L'esibizione di Michael Jackson ai Billboard Awards 2014


I Billboard Awards 2014 saranno ricordati, oltre che per la raffinatissima esibizione di Jennifer Coatta Lopez (inguainata come di consueto in una tutina di tre taglie più piccola), anche e soprattutto per la performance "live" di Michael Jackson. Michael infatti, proprio in questi giorni sta promuovendo il suo nuovo disco e sappiamo tutti che però è morto cinque anni fa e infatti il nuovo album sarà una rimasterizzazione di alcuni vecchi brani incisi e mai inseriti nei precedenti lavori e ok; dite quello che vi pare, ma per me rimarranno sempre scarti che il buon vecchio MJ non ha mai voluto divulgare e adesso invece sono arrivati gli eredi e hanno deciso di farli ascoltare a tutti. Cavalcando l'onda di questa "resurrezione" musicale, hanno pensato bene anche di farlo salire nuovamente sul palco mediante un'ologramma, per cantare Slave to the Rhythm un brano inserito nell'album postumo "XScape" e l'operazione è decisamente affascinante, ma forse sfocia anche un po' nel macabro quando ti accorgi che quella non è una semplice proiezione, ma che la bocca di Michael canta veramente le parole di questa nuova canzone. La cosa più assurda però, è che come tutti sappiamo Michael è nato nero e poi nel corso degli anni ha subito numerosi interventi e in "Thriller" era decisamente nero e in "Bad" era mulatto e in "Dangerous" era caucasico e in "HIStory" era assolutamente bianco e in "Invincible" era ad un passo dall'essere alieno e immagino gli organizzatori di questa messa in scena (tra l'altro decisamente perfetta) che si riuniscono attorno ad un tavolo e si chiedono: "Quale Michael vogliamo scegliere per l'esibizione?" La risposta probabilmente è stata semplice, perché sebbene Thriller è e rimarrà per sempre il suo disco più venduto, la gente lo ricorda e vuole continuare a ricordarlo con le giacche dorate e il ciuffo che gli scende da un lato dell'HIStory World Tour, quando la sua fama era all'apice e le sue esibizioni erano un tripudio di effetti speciali, esercito di ballerini, troni dorati e fuochi d'artificio.
Poi gli hanno preso fuoco i capelli ed è definitivamente impazzito.
Ora ecco, fermo restando che l'esibizione con l'ologramma è assolutamente pazzesca, e che con la tecnologia siamo arrivati a livelli che possiamo fare quello che vogliamo, rimane solo una domanda di ordine morale: quanto è giusto continuare a speculare sulla figura di un cantante che ha vissuto per la musica, dando ormai tutto quello che poteva dare?


Share on Google Plus

About Lord79

Se Lord79 non vi piace, sappiate che mi chiamo Emilio.
    Blogger Comment

1 commenti: