L'amore bugiardo - Gone Girl [recensione]


Quando un film diventa un caso cinematografico e a me fa cagare mi fermo a riflettere: "Cosa non ho capito? Cosa mi è sfuggito che invece ha letteralmente stregato gli altri?". Ecco sinceramente non lo so e vorrei proprio capirlo.
Gone Girl è un film tratto dal romanzo "L'amore bugiardo" scritto nel 2012 da Gillian Flynn, la quale viene scelta per curare la sceneggiatura; la regia invece è affidata a David Fincher, che è quello di Seven e Fight Club e insomma, non uno di primo pelo.
La storia è praticamente quella di Ben Affleck che un giorno torna a casa e non trova più la moglie.
Panico.
Tutti gli indizi portano a lui e i media si accaniscono e dicono che il suo è un comportamento troppo freddo e che sicuramente è lui il colpevole e però chiariamo subito una cosa: quella non è la faccia di un sociopatico con mancanza di empatia, quella è proprio l'unica espressione che sa fare Ben Affleck e ce la rifila in tutti i suoi noiosissimi film e perfino con il volto coperto dalla maschera di Daredevil si riusciva a scorgere quell'espressione da tonto, che non si sa se ha capito quello che stai dicendo o no.
Poi abbiamo Rosamund Pike, una sciapetta bionda che non ha mai trovato un ruolo veramente importante e probabilmente questa è la sua grande occasione e praticamente lei è bella e seducente e il suo è un matrimonio da favola e poi sparisce in circostanze sospette e tutti i media americani parlano di lei e le sue foto con la scritta "missing" sono ovunque e però lei è viva, si è tagliata i capelli all'altezza delle spalle, si è fatta la riga in mezzo e nessuno la riconosce più. Una trasformazione che neanche Superman e Clark Kant. Neanche Sailor Moon e Bunny.
Qualche scena dopo invece la vediamo che la rinchiudono dentro una casa, le comprano una tinta e lei torna bionda e si fa da sola un caschetto scalato che neanche Jean Louis David. Voglio dire: state facendo un film thriller dove tutti i pezzi devono combaciare alla perfezione per riuscire a convincere lo spettatore e poi fate queste cagate. Io rimango basito dalla superficialità di certe sequenze.
L’intreccio narrativo vuole sorprendere lo spettatore con inganni e colpi di scena, ma la pellicola scorre troppo lenta e lo spettatore ha tutto il tempo per fermarsi a riflettere e immaginarsi cosa succederà nella prossima scena e se magari anziché farlo durare due ore e mezza, tagliavano tipo quarantacinque minuti di riprese e condensavano gli avvenimenti, magari ci sarebbe stata più suspense. Che poi forse sono troppo intelligente io che capivo sempre tutto con dieci minuti di anticipo, eppure non mi sembra di essere questo premio Nobel.
La caccia al tesoro organizzata dalla moglie che scomparsa dovrebbe essere la chiave di volta del film, ma viene messa troppo spesso in secondo piano e in alcuni momenti è proprio accantonata; le indagini della polizia non sono mai interessanti (tra parentesi la detective è la sosia della cantante Tosca); l'unico spunto veramente intelligente è la rappresentazione di come i media si appassionino a questi casi di cronaca e ci costruiscano sopra veri e propri servizi televisivi per arrivare a toccare le giuste corde del pubblico a casa. Se in Italia abbiamo Barbara D'Urso, anche l'America ha i suoi giornalisti sciacalli che fanno della cronaca appuntamenti televisivi di gossip.
Ma anche questo tema è solo un contorno e tutto il film rimane bloccato in una sorta di La Guerra dei Roses che incontra Prisoners. Dal primo prende il tema degli sposini che una volta si amavano e che hanno visto sfumare la loro passione fino a dichiararsi letteralmente guerra; ma senza mai sfiorare la nera ironia del film di Danny DeVito o la straordinaria interpretazione che fecero Michael Douglas e Kathleen Turner. Dal secondo invece ruba le atmosfere cupe, con la cittadina che si riunisce per cercare la persona scomparsa e il fatto che tutti gli indizi puntino su una persona e poi invece la storia prenda una svolta diversa e però Prisoners è proprio un bel film e consiglio a tutti di recuperarlo, questo no. (Prisoners è uscito nel 2013 e ci sono come attori quel grandissimo pezzo di carne di Hugh Jackman e un Jake Gyllenhaal che fa un'interpretazione veramente magistrale).
Ecco, ne avevo sentito parlare tanto bene e invece questo Gone Girl si è rivelato un filmetto da casalinga annoiata, che ha suscitato un po' di hype perché in una scena si vede per una frazione di secondo il pisello di Ben Affleck e su questo fatto ci hanno costruito sopra un mare di gossip e del resto, quando un film è così tanto fiacco, bisogna pur trovare un modo per far sì che la gente ne parli.
Share on Google Plus

About Lord79

Se Lord79 non vi piace, sappiate che mi chiamo Emilio.
    Blogger Comment

17 commenti:

  1. A me è bastato leggere il libro. Una cagata unica, specie nel finale. Dopo questa recensione, se poco poco avevo dubbi, adesso sono ancora più convinto che sia meglio attendere che arrivi su Sky invece di buttare soldi. Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A dire il vero neanche sapevo fosse tratto da un libro, ma a questo punto me lo immagino un po' come 50 sfumature di grigio, ovvero un best seller che è piaciuto a quelle donne mezze represse che hanno trovato in quelle pagine uno sfogo per le loro fantasie erotiche inespresse.

      Elimina
    2. Concordo in toto su 50 sfumature di grigio, leggere quella cagata è stata la cosa peggiore che abbia fatto negli ultimi 10 anni. Da prendere a sberle lei e a calci nelle gonadi lui.

      Elimina
  2. Gone Girl non è un film perfetto ma sento comunque di consigliarlo perché quando le luci si accendono lascia più di uno spunto di riflessione. Alcuni aspetti sono discutibili ma resta una pellicola capace di indagare nella vita di una coppia apparentemente speciale (belli, intelligenti, benestanti) in realtà alle prese con problemi da comune middle class. Paradossalmente l'inespressività di Affleck in questo caso gioca a favore del personaggio: Nick è un uomo senza spina dorsale circondato da donne più intelligenti di lui (moglie, sorella, sosia di Tosca, persino l'amante ventenne) e la Pike regge bene il ruolo della sociopatica. La durata del film è ingiustificatamente lunga e tutta la storia parallela dell'ex fidanzato milionario assolutamente superflua però la trama appassiona, alla fine la regia di Fincher e il montaggio salvano quello che avrebbe potuto essere un filmetto per casalinga annoiata ma è qualcosa di più, almeno secondo me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fermo restando che ognuno ha la sua opinione e che le mie idee non sono più valide delle tue, mi pare di capire che su molte cose mi dai ragione e non salvo neanche la regia di Fincher che come ho scritto è troppo lenta e lo spettatore ha tutto il tempo per pensare e riflettere e fare le sue ipotesi che poi il più delle volte risultano azzeccate. Io con una trama simile avrei fatto un film più frenetico e allora forse veramente si riescono a creare colpi di scena. No, non mi è piaciuto quasi nulla di questo film.

      Elimina
  3. Ti dó ragione in pieno Lord. Auguri in ritardo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fa piacere sapere di non essere l'unico a pensare che sia stato un gran bluf questo film. Speriamo non vinca nessun premio.

      Elimina
  4. No ecco, mano male. Pensavo di essere il solo ad averlo trovato lento come la morte...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lento, brutto e insulso. Fosse stato lento ma bello, avrebbe avuto almeno un pregio.

      Elimina
  5. Consigliato da amici (di quelli sedicenti espertoni di cinema che solitamente sparano a zero su tutto) mi sono fatto fregare anch'io. La tua recensione mi consola, ho pensato le stesse cose. Il ricordo che mi ha lasciato questo film è quello di un sottofondo fastidioso che mi ha stordito ma allo stesso tempo mi impediva di addormentarmi come si deve.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me succede che uno che tutti stimano e che conta qualcosa dice che il film è bello e poi allora la gente dice che è bello solo perché non ha il coraggio di contraddirla o si convince che è bello perché se l'ha detto lui deve esserlo per forza. Ecco no.

      Elimina
  6. A me e al mio gruppetto di amici è piaciuto molto. Il libro non l'ho letto e non avevo ancora sentito alcun commento a riguardo, mi ispirava...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Boh, non so che dirti, io non ho trovato neanche un momento interessante.

      Elimina
  7. La penso esattamente come Dorian Gray. Anche a me è piaciuto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi verrebbe da chiedervi cosa vi è piaciuto di preciso...

      Elimina
  8. visto questo e prisoners su tuo consiglio - molto bello il secondo - il primo è poco credibile, ma l'attrice ha strappato una nomination agli oscar come previsto. - JJ

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma a me non è piaciuta neanche lei, sempre con quell'espressione spaurita. Boh, le attrici brave sono altre. Ma poi si sa che gli Academy sono un po'... ecco come dire... pilotati dalle case di distribuzione.

      Elimina