Thor: The Dark World


Il primo Thor, diciamolo francamente, era una mezza cagata con una trama ridicola, dei dialoghi imbarazzanti e una regia sopra le righe che ciao Kenneth Branagh, torna a recitare Shakespeare che ti viene meglio; ma togliete la maglietta a Chris Hemsworth e avrete ugualmente un capolavoro. 
Con questo secondo Thor The Dark World son riusciti a raddrizzare il tiro e fare un discreto film e sia chiaro; la trama è sempre ridicola e prevedibile, con il super cattivone di turno che vuole conquistare il mondo e poi le scene con le gag che fanno ridere e poi il momento dramma e poi di nuovo le scene da ridere e poi ancora il dramma e poi la scena d'amore finale e i titoli di coda e alla Marvel Studios i film ormai li fanno tutti con questa struttura e non bisogna aspettarsi proprio niente di speciale e la direzione che hanno preso, è quella di puntare tutto su un tono leggero che non si prende troppo sul serio, perché tanto hanno capito che non sono capaci di fare i film epici tipo Il Cavaliere Oscuro e quindi meglio buttarla a ridere, ché se sbagli un film drammatico viene fuori una schifezza, ma se sbagli un film comico alla fine qualche battuta che salva la situazione c'è sempre e poco importa se la struttura della storia ne risulta sacrificata.
Le gag comiche sono effettivamente molto divertenti e salvano la pellicola da scene senza senso tipo quella degli alieni super cattivissimi che arrivano alla conquista di Asgard con astronavi che neanche la Morte Nera di Star Wars e poi però scendono dalle navicelle e fanno a cazzotti peggio di Bud Spencer e Terence Hill e uno si aspetta che il super villain incenerisca la madre di Thor solo con lo sguardo e invece lei riesce a dargli perfino due ceffoni e quello per poco non cade per terra.
Kat Dennings è senza dubbio il personaggio rivelazione del film e a dire il vero non fa altro che ripetere sul grande schermo quello che fa in 2 Broke Girls, ma il suo personaggio cinico è talmente riuscito che per me può continuare a fare solo questo per tutta la vita. Natalie Portman premio inutilità, che se non fosse per il casino che combina trovando la fonte di energia che gli alieni avevano nascosto per millenni e lei invece ci inciampa sopra come fossero un paio di scarpe lasciate in corridoio, per il resto Natalie è utile come un paio di pedalini per Oscar Pistorius. Tom Hiddleston miglior attore, ché se questo Thor The Dark World riesce ad essere un minimo credibile, è senza dubbio grazie al suo Loki che in definitiva è l'unico personaggio ben disegnato e che port avanti la trama con un minimo di colpi di scena e mimica facciale; anche perché non mi aspetto che Chris Hemsworth impari a recitare, ché quando la telecamera va su di lui non gli guardo di certo il viso, dato che tre quarti dello schermo sono occupati dai sui pettorali e dal suo bicipite enorme e questo ci porta direttamente alla domanda: si spoglia? Ecco, c'è una scena mentre Thor sta a petto nudo e si lava le mani, ma una roba talmente artificiosa che non c'entra proprio nulla con tutto il resto della sequenza, che tipo si capisce troppo che l'hanno buttata in mezzo solo per farlo vedere con l'enorme petto al vento, ma a questo punto potevano osare decisamente di più e togliergli anche le mutande. Ok quello si chiama porno, lo so.
In definitiva questo Thor The Dark World non è un film malvagio; supera di gran lunga il suo predecessore e si lascia guardare intrattenendo e divertendo, ma sia chiaro che stiamo parlando sempre di film Marvel; date una telecamera in mano ad una scimmia ammaestrata e riuscirebbe senza dubbio a fare qualcosa di più profondo.
Avviso infine che ci sono ben due scene nascoste in perfetto stile Marvel, una a metà dei titoli di coda e una alla fine, dopo che son passati anche i nomi di quelli che hanno pulito le scale e portato il caffè. Se riuscite a resistere.
Share on Google Plus

About Lord79

Se Lord79 non vi piace, sappiate che mi chiamo Emilio.
    Blogger Comment

14 commenti:

  1. Sui tuoi giudizi dei due film di Thor sono in disaccordo netto, credo che il primo fosse molto più apprezzabile proprio per la regia di Branagh (e credo che dovresti migliorare il tuo rapporto con Shakespeare e con Branagh), e i siparietti comici di questo secondo capitolo sono piuttosto brutti e, per quello che ho capito, sono stati aggiunti per alleggerire il film, con esiti assai abbruttenti (quello che va in giro in mutande ha un senso? Fa ridere? Quell'altro che mostra il bicipite mentre si lava serve a qualcosa? Si tratta veramente di un modo di solleticare i peggiori istinti del pubblico, a mo' di cinepanettone con De Sica e Boldi, perché nel film non c'è quell'intensità che, appunto, ci sarebbe in tutt'altre opere).

    Grazie per le informazioni sulle due hidden scenes, non sapevo e ho recuperato la seconda.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedo che i due film ci sono piaciuti e non ci sono piaciuti esattamente per motivi opporti.
      Per come la vedo io la regia di Branagh era veramente fuori dal contesto Marvel ed ha provato a mischiare in malo modo il fumetto con la visione Shakesperiana di Branagh creando un polpettone senza identità. Questo nuovo film di Thor almeno ha il pregio di non voler ambire a nulla se non un becero divertimento. Almeno si è dato un obiettivo e lo ha rispettato.

      Elimina
    2. Mi sembra che tu stia commettendo un errore di fondo, ovvero pensare che i fumetti della Marvel debbano essere necessariamente banali e superficiali, e non possano invece avere un ricco sottotesto. In tal senso, ti invito a pensare ai primi due X-Men con la regia di Singer.

      Elimina
    3. Ma infatti io non banalizzo affatto l'universo Marvel e concordo con te che i primi due X-Men hanno dei bei contenuti, il problema è che questo Thor (primo e secondo) non sono gli X-Men e che la Marvel ha deciso di rendere i suoi nuovi film dei fracassoni comici e basta. Questo è un dato di fatto che accetto facendo spallucce.

      Elimina
    4. Sbaglio o Paolo è colui che io chiamo il classico paradigma che si fa le pippe sui fumetti e guai se glieli tocchi? :-D

      Elimina
  2. E pensare che questa mattina me ne hanno parlato con così tanto entusiasmo che mi ero quasi convinto ad andare a vederlo.
    Ma perché non esistono più i super eroi di una volta?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi viene da chiederti: "Ma che gente conosci?"

      Elimina
  3. Facciamoci due domande: su Lidl Gaga la pensiamo uguale, siamo entrambi cugini di Britney, incominciamo pure a trovarci in accordo sui film tratti dai fumetti Marvel, potremmo essere amici senza saperlo? E' una domanda sola lo so ma la seconda non mi viene in mente. :-)
    Comunque Thor 2 tutta la vita, perchè come dici tu, pretese zero anche se a me Rene Russo che piglia a schiaffi quel cattivo inutile che sembra Patty Pravo m'è garbata non poco, peccato la secchino subito.
    Butta un occhio su Agents SHIELD, ci devono essere dei puntini nel titolo da qualche parte che ti allego ....... mettili dove ti pare, le prime due puntate non sono male, in perfetto stile pigliamoci poco sul serio.
    Spero che non deluda con le altre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vabbè ma ti do il mio numero di telefono e chiacchieriamo tutta la notte come si faceva alle medie con l'amico del cuore?

      Elimina
    2. Va bene ma voglio il fisso e ti chiamo dopo pranzo come fossimo appena tornati da scuola ma comunque prima di non è la rai che lunedì forse indovinano il nome della nonna di mary patty

      Elimina
    3. Ahahahaha cazzo quanti ricordi.

      Elimina
  4. concordo con te about thor ma soprattutto sulla fantastica kate dennings.
    ma di idris elba nonmi dici nulla? a quella faccia da scemo di thor glie fa un furto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ammetto che Idris tutto bardato con l'armatura luce ha veramente il suo perché. Ma se gli togli l'armatura non mi solletica molto la fantasia. La faccia da scemo di Thor invece... ma perché ha anche una faccia?

      Elimina
    2. Lord recupera la serie Luther e cambierai idea sul fascino di Idris Elba. è un fico da paura. meglio che non ci penso.... :-D

      Elimina