Köln


Dunque, partiamo dall'inizio, perché andare a Colonia?
Ecco, potrei dirvi del fatto che è una delle città più antiche della Germania o che è considerata la capitale economica e culturale della Renania o per la sua mastodontica cattedrale gotica e invece la verità è una sola: c'era un offerta pazzesca su Expedia che non potevamo ignorare. Insomma, in tempi di crisi bisogna accontentarsi di quello che passa il convento e poi tornare in Germania, è anche l'occasione per incontrare alcuni amici tedeschi.
A Colonia d'inverno fa un freddo porco e ovviamente lo sapevamo benissimo che avrebbe fatto freddo e però non riesci ad immaginare quanto freddo farà, fin quando non sei lì con le chiappe gelate e le mani che non si scaldano neanche infilandole dentro le viscere di un orso polare. E quando esci ogni volta la stessa trafila e chiudi il cappotto e metti i guanti e infila sciarpa e cappello e poi invece entri in un qualsiasi locale dove fanno sessanta gradi e allora togli cappotto, guanti, sciarpa e cappello e poi torni in strada che ci sono zero gradi e infila tutto di nuovo e poi entra ancora in un locale e spogliati nuovamente e insomma... è un bello stress, mica no! senza considerare che a mettere e togliere il cappello ogni dieci minuti, potete dire addio al gel o qualsiasi acconciatura avevate provato a fare prima di uscire e rassegnatevi ad essere per sempre spettinati.
Colonia non è così piccola come credevo e anzi, è la quarta città tedesca per numero di abitanti ed è stata fondata dai romani nel lontano 49 a.C. quando Agrippina, moglie dell'imperatore Claudio, decise che quella doveva diventare una colonia romana e così la chiamarono Colonia Claudia Ara Agrippinensium o più semplicemente, Colonia Agrippina. Nel 455 però, i Franchi conquistarono la città e ne fecero la propria capitale e lo so che starete sbuffando pensando che queste informazioni storiche non interessano a nessuno, però avete imparato una cosa nuova suvvia.
Durante la seconda guerra mondiale Colonia fu rasa al suolo dai bombardamenti e i libri raccontano che rimase in piedi solo il 10% della città e la Cattedrale dedicata ai Santi Pietro e Maria, venne colpita da 14 bombe e chiamatelo miracolo o chiamatelo culo stratosferico, ma non crollò. Riportata allo splendore originale nel 1996 è diventata patrimonio dell'umanità e, neanche a dirlo, simbolo della città. Che poi forse non tutti sanno che questa, è la terza chiesa gotica più grande del Mondo, ma tipo che la più famosa Notre Dame di Parigi in confronto è una puzzetta. E poi secondo la tradizione, qui sarebbero custodite le reliquie dei Re Magi e tutti che fanno le foto davanti al sepolcro e ovviamente noi illuminati sappiamo benissimo che i Re Magi non sono mai esistiti e sono una leggenda al pari di Babbo Natale, però per chi ci crede  è una gran figata vedere la tomba dei Re Magi. Le torri principali della cattedrale sono alte 157 metri e una di queste è accessibile al pubblico e per arrivare in cima bisogna salire 506 gradini e vi giuro che arrivati a metà i polpacci iniziano a bruciare e ovviamente da lì su, si gode una vista che abbraccia tutta la città e si vede il Reno con i suoi ponti di ferro e le guglie decorate del duomo che sembrano ad un passo e fa un freddo che si congela il mocciolo nel naso.


Forse non tutti sanno che Colonia è una delle città più finocchie d'Europa e il suo Gay Prid che si celebra a fine giugno, raccoglie ogni anno migliaia di persone e sembra assurdo perché in fin dei conti questa è una città con circa un milione di abitanti (ovvero meno della metà di quelli che si trovano a Roma) e però sulla cartina di Colonia che abbiamo tra le mani, risultano qualcosa come cento locali gay tra bar alla moda, saune, ristoranti e cruising e ce ne è veramente per tutti i gusti e dato che siamo in Germania, non mancano i fetisch-club e le serate dedicate alla pelle o alla gomma o ai vestiti militari e devo decidermi di comprare una tutina in latex o qualcosa del genere che altrimenti in questi posti non so mai cosa mettere, perché pare brutto entrare in t-shirt bianca e jeans sbiaditi, quando poi sono tutti inguainati in pelle nera.
Il centro e la zona attorno al Duomo, sono forse la parte più bruttarella di Colonia e i palazzi sono quasi tutti rifatti senza particolare attenzione e la zona è prettamente commerciale e per fare un po' di shopping di tendenza è consigliabile andare nelle stradine tra Rudolfplatz e Friesenplatz dove ci sono negozi più alternativi e i vicoli sono stretti e le case caratteristiche e non è difficile incontrare bei murales a colorare le strade e in particolare consiglio di fare un giro per Ehrenstraße.
La famosissima Acqua di Colonia che tutti i nostri nonni hanno messo almeno una volta nella vita, in verità sa di insetticida alla citronella e non mi stupirei se in Italia la stessero vendendo da anni sotto il falso nome di Autan.
La birra tipica di Colonia è la Kölsch e la vendono in ogni angolo della città e costa praticamente meno dell'acqua e quindi ogni pranzo, cena o colazione, è innaffiato con litri di Kölsch e comunque state tranquilli perché è abbastanza leggera e anche dopo il sesto bicchiere, sentirete ancora la testa bella ferma sulla spalle, ma le membra rinvigorite da un pizzico di alcol.
Share on Google Plus

About Lord79

Se Lord79 non vi piace, sappiate che mi chiamo Emilio.
    Blogger Comment

9 commenti:

  1. E il Capodanno che hai combinato!? :D

    RispondiElimina
  2. Cquesta città santa è cfrogiolo di omosessuali, pappa non approfa!
    Sodomiti! ahahahaha

    RispondiElimina
  3. quindi quelle belle casette colorare come fossero delle caramelle sono state costruite nel 1996? avanti sti architetti :P

    RispondiElimina
  4. Inizia da questa :) http://www.queerblog.it/galleria/big/uomini-pelosi-per-un-erotico-natale-gay/17

    RispondiElimina
  5. bella lì un nuovo capitolo della guida turistica lordica.
    faccio il mio solito elenco.

    - la cattedrale è strafiga, io però non l'ho mai vista dal vivo. se proprio vogliamo fare i pallosi aggiungo che Goethe la prese ad esempio per rivalutare il medioevo.. ma che palle, lasciamo stare.

    - questi bastardi di coloniesi hanno rubato a milano i re magi, che erano seppelliti nella Basilica di Sant'Eustorgio che non se la caga nessuno, ranne la mia relatrice e me... oggi rimane solo una grande bara di pietra...piena di spazzatura

    - il nome nn lo sapevo, ebbravo!

    Hai scritto una bella cosa, bel modo, simpatica ecc. e mi finisci con quel "se riesco metto qualche bella foto in più?" e che è il compitino!? Non mi cadere in questi particolari eheheh :D

    RispondiElimina
  6. Ti prego non dire che babbo natale non esiste mi fai star male se dici così. ;)

    Wonderful

    P.S. Bentornatoebuonanno

    RispondiElimina
  7. Son le abitudini qua del nord, fuori scoreggi ghiaccioli, dentro sudi pure a torsonudo. Certo che i vezzi come la pettinatura al gel o scarpe scamosciate vengono presto abbandonati... Io ho soppresso perfino l'ombrello.

    RispondiElimina
  8. >>>awkward
    Capodanno siamo prima stati a cena in un ristorante molto tranquillo (lì non c'è la smania del cenone di capodanno e i ristoranti non fanno menù esagerati e con prezzi gonfiati solo per spillare soldi ai turisti) e poi abbiamo girato un po' di locali e a mezzanotte siamo usciti in strada a vedere i fuochi d'artificio e poi siamo tornati in un locale mezzo disco/pub dove abbiamo incontrato i nostri amici tedeschi e con i quali siamo stati fino alle sei del mattino.

    >>>vittorio
    Ahahahaha!
    Sì, infatti... è quasi il colmo perché il Santo padre mi sembra provenga proprio da quelle zone...


    >>>Pier
    Quelle casette colorate credo siano originali e sopravvissute ai bombardamenti. Però ora mi fai domande troppo tecniche e la data della loro costruzione proprio non la so.

    >>>Roccia
    Ah guarda, non ne parliamo neanche. Già me l'avevano segnalata... sono troppo diva ormai, ho anche le foto sui siti porno.

    >>>Matt
    a cattedrale è molto bella sì,
    i Re Magi sapevo che li avevano rubati, ma ancora non ho capito il perché.
    Le altre foto te le guardi su FaceBook, qui non mi va di metterle... ehehehe.

    >>>Wonderful
    Babbo Natale non esiste e se esiste odia i bambini.

    >>>Belguglielmo
    Ah guarda, l'ombrello lo ho fatto fuori da tempo anche io.

    RispondiElimina
  9. ..io ci vado solo per un wend a inizio marzo.. spero di non ghiacciarmi il culo, di vedere le belle stradine le birre e uno di quei 100 locali che non richieda pelle addosso!!!! :)

    RispondiElimina