io ho capito che forse volevano raccontare la storia di un Superman molto più alieno che umano, ma questo sembra portare questo fardello come se avesse appena comprato due biglietti per un concerto di Madonna e non c'è angoscia e a questo punto preferivo la versione tontolana con Christopher Reeve. Anche se il petto villoso di Henry che esce dal colletto del costume, è una cosa che non scorderò facilmente...
I tre super cattivoni che vogliono conquistare il mondo sono gli stessi tre che compaiono nel Superman II del 1980; con uno Zod che fa una dichiarazione di guerra al Mondo così ridicola, che neanche gli alieni demenziali di Mars Attack.
Lois Lane invece è una giornalista ficcanaso che si arrampica su pareti ghiacciate come se avesse sempre fatto questo nella vita e per tutto il film la vediamo con l'espressione spaurita di quella che le hanno appena investito il gattino e poi però quando vede Superman se ne innamora nel giro di tre secondi e ok, effettivamente se mi fossi trovato davanti Henry Cavill anche io mi sarei innamorato alla velocità della luce e infatti questa forse è la parte più credibile di tutto il film.
Insomma, quello che salvo di questo L'Uomo d'Acciaio è la parte iniziale ambientata a Krypton e il Clark Kent fanciullo impaurito e che scopre di avere i super poteri, poi però mi sarebbe piaciuto vedere una svolta psicologica e invece si passa direttamente dal "Tu sei Kal-El figlio di Jor-El", alle scazzottate in aria e i raggi laser e le esplosioni e se dopo tanti anni Superman è giunto fino a noi con tutto il suo fascino, è perché aveva alle spalle una bella storia da raccontare; le esplosioni, le scazzottate, i raggi laser e i combattimenti inutili, lasciamoli ai noiosissimi The Avengers.
Share on Google Plus

About Lord79

Se Lord79 non vi piace, sappiate che mi chiamo Emilio.
    Blogger Comment

24 commenti:

  1. Concordo... bello, mi è piaciuto, ma come dici tu, la storia e le battaglie un po' troppo esagerate, per giunta sono andato a vederlo all'IMAX di Pioltello, e ne sono uscito ubriaco dal frastuono... :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Comunque è già in programma il secondo capitolo, speriamo aggiustino il tiro.

      Elimina
  2. lo so, sono anomalo..., ma il cinema non mi appassiona. L'idea di chiudermi tra 4 mura a vedere cose di pura fantasia o presunte vite di altri, non riesce proprio ad avere un forte ascendente su di me.
    Rocco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei il primo a cui sento dire una cosa del genere. Vabbè, quantomeno riconosci di essere strano. Io lo trovo tanto bello andare al cinema.

      Elimina
    2. io non vado praticamente mai al cinema, però la sento e la vivo come una mancanza.
      Quando ci vado, mi piace un sacco, e poi il cinema è l'unica cosa che mi tiene sveglio. Posso essere in coma, posso vedere il film più brutto del mondo o quello che mi interessa di meno, ma... non mi addormenterò mai e anzi esco sempre dalla sala bello pimpante e super concentrato!

      Elimina
    3. Bè Rocco... se sei proprio Rocco, ti si può capire, che hai meglio da fare.... :-D

      Elimina
    4. si, infatti l'avevo premesso. Però, onestamente, notare che ci son persone che fanno persino l'esegesi di filmetti come questo mi fa pensare che la crisi non è solo economica. Tragedia.
      Rocco

      Elimina
    5. Rocco, io direi che te la devi tirare di meno e devi prendere la vita con un po' più di ironia. Soprattutto le vite degli altri. Con la tua fai quello che ti pare.

      Elimina
  3. Ho visto ora il trailer ora qui sul tuo blog. Non credo che andrò a vedere l'ennesima versione della stessa storia che conosco a memoria. Ho un'unica curiosità... ma il costume a nido d'ape?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma quale nido d'ape, quello è un materiale super tecnologico proveniente da Krypton! Piuttosto, hai notato che non ha più i mutandoni rossi?

      Elimina
  4. Ho visto il film per intero senza addormentarmi, nonostante la sveglia delle 5...
    Le battaglie hanno rovinato la storia...
    Vogliamo poi parlare del nome "Superman"? Lois che se ne salta fuori ... no perchè da noi....
    E'? da noi cosa? vabbè....
    Quando ha pronunciato la frase da copione " .... in sala ho iniziato a ridere :D

    Lord, un po' mi rode dover ammettere hai ( quasi ? ) sempre ragione ahahah

    P.S.: Positivo il fatto che seduto davanti a me c'era un bel manzo XD ... tutto solo soletto!!! ( una volta tanto )

    SirLionHard

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahaah il pezzo in cui Lois dice il nome "superman" è veramente ridicolo. E poi ho notato che è l'unico momento in cui lo nominano. Per quasi tre ore lo chiamano in tutti i modi tranne che Superman, quasi avessero paura che si potesse ricollegare ai vecchi film. Boh.

      Elimina
  5. Amo sempre il tuo
    cinismo Lord...mi fa capire al volo, davanti a che locandina di filmetto all'americana ci troviamo...manco valido per quei 9 euri di rimborso film. Di certo ora che la stagione sembra finalmente arrivata, preferisco passare serate in terrazzo con un buon libro...nell'attesa dell'uscita di "Inferno"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma inferno intendi il libro di Dan Brown? Gesù santissimo dimmi che intendi un altro inferno... ti prego.

      Elimina
  6. Io ormai a distanza di qualche giorno non ho ancora deciso definitivamente se mi sia piaciuto o no. Se metto sul piatto la bellezza di Henry Cavill che riempie gli occhi insieme agli effetti speciali, dall'altro lato il cast che non sempre è convincente. Tutto questo pesato con il fatto che, rispetto a Batman, questo Superman doveva essere necessariamente più aderente all'idea di supereroe da fumetto. Il risultato sicuramente non è stato perfetto, ma credo che sia un'ottima partenza per una trilogia di spessore, soprattutto una volta che il problema di spiegare le origini sia stato fatto fuori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo che ci siamo tolti dai coglioni definitivamente la spiegazione delle origini, perché non se ne può più.

      Elimina
  7. Ancora una recensione su "filmetti" americani !!!
    Adesso non so se scegli di vedere sti "filmetti" per comodità , xche' magari il cinema e' di fronte a casa tua e quindi, magari invece di stare a spippolare su internet, preferisci attraversare la strada e munito di taccuino di diverti ad analizzare il "filmettino" di turno..
    Ma se nella parte retrostante della tua casa, dovesse passare la ferrovia.....ti invito almeno una volta ad uscire dal retro e postare un nuovo tipo di recensione.
    http://www.youtube.com/watch?v=Cuf99s2jgww
    Mi piace il tuo Blog.
    Massimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Andare al cinema è uno svago, non una costrizione, quindi vado a vedere film che piacciono a me oppure film che piacciono ai miei amici solo per fargli compagnia o film che so saranno una cazzata ma mi fa piacere passare un po' di tempo senza pensieri. Questo tuo giudicare le scelte altrui non mi piace, Te lo dico con franchezza.

      Elimina
  8. Sarà che sono andato a Pioltello (come Skymino, wow!) aspettandomi una porcheria stile IronMan3 e quindi forse mi sarei commosso anche davanti a un film di Pieraccioni, però a ma è sembrato parecchio ben costruito. Magari la battaglia finale poteva essere un po' meno incasita, ma va bene lo stesso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio chi hai riesumato, Pieraccioni. Ma non era morto, no eh?!

      Elimina
  9. http://www.youtube.com/watch?v=fOI6cp4Lls4#at=130

    Versione Spagnola, girato a Capri! Uh!

    RispondiElimina
  10. Sono finalmente riuscito a vederlo, diciamo che in grande linea ti appoggio la recensione, anche se hai dimenticato un po' di cose positive. Fotografia stupenda e poi Diane Lane e Kevin Costner. Ovviamente non posso non muoverti una critica, altrimenti la notte come dormiresti ahahhah.
    La dichiarazione di guerra è la cosa che ho amato di più, è un omaggio alla 'Guerra dei mondi'.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Kevin Costner non mi è piaciuto proprio e tra parentesi lo hanno fatto morire in un modo decisamente ridicolo.
      La dichiarazione di guerra de "La Guerra dei Mondi" è stata parodiata da Tim Burton (quando ancora faceva film belli) in Mars Attacks! e il risultato di questo Superman, è che sembra molto più la parodia che l'originale.
      Comunque ora dormo sereno.

      Elimina