Gente della palestra #8



Tipo che si improfuma come una zoccola
La volta scorsa ho parlato di quello che puzza in modo orrendo e l'ho abbastanza massacrato. Oggi invece troviamo l'esatto opposto e ovvero quel tipo che si mette il profumo prima di iniziare l'allenamento. Che poi non si mette una cosa fresca e discreta come può essere, che ne so, cK One. No, quello si fa sette spruzzate di Fahrenheit o Angel che se non li conoscete, sono praticamente i due profumi più dolci della storia dei profumi e io voglio dire: ma che te lo metti a fa' il profumo prima di entrare in palestra? No, perché se è per coprire la puzza di sudore, allora sei un pazzo perché quello che viene fuori è solamente un mix micidiale che sterminerebbe anche le zanzare; e se invece lo metti perché ti piace... bhe stiamo in palestra, non puoi avere lo stesso odore delle sgualdrine in via Salaria!! Intendiamoci, mille volte meglio questo, rispetto a quello che puzza in modo orrendo, però cavolo... vicino a lui non si può fare un respiro profondo che ti prende una stretta alla gola micidiale!

Quello che ti chiede - Possiamo alternarci? -.
La palestra è un luogo che inevitabilmente va condiviso con altri esseri umani.
Forse solamente all'ora di pranzo si può sperare di essere da soli e infatti a pranzo c'è molta meno gente e allora è un po' come essere il padrone della palestra e però io a pranzo sono stanco e non riesco neanche a sollevare la forchetta e figuriamoci se mi metto a sudare sulla panca piana. Preferisco allenarmi quando esco da lavoro e quindi intorno alle sei/sette e però il problema, è che mezza Roma ha i miei stessi orari e quindi capita abbastanza spesso che mentre sto facendo un esercizio, arriva uno che domanda: - Scusa, quanto ti manca con questa macchina? -, che nel linguaggio della palestra, significa - Tra quanto ti togli dalle palle? -. Ecco, in questi casi succedono due cose: o hai quasi finito e quindi gli dici che è la tua ultima serie e quello si mette l'anima in pace e aspetta; oppure se hai ancora molto da fare e gli dici che ti mancano ancora tre serie, sta pur certo che quello ti domanderà: - Ti dispiace se ci alterniamo? -. Sì, mi dispiace. Cioè, questa sarebbe la risposta che vorrei dare così su due piedi e però io sono un ragazzetto educato e quindi rispondo sempre che non c'è alcun problema. Cioè, non è vero,certe volte faccio lo stronzetto e gli dico di aspettare il loro turno nei casi in cui:
A. Sei secco, ma così secco, che non riesci neanche a sollevare i pesetti rosa che le ragazze usano per la lezione di step.
B. Sei alto un metro e venticinque e ogni volta devi cambiare la posizione del sedile.
C. Sei sudato come se ti avessero appena fatto un gavettone.
D. Hai un braccio grande come la mia coscia e devi aggiungere cento chili ogni volta che finisco la mia ripetizione, facendomi fare la figura del rammollito.
E. Puzzi.
Che poi invece, altra cosa che capita non di rado, è trovare un asciugamano disteso sulla panca e allora ti guardi attorno e chiedi al tipo più vicino - Scusa, è tuo? - e quello risponde di no e allora guardi a destra e a sinistra e magari vai al bagno a bere e aspetti altri due minuti per capire di chi possa essere e poi però ti rompi il cazzo e lo prendi e lo sposti e non appena ti metti seduti per iniziare l'esercizio, sta pur certo che arriva il proprietario dell'asciugamano con aria infastidita: - Scusa, qui ci stavo io... -. Ecco, in questi casi vorrei rispondere con un secco: - Forse quindici minuti fa era il tuo posto, prima che sparissi per chi sa dove, ché ho chiesto a tutta la palestra di chi fosse l'asciugamano e nessuno lo sapeva... -. Però poi faccio il bravo e quello che mi esce dalla bocca è solamente un: - Ah ci stavi tu? Ok, ci alterniamo? -.
Leggi anche gli altri episodi di Gente della palestra, clicca sull'icona sottostante:

   
   
Share on Google Plus

About Lord79

Se Lord79 non vi piace, sappiate che mi chiamo Emilio.
    Blogger Comment

9 commenti:

  1. Io piuttosto di chiedere a qualcuno di alternarsi con me, cambio completamente allenamento! Sono asociale anche in palestra, infatti scelgo sempre il sabato e la domenica oppure l'ora di pranzo/cena per andarci, così posso starmene per conto mio. Poi comunque potrei fare qualche eccezione tipo per gente come quello nella foto.

    RispondiElimina
  2. Non a caso io ci vado all'ora di pranzo così da trovare al max due gallinelle e l'istruttore che a sua volta si allena e con la scusa mi faccio seguire meglio! Odio profondo verso quelli che vanno in palestra prevalentemente per parlare, che occupano l'attrezzo col loro asciugamano e spariscono per 10 minuti. Ecco, se all'inizio aspettavo e stravolgevo il mio allenamento, adesso me ne frego e lo butto al largo!

    RispondiElimina
  3. Anche questo post me lo devo segnare caso mai un giorno mi venisse la voglia di iscrivermi in palestra così saprò cosa rispondere nelle varie situazioni perchè all'ultimo avrei risposto "ma se c'eri te sulla panca adesso io sarei steso sopra di te, e quindi adesso ci sono io e se ti vuoi stendere sopra di me fai pure" e magari avrei dato una risposta che potrebbe essere intesa come un allusione ad altro.

    RispondiElimina
  4. AHahaha allora anche tu quando viene il proprietario dell'asciugamano chiedi: "ci alterniamo?" :-P

    a parte gli scherzi... io forse faccio parte di questa categoria... perché a volte si puoi fare l'esercizio seguente in attesa ke si liberi la macchina ma se ti manca proprio quello per finire il gruppo muscolare che fai?


    Ciao ciao
    NaLiRm

    RispondiElimina
  5. Stessi pensieri, stesse dinamiche che ho io.
    Però anch'io che prima stavo defilato ho imparato a chiedere: ci alterniamo? Lo faccio con quelli che allenano una sola fascia muscolare per sera, leggi "utilizzo del bilanciere per 70 minuti di pettorali"... E dove vorranno mai esplodere? Lo faccio anche per loro a dargli riposo. La mia è una mission!

    RispondiElimina
  6. Scusami Lord, spero che quella non sia una classifica. Non posso credere ti dia più fastidio uno secco rispetto ad uno che puzza, dai! :-D
    Comunque, quando andavo in palestra, c'era un tizio che ogni volta che mi stendevo sulla panca veniva a chiedermi se potevamo alternarci. Sembrava davvero che aspettasse quel momento. La cosa, le prime volte, non mi dava così fastidio se non fosse però che alla fine si fregava sempre la mia bottiglietta d'acqua. Tu penserai "Vabbè, magari prendeva quella sbagliata" e invece no, perché a quel punto dell'allenamento la sua era sempre vuota! E credimi, non è successo solo una volta...

    Mr.Mez

    RispondiElimina
  7. Non sei sfigato. No.
    Sei solo bipolare.

    RispondiElimina
  8. lord dovresti vedere cosa fanno gli americani in palestra...appena arrivo ti racconto tutto

    RispondiElimina
  9. Anche a me è capitato piu' di una volta di trovare l'attrezzo occupato, ma la cosaa che piu' mi disturba è trovare l'istruttore che si legge il giornale e dice "Vengo tra un momento"io capsico e passo ad un altro attrezzo,passera' un ora prima che si degni di venire,anche questo post è tra i tuoi piu' belli. :-)

    RispondiElimina